Trama

Jacek ama l'heavy metal e il suo cane. Lavora in un cantiere vicino al confine polacco-tedesco, dove si costruisce la statua di Gesù più grande del mondo, quando un terribile incidente lo deturpa completamente. Suscitando l'attenzione dei mass media della nazione, Jacek diventa il primo polacco a sottoporsi a un trapianto facciale. Mentre per tutti è un eroe nazionale e martire, Jacek non si riconosce più allo specchio.

Approfondimento

UN'ALTRA VITA: CAMBIARE FACCIA

Diretto da Malgorzata Szumowska e sceneggiato dallo stessa con Michal Englert, Un'altra vita racconta la storia di Jacek, un giovane uomo che vede la sua vita cambiare dopo un incidente sul lavoro. Jacek ama l'heavy metal, la sua fidanzata e il suo cane. Tutti quanti - la sua famiglia, i concittadini, i parrocchiani - lo vedono come un tipo divertente e alla mano. Impegnato nel cantiere che sta costruendo la statua di Gesù più grande del mondo, Jacek rimane vittima di un grave incidente che deturpa del tutto il suo volto e che lo costringe a sottoporsi al primo trapianto facciale del suo Paese.

Con la direzione della fotografia di Michal Englert, le scenografie di Marek Zawierucha, i costumi di Katarzyna Lewinska e Julia Jarza-Brataniec, e le musiche originali di Adam WalickiUn'altra vita viene così descritto dalla regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Berlino 2018: "Mi sento molto vicina a Jacek. Questo personaggio, che suscita ansa, divertimento e stupore non solo nella sua famiglia ma anche nel suo intero villaggio, mi ha colpito per l'energia e l'onestà di cui è portatore in un mondo pieno di distorsioni. Jacek possiede tutte le caratteristiche di un eroe romantico ed incarna la definizione stessa di libertà. Con Michal Englert abbiamo voluto mettere in dubbio l'importanza che il background e le radici hanno nella vita di un individuo. All'inizio del film, la sua famiglia è la fonte sia della sua forza sia della sua debolezza. Dopo l'incidente, invece, la famiglia ha dei problemi ad adattarsi con un Jacek nuovo, diverso da prima. Sua madre pensa che quello non sia affatto suo figlio e non fa nulla per nascondere quello scetticismo tipico dei polacchi nei confronti dei trapianti, considerati in disaccordo con la religione. La famiglia diventa dunque una sorta di maledizione per Jacek, qualcosa da cui fuggire. L'unica persona che lo accetta è sua sorella. Non era nostro obiettivo quello di stigmatizzare le credenze di una famiglia polacca di provincia ma volevamo semmai raccontare la favola di un essere umano che diventa non solo un disadattato ma anche un vero apostata, un peccatore, agli occhi di chi lo amava.

A ispirare lo sfondo di Un'altra vita sono stati alcuni eventi reali. Prima di tutto, la costruzione di una grande statua di Cristo a Swiebodzin, ancora più grande di quella di Rio de Janeiro. Poi, il primo trapianto al mondo di faccia eseguito al centro oncologico di Gliwice per salvare la vita di un paziente. Infine, mi sono concentrata su qualcosa che mi irrita profondamente: il cattolicesimo cieco, quello fatto di ipocrisia, aggressione, mancanza di tolleranza e rifiuto nei confronti di tutto ciò che è nuovo".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Un'altra vita è Malgorzata Szumowska, regista, sceneggiatrice e produttrice polacca. Nata a Cracovia il 26 febbraio 1973, la Szumowska si è laureata alla Scuola di Cinema di Lodz e già da studentessa ha visto i suoi lavori proiettati al Festival di Cannes e premiati in mezzo mondo. Happy Man, la sua… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

obyone di obyone
7 stelle

  Gli ubriaconi del villaggio lo chiamano Gesù. Jacek ha in comune col Messia una lunghissima chioma bruna e la barba di due settimane. Al belloccio Mateusz Kosciukiewicz non manca certo il fisique du role per interpretare un irrequieto e tenebroso Cristo con tanto di tatuaggi e fascino magnetico che si irradia a suon di musica metal. Quando il sangue della personale Passione di… leggi tutto

1 recensioni positive

2019
2019
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

obyone di obyone
7 stelle

  Gli ubriaconi del villaggio lo chiamano Gesù. Jacek ha in comune col Messia una lunghissima chioma bruna e la barba di due settimane. Al belloccio Mateusz Kosciukiewicz non manca certo il fisique du role per interpretare un irrequieto e tenebroso Cristo con tanto di tatuaggi e fascino magnetico che si irradia a suon di musica metal. Quando il sangue della personale Passione di…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 22 aprile 2019
locandina
Foto
2018
2018
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito