Espandi menu
cerca
The Ballad of Lefty Brown

Regia di Jared Moshe vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 177
  • Post 120
  • Recensioni 588
  • Playlist 194
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Ballad of Lefty Brown

di mck
7 stelle

Un altro sorso ancora dalla sputacchiera.

 

A chi s'ostina da 50 anni a piangerne la morte bisognerebbe spiegare che il western, forse IL genere per eccellenza, è nato morto, 115 anni fa. Ogni film western è, da sempre, un film storico. 

 

 

- “Tutto ciò che sto dicendo è che non puoi semplicemente mettere una corda intorno al collo di un uomo quando diavolo piace a te.”
- “A me non piace, mai.”
Scrac!
- “Un bel modo di cominciare la tua carriera, Signor Senatore!”  

 

 

Wild Bill Hickok (1837-1876), Jesse James (1847-1882), Pat Garrett (1850-1908), Billy the Kid (1859-1881), Butch Cassidy (1866-1908), Kid Curry (1867-1908), Sundance Kid (1867-1908), etc...: tutti (o quasi) morti (“prematuramente”, a volte...) e sepolti quando la Frontiera, terra di CowBoy (una via di mezzo tra picciotti e piedipiatti, gangster e sceriffi, soldatini e astronauti), rifluiva su sé stessa, all'alba della WW1, ed Edwin S. Porter (1870-1941) girava se non il primo il più (meritatamente) famoso (anche e soprattutto per i posteri) sino ad allora western movie, “the Great Train Robbery” (1903).  

 

 

“Siamo civilizzati, ora. Gli affari prosperano, le famiglie viaggiano sicure e gli indiani non violentano più le nostre mogli.”  

 

 

Le facce anonime, granitiche, come rocce perse in un "ideale", ma qui non presente, deserto di salsola; Bill Pullman, che sembra una via di mezzo tra Capannelle/Carlo Pisacane, Slim Picksen e Walter Brennan/Lauro Gazzolo; la regia televisiva, nell'accezione "negativa" del termine; l'essere copia conforme/carbone di un "qualsiasi" western (di serie A, B, C, Z) di 60 anni fa (a cominciare, ovviamente, dal dollaro d'onore nella sputacchiera nei pressi del Rio Bravo, per proseguire col ragazzino che passa dalla leggenda delle novelle d'avventura alla realtà delle proprie budella sparse); tutte queste cose, insieme a molte altre, fanno di “the Ballad of Lefty Brown”, l'opera seconda nel lungometraggio - dopo "Dead Man's Burden" del 2012 - del "cormaniano" Jared Moshe, autore anche della sceneggiatura, un bel film, dio santo, con un ottimo cast [Kathy Baker, Peter Fonda, Jim Caviezel, Tommy Flanagan (un Powers Boothe "in minore"), etc...], fotografato con alcuni squarci interessanti da David McFarland, montato da Terel Gibson (“the King of Summer”) e musicato, senza particolari guizzi né stonature, da H. Scott Salinas, mentre la (end) title track, carina, è scritta e cantata da Maiah Wynne.  

 

 

- “Il primo che si muove si becca una pallottola.”
Bang!
- “E anche il secondo.” 

 

 

Iron, steel, oil. C'era una volta il West.
Arriva la modernità, conservatrice e reazionaria per tornaconto, la cui rotta persegue e disegna perentoria le larghe curve sul mare d'erba delle grandi pianure, e sulle cui traversine i fuorilegge corrono avanti nel tempo e correndo si lavano i peccati di dosso diventando uomini che le leggi le fanno rispettare e le scrivono (anche se la mattina s'infilano i pantaloni per lo stesso verso di tutti gli altri), e il vecchio west, conservatore e reazionario per necessità, scompare, coi suoi taglioni, i suoi capestri e la sua giustizia sommaria dove 1+1 fa sempre X (“Eddie's Way”) anche quando X non è 2.  

 

 

- “Tra qualche anno ci saranno statue di me in tutto il Montana. Non è stato facile, ma ho fatto il mio lavoro. Tra qualche anno da adesso mi ringrazieranno per questo.”
- “Lo pensi? Tra qualche anno scommetto che tutta questa gente ricorderà di averti visto impiccare, ma tra una settimana sarò io a essere perseguito dalla legge. E se mi prendono, scommetto che starò a guardare anch'io le stesse facce.”  

 

 

* * * ½ (¾)

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Postilla.
La frontiera, oggi e domani.

2010-2015 (oggi) - “Justified” (6 stag.) - Graham Yost / Elmore Leonard / Timothy Olyphant
2011-2016 (1865) - “Hell on Wheels” (5 stag.)
2012-2017 (oggi) - “LongMire” (6 stag.) [Craig Johnson]

Bill Paxton, Jeff Daniels, Bill Pullman: non le diresti tre facce western.
2012 (1865-1891) - “Hatfields & McCoys” - Kevin Reynolds / Ted Mann (mini-serie in 3 ep.)
Kevin Costner, Bill Paxton, Powers Boothe, Tom Berenger...
2017 (1884) - “GodLess” - Scott Frank / Steven Soderbergh (mini-serie in 7 ep.)
Jeff Daniels, Sam Waterston, Scoot McNairy...
2017 (1889) - “the Ballad of Lefty Brown” - Jared Moshe (lungometraggio)
Bill Pullman, Kathy Baker, Peter Fonda, Jim Caviezel, Tommy Flanagan...

 

2018 (oggi, ancora, e sempre: western) - “YellowStone” - Taylor Sheridan (serie tv), 5° capitolo della sua pentalogia (ad oggi) della Frontiera, composta (ad oggi) anche da: “Sicario”, “Hell or High Water”, “Wind River” e “Soldado”.
Kevin Costner, Kelly Reilly, Gretchen Moll, Jill Hennessy, Gil Birmingham...
2019 [(1876-'77) 1878-1880ca.] - “DeadWood” - David Milch / Walter Hill (mini-serie o lungometraggio a conclusione delle tre stagioni componenti la serie originale: 2004-'06)
Timothy Olyphant, Ian McShane, John Hawkes, Molly Parker, Dayton Callie, Robin Weigert, W. Earl Brown, Brad Dourif, Kim Dickens, Paula Malcomson...

“DeadWood” - stag. 3: Premessa - Ep. 1-10 - Ep. 11-12

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati