Espandi menu
cerca

Agente speciale 117 al servizio della Repubblica: Allerta rossa in Africa nera

Trama

1981. Hubert Bonisseur de La Bath, meglio noto come l'agente OSS 117, è tornato in azione. Per la sua nuova missione, più pericolosa e torrida che mai, sarà costretto a fare squadra con un giovane collega, il promettente OSS 1001.

Approfondimento

AGENTE SPECIALE 117 AL SERVIZIO DELLA REPUBBLICA: ALLERTA ROSSA IN AFRICA NERA - LA PARODIA DEGLI AGENTI SPECIALI

Diretto da Nicolas Bedos e sceneggiato da Jean-François Halin, Agente speciale 117 al servizio della Repubblica: Allerta rossa in Africa nera riporta in scena il personaggio di Hubert Bonisseur, ovvero l'agente speciale OSS 117, creato dallo scrittore francese Jean Bruce, già al centro di diverse pellicole degli anni Sessanta e riportato in auge a metà anni Duemila da due parodie dal grande successo al box office francese. Questa volta, OSS 117 deve vedersela con una nuova missione, più delicata, più pericolosa e più torrida che mai, che lo porta in contrasto con un giovane e promettente collega, l'agente OSS 1001.

Con la direzione della fotografia di Laurent Tangy, le scenografie di Stéphane Rozenbaum, i costumi di Charlotte David e le musiche originali di Nicolas Bedos e Anne-Sophie Versnaeyen, Agente speciale 117 al servizio della Repubblica: Allerta rossa in Africa nera è stato così presentato dal regista: "Per me dirigere un nuovo capitolo di OSS 117 rappresenta un'opportunità grandiosa. Si tratta di un prodotto unico nel panorama cinematografico francese: non ricordo nessun altro titolo che osi così tanto sia a livello narrativo sia a livello formale, carico di riferimenti al cinema dell'epoca in cui è ambientata la trama. Gli episodi degli anni Duemila sono stati diretti da Michel Hazanavicius e la sua decisione di lasciare la serie ha fatto sì che il progetto di un terzo capitolo si mettesse da parte per un po'. A portarmi dentro al progetto è stato Jean Dujardin, l'attore protagonista che è un mio amico da molto tempo: mi ha convinto a dirigere un film che non avevo scritto".

"Cimentarmi con il mito di OSS 177 è stato un vero azzardo", ha proseguito Bedos. "Ma la storia era fin troppo allettante e impertinente per non provarci. In più, al di là della liberta di espressione che caratterizza lo sceneggiatore Halin, mi sono piaciuti i personaggi femminili forti che è in grado di inserire nella storia e l'innesto di un giovane antagonista, una spia dai metodi molto più moderni e lontani da quelli di Bonisseur. L'azione, poi, si svolge in un momento che amo mettere in scena: gli anni Settanta e Ottanta. Ciò mi ha permesso di rendere omaggio ai grandi registi che hanno segnato la mia infanzia: Robert Zemeckis, Steven Spielberg, Chris Columbus, Philippe De Broca. In ultimo, non dimentichiamo che le commedie di OSS 117 rappresentano anche un modo divertente per riflettere sulla Francia di oggi: con la missione in Africa, ad esempio, si va a riflettere sulla decolonizzazione e su come alcuni paesi africani siano rimasti in qualche modo sottomessi alla Francia. Grazie alla sceneggiatura ben scritta, ho potuto parlare di razzismo verso i neri e verso il popolo africano, dimenticato dai negoziati".

Leggi tuttoLeggi meno

Curiosità

BREVE STORIA DI OSS 117

OSS 117 è il nome in codice di Hubert Bonisseur de La Bath, un agente segreto creato dallo scrittore francese Jean Bruce e descritto come un colonnello americano della Louisiana con discendenza francese. Dopo aver prestato servizio per l'OSS (l'agenzia di intelligence statunitense in servizio durante la Seconda guerra mondiale), Bonisseur ha lavorato per la CIA e la NSC. Diversa invece è la sorte del personaggio per la serie di film comici cominciata nel 2006, dove è invece divenuto un agente segreto al servizio del controspionaggio francese per conto del  Service de Documentation Extérieure et de Contre-Espionnage, agenzia in servizio dal 1944 al 1982 (soppiantata in seguito dal DGSE).

Bruce scrisse 88 romanzi con protagonista l'agente OSS 117. Il primo, Tu parles d'une ingénue, è stato pubblicato nel 1949, ben quattro anni prima della comparsa del James Bond di Ian Fleming. Dopo che Bruce morì in un incidente d'auto nel 1963, la moglie Josette, firmandosi come "J. Bruce", ha scritto altri 143 romanzi con al centro l'agente OSS 117 prima di ritirarsi in pensione nel 1985. Dal 1987, altri 23 libri di OSS 117 sono arrivati nelle librerie scritti da Martine Bruce, la figlia dello scrittore, e dal marito François. L'ultimo, OSS 117 prende le large, è del 1992.

OSS 117 non è morto, il primo film con protagonista l'agente OSS 117, è stato realizzato nel 1957 con Ivan Desny nei panni dell'agente. Negli anni Sessanta, il personaggio è stato al centro di una serie di film di spionaggio europei diretti per la maggior pate da André Hunebelle: protagonista ne è stato prima Kerwin Matthews e dopo Frederick Stafford (sostituito da John Gavin solo quando impegnato nelle riprese di Topaz di Hitchcock). Stafford è anche protagonista di OSS 117, a Tokio si muore, il primo titolo a usare una storia originale e non un romanzo già esistente di Bruce.

A causa di questioni legate ai diritti d'autore, i romanzi di Bruce sono stati adattati in altri film senza portare mai in scena il personaggio di OSS 117: è il caso ad esempio di Le schiave biancheCinque marines per Singapore.

Nel 2006, l'agente OSS 117 è tornato protagonista al cinema con la parodia Agente speciale 117 al servizio della Repubblica: Missione Cairo. Riscrivendo in toto il personaggio, OSS 117 diventa un modo per prendere in giro il più noto 007 interpretato da Sean Connery ma anche i film di Alfred Hitchcock o del già citato Hunebelle. Il successo di pubblico però è tale da garantire un seguito a pochi anni di distanza: Agente speciale 117 al servizio della Repubblica: Missione Rio. Protagonista delle commedie è Jean Dujardin, in grado di incarnare la spia perfetta con la sua fisicità e di evidenziare con la sua verve comica i difetti di un personaggio reso socialmente imbarazzante per via della sua ideologia coloniale, patriottica e maschilista.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Agente speciale 117 al servizio della Repubblica: Allerta rossa in Africa nera è Nicolas Bedos. Conosciuto al grande pubblico per le sue prestazioni televisive e per aver diretto a teatro artisti del calibro di Mélanie Laurent, Niels Arestrup e Jérôme Kircher, Bedos ha mosso i primi passi nel mondo del… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
2021
2021
locandina
Foto
2020
2020
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito