Trama

Negli anni Trenta in Corea, durante la colonizzazione giapponese, la giovane Sookee viene assunta come cameriera per la ricca giapponese Hideko, che vive reclusa in un enorme palazzo sotto il controllo del tirannico zio. Sookee però ha un segreto: con l'aiuto di un truffatore che si fa passare per un conte giapponese ha in mente altri piani per Hideko...

Approfondimento

MADEMOISELLE: DA UN ROMANZO DI SARAH WATERS

Diretto e scritto da Park Chan-wook, Mademoiselle racconta la storia della giovane Sookee che, durante l'occupazione giapponese nella Corea degli anni trenta, viene assunta come cameriera di Hideko, una ereditiera che vive quasi in isolamento in una grande tenuta di campagna con il prepotente zio Kouzuki. Sookee, però, nasconde un segreto: è in realtà, una ladra reclutata da un truffatore che si finge conte giapponese per essere aiutato a sedurre Hideko prima di derubarla delle sue fortune e di rinchiuderla in manicomio. Il piano sembra procedere secondo le aspettative fino al momento in cui Sookee e Hideko scoprono alcune inaspettate emozioni.

Park Chan-wook con Mademoiselle realizza un thriller ispirandosi a Ladra, romanzo di Sarah Waters, e trasferendone la storia dalla Londra del 1862 alla Corea degli anni Trenta. La vicenda ha al cuore la relazione sensuale che si crea tra la giovane ereditiera giapponese e la cameriera coreana, interpretate rispettivamente da Kim Min-hee e dall'esordiente Kim Tae-Ri. Primo film in costume realizzato dal regista, Mademoiselle si avvale della collaborazione del direttore della fotografia Chung Chung-hoon e della scenografa Ryu Seong-hee, a cui si deve la realizzazione dell'immaginaria tenuta in cui vive Hideko, caratterizzata da elementi di architettura europea e giapponese. A spiegare meglio la genesi del progetto sono le parole dello stesso Park Chan-wook in occasione della presentazione del film in concorso al Festival di Cannes 2016: «Come accaduto con Old Boy, è stato il produttore a scoprire il romanzo e a chiedermi cosa ne pensassi. Sono sicuro che tutti i lettori hanno avuto le mie stesse sensazioni di fronte alla storia. La prima parte mi ha colto completamente di sorpresa e ho sin da subito amato lo stile preciso e chiaro dell'autrice. Ho scelto di farne un adattamento perché le due donne al centro del romanzo mi sono sembrate molto reali: una ha un passato oscuro mentre l'altra ha un presente disperato ma entrambe hanno grandi personalità e fascino.

Ho scelto di cambiare l'ambientazione dall'Inghilterra vittoriana alla Corea sotto la colonizzazione giapponese per ragioni pratiche. Quella della Corea di allora era una società in cui esisteva ancora la nobiltà, solita ad assumere domestici. Nonostante la modernità avesse cominciato a prendere il sopravvento, alcuni aspetti tradizionali erano duri a morire. A riflettere il binomio tradizione/modernità è anche la casa, fondamentale per il racconto. Kouzoki, zio di Hideko, ha una passione smisurata per il Giappone e l'Inghilterra e ciò si riflette nella residenza, occidentale nella parte in cui vivono i signori e giapponese in quella in cui si muovono i servi. Lo spazio più importante è poi la biblioteca: l'esterno risponde ai canoni dell'architettura tradizionale giapponese ma l'interno è occidentale. Per evidenziare i grandi spazi, avrei voluto girare in 3D ma per questioni finanziarie ho dovuto rinunciare, relegando ai movimenti di macchina il compito di aumentare la profondità e il clima di mistero e sospetti. Se avessi potuto, avrei girato anche su pellicola piuttosto che in digitale ma non è stato possibile: ho però usato delle lenti anamorfiche per creare delle immagini che ricordassero l'epoca.

Come in tutti i miei film, anche in Mademoiselle c'è qualcosa di divertente. L'umorismo in questo caso nasce dal fatto che i personaggi nascondono le loro vere identità, in molti casi nascondono i loro sentimenti e pensano qualcosa di molto diverso da quello che dicono. Sebbene non suscitino risate, sono elementi che possono strappare il sorriso».

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Adattamento del romanzo Ladra di Sarah Waters.

Commenti (6) vedi tutti

  • Un trionfo! Il coronamento della carriera di Park Chan Wook!

    commento di Kitosh
  • Cinema orientale intriso di drammi,doppie vite e tanto sesso....con una spruzzata di gore,tipico di Park Chan-wook

    leggi la recensione completa di ezio
  • Park Chan Wook torna ai fasti di Oldboy e Lady Vendetta!

    leggi la recensione completa di starbook
  • Ahgassi (significa "signora") non è un film sul tennista ma uno stilosissimo ed elegantissimo thriller erotico-saffico davvero raffinato, diviso in tre parti contenenti verità sempre più complesse. Tratto dal romanzo inglese "Fingersmith" di Sarah Waters, qui riambientato nella Corea degli anni '30 sotto la dominazione giapponese. Ottimo!

    commento di tricker
  • se non fosse per una soundtrack un po' troppo da romanzo d'appendice, sarebbe un capolavoro assoluto (comunque ****). sarebbe interessante capire da un madrelingua nipponico in che modo recitano veramente gli attori coreani, visto che in alcune parti il film è parlato in giapponese.

    commento di giovenosta
  • Un triangolo amoroso scandaloso e lascivo nasconde una doppia trama ad inganno che avrà conseguenze letali e imprevedibili tra due splendide donne ed una affascinante ladro che si insinua tra di loro. Erotismo e inganno si cedono la staffetta in un rutilante ed elegantissimo thriller storico sbilanciato tra due culture a noi europei distantissime.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

ezio di ezio
7 stelle

The Handmaiden e' una storia di padroni e serve,due donne,nobile e aspirante l'una,cameriera e aspirante l'altra,con i loro destini che si incrociano durante il tempo dell'occupazione giapponese e la loro passione che si mischia a matrimoni riparatori,ricatti,abusi e quant'altro.Non e' facile seguire questo nuovo lavoro del regista Park Chan-Wook con le storie delle protagoniste che si… leggi tutto

4 recensioni positive

2019
2019
locandina
Foto
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2018
2018
2017
2017

Recensione

ezio di ezio
7 stelle

The Handmaiden e' una storia di padroni e serve,due donne,nobile e aspirante l'una,cameriera e aspirante l'altra,con i loro destini che si incrociano durante il tempo dell'occupazione giapponese e la loro passione che si mischia a matrimoni riparatori,ricatti,abusi e quant'altro.Non e' facile seguire questo nuovo lavoro del regista Park Chan-Wook con le storie delle protagoniste che si…

leggi tutto
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

starbook di starbook
9 stelle

Film che ho avuto la fortuna di vedere in anteprima italiana al Korean Film Festival 2017 di Firenze con la presenza del regista in sala ed una folla entusiasta alla fine della proiezione che gremiva il Cinema Teatro della Compagnia. Ambientato in Corea all'inizio del secolo scorso descrive la vicenda della giovane ladra (titolo del libro da cui è ispirato) Sookee, di umile nascita, che…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

La vendetta al femminile

Immorale di Immorale

Richard Francis Burton (non l’attore), chi era costui ? Nato in Inghilterra nel 1821 e morto a Trieste nel 1890 fu un esploratore, geografo, traduttore, scrittore, soldato, orientalista, cartografo, etnologo,…

leggi tutto
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 14 voti
vedi tutti

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
8 stelle

Dopo la sfortunata parentesi americana, Park Chan-wook, di cui basterebbe ricordare la "trilogia della vendetta" e "Thirst", torna in patria, in Corea Del Sud, e ritrova la vena perduta, con questo film di grande bellezza. Una storia imbastita attorno a un libro recente, del 2002, di Sarah Waters, ambientato nell'ottocento ma che il regista coreano sposta nella Corea degli anni 30, dominata…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito