Trama

In una villa di campagna vivono una madre cieca e i suoi quattro figli. La loro è una famiglia decisamente particolare, anche perché molti dei ragazzi hanno gravi problemi psichici. Fra questi solo Augusto sembra aspirare a una condizione di normalità borghese. Leone è subnormale e finisce affogato nella vasca da Sandro. Costui è epilettico e anche Giulia non è del tutto "a posto", almeno a giudicare dal modo con cui osserva il fratello morire durante una crisi di epilessia.

Note

La folgorante e dissacrante opera prima del ventiquattrenne Bellocchio, che firma il soggetto e la sceneggiatura (il montaggio invece è di Silvano Agosti), con un ritratto di borghesia in nero sull'orlo della follia. Un film che ha fatto epoca.

Commenti (9) vedi tutti

  • ...l’insoddisfazione esistenziale accompagnata da quel certo mal di vivere che sconfina nella follia...

    leggi la recensione completa di Brady
  • Iperbolico, scioccante, morboso. Uno spaccato traumatizzante di un'epoca di transizione.

    commento di Stefano L
  • Ottimi attori per un film coraggioso e molto difficile. 2 aggettivi per descriverlo: morboso e disturbante

    commento di sonicyouth
  • Tragico epilogo di una famiglia priva di figure solide e determinanti. Il phatos narrativo raggiunge il culmine con l'emozionante aria della "Traviata".

    commento di z mostel
  • 8+

    commento di nico80
  • 9,5

    commento di incallito
  • patologico e surrealistico, il dissacrante capolavoro di Bellocchio mette in luce i rapporti di morbosita' e di sfruttamento che si instaurano all'interno dell'istituzione familiare

    commento di ed wood
  • Ma chi diavolo è bigluciano83?Costui ha criticato,dopo "In the mood for love",anche questo manifesto-capolavoro del nostro cinema.A questo punto mi leggo tutte le sue opinioni.Speriamo non ne abbia combinate altre!

    commento di Wong
  • Straordinario, magnifico, esaltante. Il film che si può fare con la rabbia dei 26 anni. Bellocchio è uno dei più grandi registi italiani, perchè distrugge il vero carcere dell'esistenza, la famiglia

    commento di truffaut
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

steno79 di steno79
9 stelle

"I pugni in tasca" è il primo film di Marco Bellocchio ed è uno dei più notevoli esordi del cinema italiano, degno di altre opere prime epocali come "I 400 colpi" di Truffaut e "Fino all'ultimo respiro" di Godard. Del resto, Bellocchio fu uno dei registi italiani più sensibili alla lezione della Nouvelle Vague francese, insieme a Bertolucci e a pochi altri. La storia di Sandro, giovane… leggi tutto

23 recensioni positive

2019
2019
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2018
2018

Recensione

stefanocapasso di stefanocapasso
8 stelle

In una villa di campagna piacentina vive una famiglia problematica. La madre è cieca, due figli soffrono di epilessia, Giulia è innamorata dei due fratelli e Augusto, il maggiore è l’unico che conduce una vita normale, ha un lavoro ed esce. Tutti gli altri sono quasi rinchiusi nella antica villa, lontana dalla società che è in evoluzione. Per Bellocchio…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

Brady di Brady
9 stelle

Una storia che probabilmente, nel suo terribile concretizzarsi, è stata sicuramente più comune di quanto si possa pensare. Figli malati, figli ingrati, figli stanchi ed oppressi, insensibili, ossessionati, schiavi di un sistema di vivere chiuso ed ancora bigotto,… cercano e trovano una via per fuggire, per realizzare i loro sogni quando, invero, non ne hanno più, da…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2017
2017
2016
2016
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 9 voti
vedi tutti
Trasmesso il 13 novembre 2016 su Rai Storia
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

jonas di jonas
8 stelle

In una villa dell’Appennino emiliano vivono una madre cieca (non solo in senso fisico) e quattro figli: Augusto è l’unico a condurre una vita normale, Alessandro è epilettico, Giulia ha tendenze incestuose, Leone è un ritardato mentale. Augusto vorrebbe sposare la fidanzata e andare a vivere in città; Alessandro fa fuori prima la madre gettandola in un…

leggi tutto
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

alexio350 di alexio350
8 stelle

Sandro (un ottimo Lou Castel) è un ragazzo che vive insieme alla sorella, al fratello grande, a un altro fratello ritardato, alla madre cieca in una casa in campagna. Pieno di disagio esistenziale e di astio, ammazza prima la madre, poi il fratello ritardato, senza esitazioni o scrupoli di sorta.   Film disturbante, sorprendente, di Marco Bellocchio, uscito 1965. Per coraggio, e la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2015
2015
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Trasmesso il 7 settembre 2015 su Rai Movie
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito