Trama

Nick (Josh Hutcherson), giovane surfista, raggiunge il fratello in Colombia, pensando di aver trovato finalmente il paradiso. L'incontro con Maria, una bellissima ragazza del posto, segna l'inizio di un amore che cambierà presto il resto dell'esistenza di Nick. Nel momento in cui tutto sembra perfetto, Maria decide di presentare a Nick suo zio: Pablo Escobar (Benicio Del Toro), il capo del cartello della droga colombiano di Medellin.

Approfondimento

ESCOBAR: FACCIA A FACCIA CON IL RE DEL NARCOTRAFFICO

Diretto e sceneggiato da Andrea Di Stefano, Escobar racconta la storia di Nick, un giovane surfista canadese che pensa di aver trovato il paradiso quando va in Colombia da suo fratello. Qui, tra spiagge bianche come l'avorio e onde perfette, incontra la colombiana Maria e i due si innamorano. Tutto sembra filare liscio fino a quando Maria non presenta a Nick suo zio: Pablo Escobar, il re del narcotraffico.

Con la direzione della fotografia di Luis David Sansans, le scenografie di Carlos Conti, i costumi di Marylin Fitoussi e le musiche di Max Richter, Escobar segna l'esordio alla regia di De Stefano dopo una carriera come attore. L'idea di realizzare il suo primo film da regista matura in lui quando un amico poliziotto gli racconta la storia di un uomo al quale Pablo Escobar aveva affidato la missione di nascondere il suo tesoro e del quale successivamente aveva ordinato l'esecuzione allo scopo di mantenere segreto il nascondiglio. Affascinato dall'aneddoto e dalla figura di Escobar, criminale al di sopra della legge, Di Stefano ha iniziato a fare ricerche sulla vita di quello che è il criminale più odiato e al tempo stesso ammirato del mondo, una figura fortemente ambigua che come molti fuorilegge ha un forte legame con il concetto di famiglia. Non è un caso infatti che nell'universo del crimine organizzato la famiglia sia sacra: i codici rimangono sempre gli stessi e non si uccidono donne e bambini.

Concentrandosi sulla vera vita privata del narcotrafficante interpretato da Benicio del Toro, Di Stefano per Escobar inventa il personaggio di Nick, impersonato da Josh Hutcherson, e racconta in tal modo i destini paralleli di due uomini molto diversi tra loro, ognuno con la sua personale zona di luce e di oscurità. Senza mostrare violenza frontale e cadaveri, Escobar segue Nick e la sua graduale presa di coscienza della mostruosità dello zio di Maria, portata in scena da Claudia Traisac, fino al momento in sui si rende conto di condividere parte della responsabilità di ciò che accade. Come sottolinea Di Stefano, «introducendo la storia d'amore, volevo evocare la tragedia greca, la mitologia, la storia di Icaro, la storia di qualcuno che pensa di stare vivendo un sogno, che si avvicina al sole e improvvisamente tutto va per il verso sbagliato, come risultato di un grave errore. Col pretesto di essersi innamorato e di voler seguire il suo cuore, il sognatore – la cui unica preoccupazione è il proprio futuro e la felicità che ne consegue – si ritrova in mezzo a una situazione inaspettata. Gradualmente, perde il controllo, poi perde tutto, fino a che la sua vita non diventa un incubo. Pablo è un semi-dio in Colombia, mentre Nick è semplicemente un essere umano, e non può far nulla una volta che la divinità ha deciso di intervenire. Il suo destino viene sconvolto.

L'idea del personaggio di Maria mi è venuta in mente leggendo un libro del fratello di Pablo Escobar, Roberto. Descrive la vita di Perolindo. Poco prima che suo zio andasse in prigione il suo fidanzato rimase ucciso nell'esplosione di una bomba. Lei andò a trovare Pablo e lo schiaffeggiò davanti a tutti. Mi attirava un personaggio come questo – una persona che non ha paura di un uomo del genere. Ho iniziato a visualizzare questa giovane donna, convinto che questo fosse il percorso giusto da seguire per affrontare la storia d'amore.

Il film inizia all'epoca in cui i Colombiani vedevano Pablo Escobar come una persona molto ricca, e solo pochissimi sospettavano che trafficasse la cocaina, soprattutto perché allora questa droga non era considerata dannosa per la salute. Persino il commercio di marijuana prevedeva pene detentive più severe. In Colombia, Perù e Bolivia la cocaina era considerata una medicina. Si masticavano le foglie per combattere la malaria e guarire il raffreddore. Era piuttosto normale. Rimasi molto affascinato leggendo l'intervista di una delle sorelle maggiori di Pablo. Diceva che tutti avevano sempre masticato le foglie. Secondo il suo punto di vista, suo fratello esportava semplicemente un prodotto nazionale. Secondo lei, e secondo tutti loro, era una cosa del tutto naturale.

Tutto quello che Pablo Escobar dice nella sceneggiatura originale, in un momento o nell'altro della sua vita lo ha detto davvero. Questo è meno vero per quanto riguarda le sue parole contenute nella versione definitiva  perché abbiamo modificato alcune battute. A ogni modo è tutto basato su fatti reali. Ad esempio, trovo la scena in cui sta seduto nella macchina di Bonnie e Clyde piuttosto affascinante. Comprò davvero il veicolo nel quale i due fuorilegge furono uccisi. Si è sempre considerato un bandito. Uno dei suoi uomini raccontò che stava seduto per ore in quella macchina. Bonnie Parker è stata crivellata di proiettili su quel sedile, e credo che mentre stava seduto lì al suo posto, riflettesse su come i due banditi fossero stati traditi da una terza persona. Tutto questo è servito come punto di partenza per dar vita la suo personaggio cinematografico, per fornire la motivazione, per renderlo attivo».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (9) vedi tutti

  • Fa parte di quei Films che gia' dalla Trama viene da pensare "Lo guardo anche se non m'interesserebbe ..." infatti,si muove meglio dopo almeno metà visione e il resto e' di poco conto.voto.4.

    commento di chribio1
  • Non mi é piaciuto granché. Piatto. E il protagonista é veramente inespressivo, sempre con quella faccia di cane bastonato, e anche brutto. Deve avere dei santi in paradiso per riuscire ad avere parti così.

    commento di corradop
  • Inquietante film "biografico"

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Un gran bel film,che regge bene le sue due ore di durata,con una buona dose di avventura,suspence e morsa psicologica....Del Toro immenso....non fatevelo scappare,per nessuna ragione al mondo.

    commento di ezio
  • Un film che non è male ma avrebbe potuto essere decisamente meglio senza Josh Hutcherson: un pessimo attore! Ha sempre la stessa espressione, non capisco come abbia fatto ad aggiudicarsi ruoli come questo e come quello in Hunger Games, pure lì orribile interpretazione.

    commento di shiten
  • Ho trovato il film bellissimo e avvincente dall'inizio alla fine. Unica pecca Nick, il protagonista, scelto probabilmente per la sua mascella molto accentuata, per il resto assolutamente inespressivo. Nonostante questo, il film e' andato alla grande, gran bella trama, grande Del Toro, brava e bella Maria. Insomma mi e'piaciuto davvero tanto.

    commento di idontcare
  • il protagonista di questo film NON E' Escobar, bensì un fittizio amico suo canadese, oltretutto interpretato da un attore piuttosto modesto, mentre Escobar è interpretato alla grande da Del Toro ma appunto ha un ruolo marginale, venendo dipinto quasi esclusivamente come un mandante di omicidi senza spiegazioni, incluso l'amico canadese. Evitare.

    commento di GMK
  • **** Discreto impianto narrativo a cavallo tra melodramma e azione. Un tesissimo crescendo di ferocia reso in modo efficace soprattutto nella seconda parte. Ottima performance interpretativa di Benicio Del Toro.

    commento di Estonia
  • gran bel film altrochè. mai banale e teso fino alla fine. grande del toro.

    commento di Ottiperotti
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

      L'impresa di Andrea Di Stefano. Esordire come regista-sceneggiatore in una produzione 100% internazionale? No: sprecare, smitizzare, riducendola a formina di sabbia, una figura leggendaria come Pablo Escobar e di conseguenza il grandioso attore che lo interpreta, ovvero quel Benicio del Toro indiscutibilmente e geneticamente nato per quel ruolo. Il tutto per un'operina… leggi tutto

4 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Karl78 di Karl78
5 stelle

Raccontare il punto di vista del ragazzo della nipote di Escobar (chi? e perché non quello del cognato della cugina di terzo grado? ma che caz...) poteva essere una variante. Peccato che non interessi un tubo a nessuno. Così come a nessuno interessa vedere in scena Hutcherson, il più vecchio 25enne sulla faccia della Terra (e allora era pure più giovane), con la… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

pazuzu di pazuzu
7 stelle

Con alle spalle quindici anni di carriera non eccelsa come attore, Andrea Di Stefano ha esordito alla regia con un'operazione talmente ambiziosa e costosa da rivelarsi del tutto irrealizzabile all'interno del sistema cinematografico italiano. Trovati produttori e soldi tra Francia, Spagna e Belgio, è riuscito a portare a termine un progetto covato per cinque anni: Escobar: Paradise… leggi tutto

8 recensioni positive

2017
2017

Recensione

ethan di ethan
6 stelle

Nick (Josh Hutcherson) e il fratello Brady (Dylan Brady) giungono in Colombia per aprire una scuola di surf: Nick conosce per caso Maria (Claudia Traisac) ed è subito colpo di fulmine. La ragazza però è la nipote del criminale e boss del narcotraffico Pablo Escobar (Benicio Del Toro). Le loro esistenze saranno irrimediabilmente segnate e Nick, anche volendo, non…

leggi tutto

Recensione

Furetto60 di Furetto60
7 stelle

Uno scorcio della vita del famosissimo trafficante di droga, Escobar,narrato attraverso il drammatico racconto, presumo inventato, della storia d'amore di una nipote Maria, con un giovane surfista.Pablo E. è uno dei personaggi più controversi,discussi e ambigui della storia contemporanea.Sono stati versati fiumi d'inchiostro sulla sua vita, considerata sciagurata da molti,ma…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

zombi di zombi
8 stelle

l'innocenza di un giovane canadese arrivato in colombia al seguito del fratello maggiore, si estrinseca nel voler aprire un posto dove i turisti, o i gringo come vengono chiamati dai locali, possano bere e rifocillarsi bocca, cuore e spirito in un posto paradisiaco. i gringos sono surfisti e il fratello maggiore non può più surfare a causa di un incidente che lo ha reso zoppo.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

Karl78 di Karl78
5 stelle

Raccontare il punto di vista del ragazzo della nipote di Escobar (chi? e perché non quello del cognato della cugina di terzo grado? ma che caz...) poteva essere una variante. Peccato che non interessi un tubo a nessuno. Così come a nessuno interessa vedere in scena Hutcherson, il più vecchio 25enne sulla faccia della Terra (e allora era pure più giovane), con la…

leggi tutto
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
2016
2016

Recensione

will kane di will kane
7 stelle

Attenzione ad innamorarsi della persona sbagliata, anche se può avere buone qualità, magari è imparentata male. Ad un giovane canadese che ha scelto di passare un periodo vivendo in Colombia con il fratello, in un caravan, insegnando ai giovani del posto ad andare in surf, capita di conoscere una bellezza locale, che però è nipote di Pablo Escobar, il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
5 stelle

Il titolo di un film è la presentazione di una pellicola, tanto quanto un trailer. Quando entrambi gli elementi fuorviano lo spettatore indirizzandolo verso una possibile trama (che poi non è) chi guarda, deluso e sentitosi preso in giro, guarda con diffidenza ogni fotogramma e, fino alla fine della visione, non riuscirà a pensare ad altro. Estrapolando Benicio Del Toro dal…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

DestroyYourTeachers di DestroyYourTeachers
9 stelle

Do voto 9 provocatoriamente. Contro l'invidia di quegli italiani che odiano se stessi. Il film è registicamente complesso, con sbavature e buchi di trama, ma tiene benissimo, avvincente, ben girato e scritto. Porta alla luce temi non banali e ben descritti senza pesantezza dal procedere della storia. La parabola di Escobar ha qualche imperfezione, ma le atmosfere sono perfettamente dosate…

leggi tutto

Recensione

BenKenobi di BenKenobi
2 stelle

In questo periodo di film italiani che esplorano i film di genere, Di Stefano ci prova anche lui con questo thriller internazionale. Ma l'operazione è mimetica e non personale, come ad esempio in Jeeg Robot. Ne risultano dialoghi imbarazzanti, personaggi senza alcuna sfumatura, e una sceneggiatura che da tutto per scontato. Benicio del Toro ci prova a portare il film…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 13 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
7 stelle

Verso la fine degli anni '80 un giovane surfista canadese (Hutcherson) si reca con il fratello e la fidanzata di quest'ultimo in Colombia, sperando di scovare lì il suo paradiso (e infatti Paradise Lost è il titolo originale del film). Trova invece la fidanzata (Traisac), una ragazza del posto il cui zio è nientemeno che Pablo Escobar (Del Toro), il re del narcotraffico. Il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

mc 5 di mc 5
10 stelle

Dico subito che il film non solo mi è piaciuto ma mi ha entusiasmato, soprattutto (a parte gli ottimi interpreti, pur con un dubbio che in seguito chiarirò) per il talento con cui il regista e co-sceneggiatore l'italiano Andrea Di Stefano riesce magistralmente ad unire una felice poetica narrativa da romanzo con una infallibile tensione degna di un thriller perfetto. A proposito…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito