Trama

Inverno del 1949. L'insegnante Pier Paolo Pasolini viene incriminato dai carabinieri per corruzione di minorenne ed atti osceni. Durante un festa di paese a Ramuscello, nella campagna friulana, aveva convinto alcuni ragazzini ad appartarsi con lui. I militari dell'Arma procedettero in base ad alcune voci. A crollare fu il mondo di Pier Paolo, a cominiciare dal padre, Carlo Alberto, che piombò in una depressione distruttiva. Il poeta non resterà altro che partire insieme alla madre per Roma.

Note

Cinema di carne e corpi, quello di Grimaldi, sempre rivolto alla vita, cattiva o buona che sia, mai chiuso su se stesso. E anche quando imperfetto o squilibrato, riesce a scavare nei volti e negli animi con uno sguardo profondo e secco che non è facile trovare nei nostri filmucoli. Inoltre, sa tagliare e sottrarre, anche dai suoi bravissimi interpreti. Ha il coraggio perfino di concedersi al sogno e all'illusione (come nella splendida sequenza d'apertura): conoscendo la realtà, è un gran bel colpo di ricchezza interiore.

Commenti (1) vedi tutti

  • Biografia poetica fatta di frammenti, non è un biopic ma dice molto di più, lascia fuori un inutile documentarismo per cogliere piccoli segmenti astratti, ci sono 25 anni ancora da trascorrere, la fama e gli impegni arriveranno, ma il Pasolini di Grimaldi è è quello che portava al mare gli alunni di Casarsa.

    leggi la recensione completa di yume
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

yume di yume
8 stelle

  12 ottobre 1949,  Caserma dei Carabinieri di Casarsa in Friuli. Pasolini ha 27 anni, è seduto su una panca e aspetta che il maresciallo lo faccia entrare per interrogarlo. L’accusa è: "Corruzione di minore e atti osceni in luogo pubblico". Sarà il primo dei 33 processi che Pasolini affronterà in vita, poi ci saranno le ipocrite santificazioni… leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mm40 di mm40
5 stelle

Il 1949 è un anno chiave per Pier Paolo Pasolini, cacciato dalla provincia friulana per aver molestato dei ragazzini e approdato con la madre a Roma, per ricominciare la vita tutta daccapo.   Aurelio Grimaldi, pur evidentemente apprezzando profondamente l'operato di Pier Paolo Pasolini, è sempre stato un estimatore molto combattuto dello scrittore e regista, tanto da… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2015
2015

Recensione

mm40 di mm40
5 stelle

Il 1949 è un anno chiave per Pier Paolo Pasolini, cacciato dalla provincia friulana per aver molestato dei ragazzini e approdato con la madre a Roma, per ricominciare la vita tutta daccapo.   Aurelio Grimaldi, pur evidentemente apprezzando profondamente l'operato di Pier Paolo Pasolini, è sempre stato un estimatore molto combattuto dello scrittore e regista, tanto da…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2012
2012

Recensione

alfatocoferolo di alfatocoferolo
8 stelle

Un film di Aurelio Grimaldi, liberamente tratto da un libro di Aurelio Grimaldi; praticamente una dichiarazione d'amore. E come per un feticcio, Grimaldi ha nei confronti di Pasolini un atteggiamento di reverente e devota accortezza. Mostra le sue miserie umane, perché di miserie si tratta, ma lo fa rivestendole di poesia, di comprensione e di discrezione. E' giusto che un personaggio così…

leggi tutto
2011
2011

Recensione

yume di yume
8 stelle

  12 ottobre 1949,  Caserma dei Carabinieri di Casarsa in Friuli. Pasolini ha 27 anni, è seduto su una panca e aspetta che il maresciallo lo faccia entrare per interrogarlo. L’accusa è: "Corruzione di minore e atti osceni in luogo pubblico". Sarà il primo dei 33 processi che Pasolini affronterà in vita, poi ci saranno le ipocrite santificazioni…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti
2010
2010

Recensione

kotrab di kotrab
8 stelle

Un mondo d'amore è l'altra faccia di una medaglia, dedicata alla figura umana e artistica di Pier Paolo Pasolini, di cui fa parte anche Nerolio: quanto questo (sulla fase finale della sua vita) è crudo, aspro e teso, tanto Un mondo d'amore (sulla giovinezza del poeta) è dolce, sussurrato, malinconico. Aurelio Grimaldi dirige uno dei suoi migliori film, e si conferma la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2007
2007

Recensione

willhard di willhard
8 stelle

"C'è un grande prato verde dove nascono speranze che si chiamano ragazzi Questo è il grande prato dell'amore". Le disavventure del giovane poeta Pasolini filtrate attraverso lo sguardo ingenuo e disarmante di un Gianni Morandi e narrate con lucido realismo pasoliniano alternato a toni da sceneggiato televisivo. Il risultato della contaminazione ha un che di miracoloso.

leggi tutto
Recensione
2003
2003

Recensione

superficie 213 di superficie 213
8 stelle

BELLISSIMO FILM DI GRIMALDI CHE AIUTATO DA UNA SPLENDIDA FOTOGRAFIA IN BN RACCONTA LA TRISTE VICENDA DI UN GIOVANE PIER PAOLO PASOLINI (INTERPRETATO IN MODO MAGISTRALE) CHE VIENE ACCUSATO DI ATTI OSCENI IN LUOGO PUBBLICO,ABUSO SU MINORE ED E' COSTRETTO A SCAPPARE A ROMA CON LA MADRE SUSANNA.TUTTO IL FILM E' COME INZUPPATO NELL'EPOCA DELL'ACCADUTO.TUTTO E' BELLO,DALLA RICOSTRUZIONE AMBIENTALE…

leggi tutto
Recensione

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

Forse non è possibile apprezzare o addirittura “vedere” Un mondo d’amore a prescindere da Nerolio. Perché entrambi formano una clessidra: comunque li si giri, si influenzano, si recuperano, si ricordano, si anticipano. E l’apparente pacatezza (comunque ansiosa) di Un mondo d’amore, completa la spinosità terminale della bellissima opera del ’96. Là, Pasolini in fin di vita; qui,…

leggi tutto
Recensione
Uscito nelle sale italiane il 2 giugno 2003

Recensione

speedy34 di speedy34
8 stelle

Da vero outsider della cinematografia italiana, Aurelio Grimaldi aggiunge un ulteriore tassello alla sua personalissima ed alterna carriera di regista presentando nelle sale, dopo aver girato mezzo mondo, il film Un mondo d’amore. E stupisce nuovamente trovarsi di fronte ad un’opera di intenso ed intimo respiro sorretta da intuizioni di regia e confezione tecnica di emozionante…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito