Espandi menu
cerca

La sorgente del fiume

Regia di Theo Anghelopoulos

Con Alexandra Aidini, Nikos Poursanidis, Giorgos Armenis, Vasilis Kolosov Vedi cast completo

Guardalo su
  • Prime Video
  • MUBI
In STREAMING

Trama

1921: l'Armata Rossa entra a Odessa provocando l'esodo di tutti gli stranieri. La comunità greca torna nella sua terra d'origine e si insedia sull'estuario del grande fiume che si getta nel Mediterraneo. Alexis e Heleni scoprono di amarsi, ma il padre di lui, rimasto vedovo, vorrebbe sposare la stessa ragazza. Così i due giovani si rifugiano a Salonicco; passa il tempo e diventano genitori di due bambini, ma la miseria impone una separazione: Alexis parte per l'America...

Note

Con ammirevole fedeltà, Angelopoulos torna a temi e atmosfere a lui cari: la rivisitazione poetica della Storia del Novecento, l'Europa come luogo di transiti e nomadismi (anche tragici), il ruolo impotente e sublime dell'Arte. Niente di nuovo, certo, rispetto a quanto già detto (in maniera più rigorosa e innovativa) ai tempi di _La recita_. Rispetto a molti suoi film recenti, però, il regista accentua il lato di narrazione storica piuttosto che i (pericolosi) voli poetici. Il risultato è più strutturato, concreto, affascinante. La quieta epopea del fisarmonicista scorre fluviale su melodie d'altri tempi. Si può amarlo o no, ma Angelopoulos è un gigante tra nani.

Commenti (2) vedi tutti

  • 7.5

    commento di nico80
  • Ancora lo devo metabolizzare, per ora mi viene solo da scrivere un verso di una canzone dei CSI: «…secolo osceno e pavido/grondante sangue e vacuo di promesse". Per comprendere il '900 Angelopoulos è il regista giusto.

    commento di painkiller1976
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

steno79 di steno79
8 stelle

Anghelopulos è stato il regista del piano-sequenza, quello che forse ha saputo sfruttare meglio in chiave espressiva le possibilità offerte da questa tecnica di ripresa. Ne La sorgente del fiume torna a farne un utilizzo abbondante, come ne La recita, e si tratta spesso di piani sequenza molto lunghi e virtuosistici in cui succedono un sacco di cose, come ad esempio quello di circa dieci… leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

ezio di ezio
6 stelle

Condivido il parere di tanti utenti,ritmo lento e mollemente statico ma e' innegabile che lo sfondo e i drammi che si succedono sono importanti.Anghelopulos ha gia' trattato altre volte il periodo dell'avvento dell'ocupazione nazista in Grecia.e se solo avesse spinto un po' di piu' sul ritmo,sarebbe stato un film capolavoro. leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

michel di michel
4 stelle

IL MOTO ONDOSO DELLE PARTICELLE I russi li cacciano da Odessa, gli elementi dai dintorni di Salonicco, poi ci pensano la guerra, la politica e la miseria a completare l'opera disperdendoli per il mondo. Il film riproduce il moto ondoso lento e inesorabile che sfalda una comunità di esuli greci. Gli uomini si aggrappano, costruiscono, danno nomi evocativi fatti per segnare, per durare,… leggi tutto

4 recensioni negative

2023
2023
2015
2015

Recensione

barabbovich di barabbovich
3 stelle

Una comunità greca è costretta a rientrare in patria dall'arrivo dell'Armata Rossa nel 1921 a Odessa. Tra loro Heleni e Alexis, che si amano e che per sottrarsi al padre di lui, che - rimasto vedovo - vorrebbe la ragazza in sposa, sono costretti a fuggire a Salonicco. Alexis sbarca il lunario suonando la fisarmonica, poi emigra in America ma il soggiorno e la conseguente…

leggi tutto
Recensione
2014
2014

Attrazioni imponderabili

EightAndHalf di EightAndHalf

Esistono i film preferiti (cinque, sette, dieci che dir si voglia), esistono i film che più si detestano (vedi sopra), esistono i film che fanno cordiale antipatia ma non si può non ammettere siano importanti…

leggi tutto
2013
2013

Recensione

ezio di ezio
6 stelle

Condivido il parere di tanti utenti,ritmo lento e mollemente statico ma e' innegabile che lo sfondo e i drammi che si succedono sono importanti.Anghelopulos ha gia' trattato altre volte il periodo dell'avvento dell'ocupazione nazista in Grecia.e se solo avesse spinto un po' di piu' sul ritmo,sarebbe stato un film capolavoro.

leggi tutto
Trasmesso il 28 giugno 2013 su Rai Movie
2012
2012
2011
2011

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

Anghelopulos è stato il regista del piano-sequenza, quello che forse ha saputo sfruttare meglio in chiave espressiva le possibilità offerte da questa tecnica di ripresa. Ne La sorgente del fiume torna a farne un utilizzo abbondante, come ne La recita, e si tratta spesso di piani sequenza molto lunghi e virtuosistici in cui succedono un sacco di cose, come ad esempio quello di circa dieci…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Il bagaglio del profugo è leggero, perché è fatto di sogni razionalmente ridotti all’osso, tanto scarni da essere poco più che lucidi obiettivi. Gli esodi sono lenti movimenti di massa, ordinati dalla stanchezza e dalla necessità di restare uniti, di sostenersi gli uni con gli altri. Non c’è gioia nella corsa vero la salvezza, né…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

michel di michel
4 stelle

IL MOTO ONDOSO DELLE PARTICELLE I russi li cacciano da Odessa, gli elementi dai dintorni di Salonicco, poi ci pensano la guerra, la politica e la miseria a completare l'opera disperdendoli per il mondo. Il film riproduce il moto ondoso lento e inesorabile che sfalda una comunità di esuli greci. Gli uomini si aggrappano, costruiscono, danno nomi evocativi fatti per segnare, per durare,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2010
2010

Recensione

ed wood di ed wood
8 stelle

E' il mio battesimo con Anghelopoulos: non avevo ancora visto niente prima di questo autore. Obiettivamente, è difficile non rimanere estasiati dalla potenza visiva di questi magistrali piani-sequenza. Una simile ipnosi mi aveva colto, fino ad ora, solamente con qualche momento di Tarkoskij o Tarr (in attesa di recuperare Jankso). Quello che colpisce, nella Sorgente del…

leggi tutto

Recensione

chribio1 di chribio1
4 stelle

paesi Ellenici alquanto rurali e fluviali fanno da sottofondo ad una lunga storia pesante,lenta e triste ma triste che per tutto il film si respira un'aria di malinconia mista a torpore che raramente ci si ricorda di aver sentito sprigionarsi nell'animo dello spettatore.voto.4.

leggi tutto
2009
2009

Piano sequenza d'autore

steno79 di steno79

Il pianosequenza è una tecnica cinematografica che consiste in un'inquadratura piuttosto lunga, caratterizzata da un'ininterrotta continuità temporale, che svolge di per sé il ruolo di un'intera…

leggi tutto

Fiumi

Redazione di Redazione

Chi ci abita vicino li conosce, ci parla. E sa che sono vivi non solo perché sono in continuo movimento alla ricerca del mare. Per questo alle volte il fiume non è scenario: in certi film la sua natura è forte e…

leggi tutto

Migranti

Redazione di Redazione

Ricerca della felicità individuale, fughe da realtà invivibili, esodi di massa in presenza di circostanze drammatiche. L'uomo si mette in movimento, spesso con dolore a volte con gioia e speranza, e lascia la sua…

leggi tutto
Playlist
2008
2008

Recensione

joe cavana di joe cavana
2 stelle

Immagini stupende ma che incredibile noia!!! Il film non ha un minimo di ritmo, sono 170 minuti dispersivi e abbastanza muti, in cui ci si perde e si fa fatica a tenere le palpebre aperte. La fotografia è notevole, la poesia sarà anche tanta, ma sinceramente questo film è insostenibile. Voto: 4. p.s.: grazie comunque al solito Ghezzi che ci ha permesso di vederlo in tv.

leggi tutto
Recensione
2007
2007

Recensione

emmepi8 di emmepi8
6 stelle

Bisogna distinguere il film dalla storia e dalla storia personale che poi incredilbilemente nel finale si assume a simbolismo; la storia inzia benissimo, ma poi si confonde e si frastaglia disperdendosi, quella personale segue di pari passo la storia con la S maiuscola, complicando e diluendo certi momenti di grande cinema. Si, ci sono momenti e riprese di grande cinema, cosa che non capita…

leggi tutto
Recensione
2006
2006

Visti..ma da rivedere!

scream di scream

Una manciata di film, visti una sola volta durante la mia "carriera" di spettatore, che ancora non mi è capitato di rivedere..ma mi piacerebbe molto...per scoprire se le emozioni sono sempre intense...

leggi tutto
Playlist
2004
2004

Recensione

valien88 di valien88
6 stelle

Quando si decide di usare un ritmo lentissimo, con panoramiche lentissime (alla Dreyer), pochi dialoghi, si corre sempre un rischio. In questo caso la scelta di Angelopulos era logica. Peccato però che il film emozioni poco. La lentezza non sempre giova perché invece di far riflettere lo spettatore e rendere la sequenza più profonda finisce per annoiare. Alcune scene sono struggenti, ma il…

leggi tutto
Recensione

Recensione

Sam Gamgee di Sam Gamgee
8 stelle

L'attesa per ogni nuovo film di Anghelopoulos è sempre carica di dubbi e possibili emozioni. Dubbi perchè ultimamente ha preso delle sbandate notevoli, possibili emozioni perchè riesce con una messinscena semplice e allo stesso tempo complicata a creare sequenze di una bellezza struggente. Il suo ultimo lavoro per fortuna riesce a dissipare i dubbi e ci regala, per chi ha la bella follia di…

leggi tutto
Recensione
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito