Trama

Charrière prova a sopravvivere al mondo della malavita parigina del 1931. Frequentando le persone sbagliate, finisce per essere accusato ingiustamente di omicidio e detenuto in un carcere sudamericano, immerso nella giungla. Qui, pianifica la sua evasione con la complicità del falsario Louis.

Approfondimento

PAPILLON: IL PALCOSCENICO DELLA PRIGIONE

Diretto da Michael Noer e sceneggiato da Aaron Guzinowski, Papillon racconta la storia di Henri "Papillon" Charrière, uno scassinatore della malavita parigina che viene incastrato per omicidio e condannato a scontare la pena nella famigerata colonia penale sull'Isola del Diavolo. Determinato a riconquistare la libertà, Papillon crea un'improbabile alleanza con l'eccentrico contraffattore, anch'egli condannato, Louis Dega. In cambio di protezione, Dega accetta di finanziare la fuga di Papillon, creando con questo un legame di amicizia duratura.

Con la direzione della fotografia di Hagen Bogdanski, le scenografie di Tom Meyer, i costumi di Bojana Nikitovic e le musiche di David Buckley, Papillon è l'adattamento dell'omonimo romanzo autobiografico di Henri Charrière che, pubblicato in Francia nel 1969, è stato già trasposto al cinema nel 1973 da Franklin J. Scaffner (Papillon, interpretato da Steve McQueen e Dustin Hoffman). Il regista Michal Noer lo ha presentato così. "Vedo Papillon come una storia d'amore raccontata nelle condizioni più estreme immaginabili. Un film sulla fuga da una prigione di due uomini che inizialmente creano un accordo di protezione in cambio di denaro, ma finiscono per essere attaccati insieme dal sangue, dal sudore e dalla paura dell'isolamento. Papillon non è indistruttibile: impara presto che la sua amicizia con il compagno Dega è un motivo per rimanere in vita. Attraverso Dega, Papillon scopre che la solitudine e l'essere soli sono due entità separate e che la vera lealtà tra gli uomini non si trova nel denaro, ma nell'amore, nel rispetto e nell'onestà."

"Anche il mio film d'esordio R (co-diretto con Tobias Lindholm) raccontava una storia di prigione, ma non sto rivisitando il genere, né il libro o il film originale a causa di un'ossessione sui temi carcerari. Sono affascinato dalle somiglianze che una prigione condivide con un palcoscenico: ognuno ha un ruolo da svolgere. Devi tenere alta la guardia e la maschera, per non mostrare a nessuno la tua vera paura o debolezza. Questo è un tema di assoluta rilevanza nell'attualità di oggi, perché ci sono uomini e donne imprigionati in tutto il mondo ora più che mai."

"Henri Charrière ha scritto il suo libro autobiografico trattandolo come un racconto sugli uomini, sulla prigionia e sulla tenacia dello spirito umano. Scegliamo di raccontare di nuovo questa storia come una storia d'amore, scritta con il sangue e con la paura. Quello che penso - e che tutti abbiamo capito durante le riprese delle scene d’isolamento - è che c'è solo una cosa peggiore della prigione: la sensazione reale di essere soli. Ecco perché Papillon è prima di tutto, una storia d'amore piena di speranza. Riguarda ciò che ci rende veramente indistruttibili: l'amore."

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Papillon è Michael Noer, regista, sceneggiatore e attore danese. Nato nel 1978,  si è diplomato alla National Film School of Denmark nel 2003 e ha esordito nel 2010 con il dramma carcerario R, co-diretto e co-scritto con Tobias Lindholm. Nel 2013 ha poi diretto Northwest,  un duro dramma sui membri di… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Un remake molto valido, girato bene con un buon ritmo, avvincente , anche se, in tema di evasioni, altri film risultano più emozionanti.

    leggi la recensione completa di giulmar
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

Mai desistere o darsi per vinti. Anche quando una legge di stato, inflessibile, suprema, definitiva e senza scampo, finisce per annullare ed annientare personalità e caratteri, togliendo, oltre che la capacità ci agire, anche la dignità di essere umano, ogni desiderio di vita che non sia il puro sussistere vegetativo. Così è successo tante volte nel passato.… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

giulmar di giulmar
7 stelle

Un remake molto valido, girato bene con un buon ritmo, avvincente, che non fa assolutamente rimpiangere il famosissimo film di Shaffner   del 1973. La vicenda raccontata è uguale , si mantiene fedelmente  al romanzo, poche variazioni rispetto alla sceneggiatura del precedente. I due protagonisti fanno del loro meglio,  bisogna riconoscere che   reggere il… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
4 stelle

Ci vuole un bel fegato a girare il remake di un capolavoro del genere carcerario, per di più interpretato da due giganti come Steve McQueen e Dustin Hoffman. E ce ne vuole ancora di più nell'affidare l'intera operazione a una coproduzione serbo-montenegrina-maltese, con attori ben poco noti (sebbene Charlie Hunnam sia stato protagonista tutt'altro che carismatico di Civiltà… leggi tutto

1 recensioni negative

2018
2018
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti

Recensione

axe di axe
7 stelle

Non ho letto il romanzo; non ricordo di aver visionato - almeno negli ultimi venti anni - l'illustre omonimo del 1973, pertanto ho visto questo film senza pregiudizi. Nella Parigi degli anni '30, vive Papillon, abile ladro e persona abituata a godersi la vita. Accusato ingiustamente di un omicidio, maturato negli ambienti della mala, Papillon e' condannato all'ergastolo e deportato in una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

barabbovich di barabbovich
4 stelle

Ci vuole un bel fegato a girare il remake di un capolavoro del genere carcerario, per di più interpretato da due giganti come Steve McQueen e Dustin Hoffman. E ce ne vuole ancora di più nell'affidare l'intera operazione a una coproduzione serbo-montenegrina-maltese, con attori ben poco noti (sebbene Charlie Hunnam sia stato protagonista tutt'altro che carismatico di Civiltà…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 16 voti
vedi tutti

Recensione

CineMagic23 di CineMagic23
6 stelle

Dopo la versione del 1973 tratta dal libro omonimo con Steve McQueen e Dustin Hoffman la storia di Papillon viene riportata sul grande schermo per la seconda volta dal regista Michael Noer.         Nella Parigi degli anni 30  il ladro Henry Charrière detto Papillon (Charlie Hunnam) viene  ingiustamente accusato di omicidio e condannato…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

Mai desistere o darsi per vinti. Anche quando una legge di stato, inflessibile, suprema, definitiva e senza scampo, finisce per annullare ed annientare personalità e caratteri, togliendo, oltre che la capacità ci agire, anche la dignità di essere umano, ogni desiderio di vita che non sia il puro sussistere vegetativo. Così è successo tante volte nel passato.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

giulmar di giulmar
7 stelle

Un remake molto valido, girato bene con un buon ritmo, avvincente, che non fa assolutamente rimpiangere il famosissimo film di Shaffner   del 1973. La vicenda raccontata è uguale , si mantiene fedelmente  al romanzo, poche variazioni rispetto alla sceneggiatura del precedente. I due protagonisti fanno del loro meglio,  bisogna riconoscere che   reggere il…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 25 giugno 2018

Perché...

medusatouch di medusatouch

Clamorosa intercettazione ai mondiali in Russia: A: "Pronto?Ma dove cavolo siete finiti?" B:" Essere in Russia" A:" E come diavolo siete finiti li ?!Ma con le navi non è possibile... non fate…

leggi tutto
locandina
Foto
locandina
Foto
Charlie Hunnam, Rami Malek
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito