Trama

Da quando aveva sedici anni, il quarantaquattrenne Ugo (Walter Leonardi) ha ereditato una casa sulle colline torinesi in seguito alla morte prematura dei genitori, ricchi borghesi di sinistra. È qui che Ugo si ritrova ad ospitare Maria (Manuela Parodi), una giovane commessa di un'agenzia di viaggi, e Dario (Eugenio Franceschini), ventenne universitario e precario. Tra poetiche e comiche divagazioni, tutti e tre sono alla ricerca di un loro posto nel mondo.

Approfondimento

LA LUNA SU TORINO: LEGGEREZZA SUL QUARANTACINQUESIMO PARALLELO

Scritto, prodotto e diretto da Davide Ferrario, La luna su Torino segna il ritorno al lungometraggio di finzione da parte del regista a quattro anni da Tutta colpa di Giuda. A raccontare la genesi del progetto, interpretato da attori quasi sconosciuti e con una colonna sonora firmata da Dente, è lo stesso regista in occasione della presentazione del film fuori concorso al Festival di Roma: «La luna su Torino nasce dalla voglia di leggerezza. Come essere umano e intellettuale, di fronte alla catastrofe culturale e civile che incombe, sento che una maniera di reagire è usare la levità, una delle poche armi con cui si può affrontare il disastro. Nel film non è che non si trattino temi importanti, a cominciare dalla classica domanda su qual è il nostro posto nel mondo. Ma vorrei che il tono con cui sono trattati fosse come la mongolfiera su cui sale Ugo a un certo punto: una cosa ancor più leggera e inconsistente dell’aria, ma proprio per questo capace di volare in alto. Ho molto riflettuto sull’Italo Calvino di Lezioni americane, che dedica alla leggerezza proprio la prima lezione, in particolare quando parla di una “leggerezza della pensosità”.
Calvino in Lezioni americane si occupa anche di Giacomo Leopardi. E non a caso Leopardi è uno dei “fari” del film, sotto forma di passione del protagonista. Devo dire che ho scoperto Leopardi facendo Piazza Garibaldi. L’avevo imbalsamato nelle letture liceali; e ho trovato, oltre al poeta, uno straordinario pensatore. Spietatamente ironico, ma anche romantico. Lucidissimo e insieme impotente a cambiare le cose. L’esatta condizione della post-modernità.
Nonostante io odi i film con il "messaggio", in La luna su Torino [qui la pagina Facebook del film] un motivo di fondo certamente c’è: la precarietà, intesa come spirito dei tempi. Ma una precarietà depurata da ogni connotazione sociologica. Il personaggio interpretato da Eugenio Franceschini non è precario perché studia e lavora part time. Lo è perché si fa delle domande sulla propria esistenza, come d’altra parte tutti gli altri che attraversano il film. Sono tutti, a loro modo, degli acrobati, in equilibrio su un filo: la precarietà, allora, diventa anche l’arte di saper camminare su quel filo senza cadere.
La luna su Torino persegue poi la mia passione per il quarantacinquesimo parallelo. Intanto, un fatto: io sul 45emo parallelo ci sono nato, esattamente a Casalmaggiore. E poi il destino mi ha portato a vivere a trecento metri dalla linea del parallelo, nella campagna torinese. Sembra che la mia vita sia segnata da questo arcano. Ma al di là dell’aspetto privato, il 45emo parallelo mi appassiona perché è una metafora dell’equilibrio. Qui siamo a metà dell’emisfero, e nessuno ci pensa mai. Un passo verso nord o verso sud e finiamo per pencolare di qui o di là, cosa che non accade per altri paralleli. Infine, geograficamente, trovo estremamente suggestivo percorrere quella linea immaginaria e vedere dove ci porta. Scoprendo magari di essere più “simili” ai mongoli del Gobi che a molti italiani.
Seguendo poi la regola che mi ero imposto per Dopo mezzanotte, con cui La luna su Torino ha evidenti parentele, volevo delle facce nuove, capaci di portare una sensazione di freschezza allo spettatore. Io credo che in Italia abbiamo molti bravissimi attori: ma che, data una certa mancanza di originalità delle produzioni, vengono impiegati in ruoli più o meno simili. Finisci per guardare l’attore, non il personaggio, anticipandone movenze e idiosincrasie. Qui volevo invece che tutto fosse inaspettato, anche correndo dei rischi.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Opera lieve, posata su un fatto geografico e su un tris di esistenze aperte a infinite possibilità, ne scatta una fotografia seducente ma indolente: invischiati nell’abbraccio con la poesia, gli equilibristi pendono dal lato della forma e perdono aderenza con lo sguardo dalla Terra. Vediamo un film dall’orizzonte (fisico, simbolico) inclinato, un altro racconto della vita segreta sospesa tra luogo vissuto e altrove fantasticato: più pretestuoso di "Dopo mezzanotte", meno dirompente di "Tutta colpa di Giuda", ma ancora immaginoso e inconsueto.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
7 stelle

"Tutti possono essere felici" ci fa sapere la locandina dell'ultima fatica di Davide Ferrario, che ha ancora una volta poggia le sue lievi e disincantate basi (e la sua ragion d'essere) sull'affascinante e maestoso capoluogo piemontese e, ancor piu' stavolta rispetto alle precedenti, presso le immediate verdi e placide periferie meno avvezze a far da sfondo a narrazioni cinematografiche. E'… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

maurizio73 di maurizio73
6 stelle

Dario e Maria sono i giovani e aitanti coinquilini dell'indolente e improduttivo Ugo, quarantenne irsuto che ha ereditato dai genitori una bella casa, un patrimonio che ha presto scialacquato ed il gusto per l'arte e la letteratura. Mentre Dario è uno studente universitario che lavora in un bioparco e Maria gestisce insieme ad una socia un'agenzia di viaggi, Ugo passa le sue giornate… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2018
2018
2015
2015

Recensione

maurizio73 di maurizio73
6 stelle

Dario e Maria sono i giovani e aitanti coinquilini dell'indolente e improduttivo Ugo, quarantenne irsuto che ha ereditato dai genitori una bella casa, un patrimonio che ha presto scialacquato ed il gusto per l'arte e la letteratura. Mentre Dario è uno studente universitario che lavora in un bioparco e Maria gestisce insieme ad una socia un'agenzia di viaggi, Ugo passa le sue giornate…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2014
2014
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

"Tutti possono essere felici" ci fa sapere la locandina dell'ultima fatica di Davide Ferrario, che ha ancora una volta poggia le sue lievi e disincantate basi (e la sua ragion d'essere) sull'affascinante e maestoso capoluogo piemontese e, ancor piu' stavolta rispetto alle precedenti, presso le immediate verdi e placide periferie meno avvezze a far da sfondo a narrazioni cinematografiche. E'…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti
Uscito nelle sale italiane il 24 marzo 2014

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

Prima furono i numeri di Fibonacci, illuminati sulla Mole Antonelliana, ad accendere nuove suggestioni sul capoluogo piemontese. Accadeva Dopo mezzanotte, oggi oscillano sul 45° parallelo gli equilibristi di Davide Ferrario, in attesa di un alito di felicità. Maria è impiegata in un’agenzia di viaggio dove vende mondi a lei ignoti, si specchia nel mare incorniciato dietro la scrivania e…

leggi tutto
Recensione
locandina
Foto
2013
2013

Recensione

nickoftime di nickoftime
8 stelle

A dispetto di un curriculum che lo ha visto non solo regista ma anche talent scout, con rassegne che hanno fatto conoscere in Italia le prime opere di un regista del calibro di Krzysztof Kie?lowski, Davide Ferrario nel corso della carriera ha mostrato un approccio diretto e mai mediato rispetto alla materia dei suoi film, sperimentando generi e formati sempre concentrati sul fattore umano e…

leggi tutto
Eugenio Franceschini, Walter Leonardi, Manuela Parodi
Foto
LA LUNA SU TORINO: LEGGEREZZA SUL QUARANTACINQUESIMO PARALLELO

LA LUNA SU TORINO: LEGGEREZZA SUL QUARANTACINQUESIMO PARALLELO

LA LUNA SU TORINO: LEGGEREZZA SUL QUARANTACINQUESIMO PARALLELO Scritto, prodotto e diretto da Davide Ferrario, La luna su Torino segna il ritorno al lungometraggio di finzione da parte del regista a quattro anni da Tutta colpa di Giuda. A raccontare la genesi del progetto, interpretato da attori quasi sconosciuti e con una colonna sonora firmata da Dente, è lo stesso regista in occasione della presentazione del film fuori concorso al Festival di Roma: «La luna su Torino nasce dalla voglia di leggerezza. Come essere umano e intellettuale, di fronte alla catastrofe culturale e civile che... segue

Extra
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito