Trama

Nella Vienna asburgica, all'inizio del secolo, il giovane tenente Fritz è l'amante di una baronessa. Durante una festa, l'incontro con una giovanissima violinista, Christine, gli è fatale. Fra i due nasce infatti un amore profondissimo che spinge Fritz ad abbandonare l'amante. Cionostante il barone Eggersdorf ha deciso di sfidare a duello il tenente. Quando Christine viene a sapere della morte di Fritz, si uccide. Bellissimo film di Max Ophüls tratto da Amoretto di Arthur Schnitzler. Splendido il finale senza dialoghi, con sottofondo sinfonico di Beethoven. Protagonista, al tempo giovanissima, Magda Schneider, la mamma di Romy.

Commenti (2) vedi tutti

  • Una bellissima e già matura prova di regia che tratta con straordinaria precisione e un’esemplare leggerezza di tocco una materia ad alta potenzialità drammatica che sulla traccia di un dramma di Schnitzler ampiamente rimaneggiato, mette a nudo la vera faccia del bel mondo viennese dove la spensieratezza cede il passo alla tragedia.

    leggi la recensione completa di spopola
  • Creatività e innovazione nell'uso del sonoro (effetti e musiche hanno spesso funzioni narrative più che di risalto emotivo) e del long take (tecnica in cui Ophuls non avrà rivali fino alla morte). Già maturo il ricorso ad ellissi e litoti, portate in seguito a livelli estremamente arditi. Con tutta evidenza un artista geniale sin dagli esordi!

    commento di Inside man
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

spopola di spopola
8 stelle

Per Max Ophuls l’amatissimo poeta  Arthur Schnitzler, come era solito definirlo,  è stato sempre un imprescindibile punto di riferimento, come ben sappiamo. Era dunque forse inevitabile che già quasi agli esordi, attingesse da quella fonte l’ispirazione creativa per realizzare un’opera importante come Liebelei (che fu poi quella che – ancora… leggi tutto

4 recensioni positive

2019
2019

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

MAX OPHULS: RETROSPETTIVA/FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2019 Al suo quarto film, il giovane Max Ophuls trae dall'opera di Arthur Schnitzler (da cui trasporrà un ventennio dopo lo splendido "La Ronde"), un melodramma sul sentimento dell'amore contrastato e sopraffatto dalle disumane e riprovevoli convenzioni sociali, all'interno della rigida ed orgogliosa società asburgica di inizi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti
2018
2018

Perle nascoste

MVRulez di MVRulez

Il titolo (forse un po' troppo altisonante) di questa playlist ne racchiude il suo scopo: catalogare alcune opere meritevoli (sia classiche che moderne) le quali, per un motivo o per un altro, rischiano di rimanere…

leggi tutto
2016
2016
locandina
Foto
2014
2014

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

"Liebelei" è il primo film importante di Max Ophuls, è una pellicola malinconica che anticipa molti dei temi delle opere successive del regista ed è ugualmente imperniata su un ritratto di donna appassionata, ma destinata alla sofferenza come tante altre sue eroine (basti pensare alle protagoniste di "Lettera da una sconosciuta" e "I gioielli di Madame De"). La trama si…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
2010
2010

Recensione

spopola di spopola
8 stelle

Per Max Ophuls l’amatissimo poeta  Arthur Schnitzler, come era solito definirlo,  è stato sempre un imprescindibile punto di riferimento, come ben sappiamo. Era dunque forse inevitabile che già quasi agli esordi, attingesse da quella fonte l’ispirazione creativa per realizzare un’opera importante come Liebelei (che fu poi quella che – ancora…

leggi tutto

Recensione

OGM di OGM
10 stelle

Il titolo originale tedesco, Liebelei, (ossia Libelài), ha la dolce musicalità di una sonata mozartiana. In questa romanza, tratta dall'omonima pièce di di Arthur Schnitzler, la grandezza della Vienna imperiale si distilla, infatti, in preziose gocce di sentimento, che irrorano una storia di passioni timide ed indistinte, eppure capaci di scuotere profondamente gli animi.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

L'amour fou al tempo de no'altri

juliett di juliett

In questi giorni nelle sale ci sono due film molto interessanti: Cosa voglio di più di Silvio Soldini e Gli amori folli di Alain Resnais. Due pellicole stilisticamente molto diverse, ma che hanno in comune il…

leggi tutto

MAX OPHULS,un genio...

john merrick di john merrick

Il più grande nel descrivere amori infelici,un poeta della malinconia e della delicatezza,profondo ma leggero...attingeva da grandi fonti letterarie e attraverso la sua sapienza registica ci ha regalato perle…

leggi tutto
2006
2006

Ophuls, colui che influenzò Kubrick

Zarathustra di Zarathustra

"Mi sono molto ispirato al lavoro di Max Ophuls. Ho sempre adorato i suoi stravaganti movimenti di una cinepresa che possedeva il segreto di avanzare senza posa in quelle scenografie da labirinto, accompagnata da una…

leggi tutto
Playlist

Invisibili (XVIII)

riccardo III di riccardo III

Film-fantasma, al cinema, in tv e/o in DVD. Con un sentito ringraziamento a quella "mano santa" che è Internet, a quei collezionisti che coltivano testardamente le loro passioni, fuori dalla squallida scena…

leggi tutto
Playlist
2004
2004
2003
2003
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito