Espandi menu
cerca
La donna di sabbia

Regia di Hiroshi Teshigahara vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Badu D Shinya Lynch

Badu D Shinya Lynch

Iscritto dal 28 marzo 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 85
  • Post 2
  • Recensioni 210
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La donna di sabbia

di Badu D Shinya Lynch
10 stelle

 

 

Lascia ch'io pianga
Mia cruda sorte
E che sospiri
La libertà…

Poiché essa vien negata al protagonista per via di una "trappola esistenziale e sociale" posizionata al suo interno da un Dio che è Mostro o da un Mostro che è Dio, il quale gestisce il tutto da lassù, d(all)'al-di-là, d'al di sopra del mondo sabbia, pianeta fatiscente nel quale l'uomo si ritrova, appunto, in gabbia.

Questa condanna viene suggerita, mostrata, pressoché ad inizio pellicola tramite una sovrimpressione d'immagini che rivela come all'interno del protagonista si trovi una donna, ovvero la sopracitata trappola esistenziale e sociale. La stessa trappola esistenziale, con, appunto, la stessa funzione, che si nasconde all'interno di Henry Spencer in Eraserhead , sottoforma, stavolta, di verme e non più di donna. Anche in questo caso(?), rivelata ad inizio film attraverso una sovrimpressione d'immagini. E anche qua, a gestire il tutto ci penserebbe un Dio che è mostro (o un Mostro che è Dio...).

Jack Nance

Eraserhead (1977): Jack Nance

[nella sequenza descritta poc'anzi è presente il verme e non, come nel caso dell'immagine cui sopra, il pianeta]

 

Ecco perché, per chi scrive, La Donna di Sabbia risulta essere una sorta di Eraserhead nipponico.

Oppure, se si vuole allargare il "tiro filmico", un orwelliano incontro tra Eraserhead ed Antichrist.

 

 

Per il sottoscritto, La Donna di Sabbia risulta essere un film unico ed irripetibile; materico ed ipnotico; inimitabile ed inafferrabile.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati