Espandi menu
cerca

Trama

Primavera 1968. Nell'anno della contestazione studentesca, un giovane ingegnere, Giorgio Rosa (Elio Germano) con un grande sogno e un genio visionario decide di costruire un'isola al largo di Rimini, fuori dalle acque territoriali, e la proclama stato indipendente. Si tratta di un'isola in cui la libertà individuale è il valore assoluto: non ci sono regole. In questa impresa impossibile Giorgio avrà al suo fianco un eterogeneo gruppo di complici: il suo migliore amico, un giovane imprenditore più propenso ai bagordi che all'azienda di papà, un misterioso naufrago in cerca di approdo, un animatore delle notti romagnole in cerca di una nuova vita e una ventenne romantica in cerca di lavoro. E poi c'è Gabriella (Matilda de Angelis), la donna appassionata che Giorgio trascina nella sua ambiziosa avventura e nella sua vita. L'Isola delle Rose attira ben presto l'interesse della stampa e soprattutto di frotte di ragazzi da mezzo mondo, trasformandosi in mito, in caso internazionale e in un quasi insormontabile problema politico per il Governo italiano che non può tollerare la fondazione di un nuovo Stato in acque così vicine.

Approfondimento

LA VERA STORIA DELL'ISOLA DELLE ROSE

L'Isola delle Rose è stata una micronazione, nome ufficiale "Repubblica Esperantista dell'Isola delle Rose" e corrispondeva ad una piattaforma artificiale di 400 mq ideata e realizzata dal visionario ingegnere bolognese Giorgio Rosa nel mare Adriatico a 11.612 km al largo dalle acque di Rimini, a 550 mt fuori dalle acque territoriali. La fondazione dell'Isola fu avviata nel 1958 quando l'ingegner Rosa, dopo un sopralluogo che si svolse fra il 15 e i 16 luglio di quell'anno, pensò di costruire un telaio di tubi di acciaio e trasportarlo già montato fino al punto prescelto per istallarlo in loco dopo aver innalzato il fondale marino con un sistema di dragaggio della sabbia trattenuta da alghe. Costituisce quindi la SPIC (Società Sperimentale per Iniezioni di Cemento) con presidente e direttore tecnico Gabriella Chierici, sua moglie. I lavori si fermarono però nell'estate 1962 per motivi tecnici, metereologici e finanziari - le autorità italiane avevano inoltre ordinato la rimozione di qualsiasi ostacolo alla navigazione – e ripresero nel 1964 dopo che le Capitanerie di Porto di Rimini, Ravenna e Pesaro erano state allertate per opzionare spazi in banchina, per i rifornimenti di gasolio e per la costruzione della piattaforma presso i cantieri navali.

Il 23 novembre 1966 la Capitaneria di Porto di Rimini ordinò la cessazione dei lavori, privi di autorizzazione, per via della concessione all'Eni della zona, la Polizia intanto chiedeva conferme che si trattava di attività sperimentali. La costruzione dell'Isola tuttavia andava avanti: sui pali conficcati sul fondo del mare venne montata una piattaforma in laterizio armato di 400 mq per un'altezza di 8mt sul livello del mare - il progetto era di 5 piani - vennero eretti muri per delimitare i vani, avviata una soprelevazione e creata un’area di sbarco chiamata "Haveno Verda" (Porto Verde). Il 20 maggio 1967 grazie ad una trivellazione fu individuata una falda di acqua dolce a 280mt dal livello della piattaforma. L'Isola venne quindi aperta al pubblico il 20 agosto 1967 e divenne una vera e propria attrazione turistica coinvolgendo frotte di ragazzi e ragazze dalla vicina costa riminese. Un non luogo di libertà figlio dell'idealismo sessantottino e dello spirito della generazione del boom economico, ma anche imperituro sogno romantico che diventa un caso internazionale e una notizia da prima pagina per molti giornali e televisioni di mezzo mondo che inviarono troupe e giornalisti per indagare su quello strano fenomeno. Non fu né una sede di una radio clandestina, né di un casinò illegale né tantomeno un avamposto russo fuori dai controlli territoriali, tante erano le ipotesi.

L'Isola viene proclamata da Giorgio Rosa stato indipendente il 1° maggio 1968. La nascita della Esperanta Respubliko de la Insulo de la Rozoj (Repubblica Esperantista dell'Isola delle Rose) viene annunciata ufficialmente nel corso di una conferenza indetta dallo stesso Presidente Rosa il 24 giugno 1968: uno stato autonomo e indipendente con una propria costituzione ed un governo che stampava francobolli e batteva moneta (il "Mill"), una bandiera che ritraeva 3 rose rosse su campo bianco e su fondo arancio ed un inno nazionale "Steueramann! Laß die Wacht!", cioè il Chor der Norwegischen Matrosen dalla prima scena del terzo atto de L'olandese volante di Richard Wagner. E un abitante stabile, Pietro Bernardini, approdato sull'Isola dopo un naufragio in mare di 8 ore che prese poi in affitto per un anno la piattaforma.

Il 25 giugno 1968, a 55 giorni dalla dichiarazione di indipendenza, una decina di pilotine della Marina MilItare Italiana circonda l'Isola e impedisce a chiunque l'attracco e lo sbarco realizzando di fatto un blocco navale. Giorgio Rosa inviò un telegramma al presidente della Repubblica Italiana denunciando la violazione della sovranità e nelle settimane successive cercò, inutilmente, di stabilire una trattativa con il Governo italiano.

L'11 febbraio 1969 i sommozzatori della Marina Militare Italiana arrivano sul posto e collocano 675 kg di esplosivo sui pilastri dell'Isola che tuttavia resiste alla prima esplosione; ci riproveranno 2 giorni dopo, il 13 febbraio, con una carica totale di 1.080 Kg. Questa volta l'esplosione fa deformare la struttura portante senza farla cedere, ma ad assestare il colpo di grazia è la burrasca che si abbatte sulla piattaforma il 26 febbraio.

La distruzione dell'Isola delle Rose rappresenta la prima, e unica, guerra di aggressione della Repubblica Italiana. Per evitare che ciò accadesse di nuovo l'Onu spostò il confine delle acque territoriali da 6 a 11 miglia nautiche.

Nel luglio 2009 sono stati ritrovati sul fondale marino al largo di Rimini alcuni resti della struttura metallica e dei muri, muti testimoni, e memorabilia, di un mondo che visse solo 55 giorni.

Curiosità

La parola al regista

"Tra i tanti periodi storici che hanno affascinato il cinema, ce n'è uno in particolare che ha interessato molti registi, ed è l'anno – tutto speciale – che ha come ultime due cifre un 6 e un 8: l'intera Europa è in subbuglio, centinaia di migliaia di giovani si riversano nelle strade, gridano slogan, occupano scuole e università, fanno sentire la loro voce, e con essa il desiderio di un mondo migliore e più libero. I toni epici usati dalle testate e dalle riviste degli anni Settanta per riportare la vicenda di Giorgio Rosa e dell'isola che fondò al largo di Rimini, nel maggio del 1968, sono propri di quel tempo, e la sua storia di ragazzo che consegue una laurea in Ingegneria e che vuole realizzare quel sogno di vivere in un mondo libero, sebbene senza ambizioni politiche, mi ha convinto ad andare fino in fondo: raccontare un'utopia che nasce in mezzo al mare, su una piattaforma di 20 metri per 20, la fondazione di uno Stato indipendente che si oppone alle regole vigenti, perché lontano dalla costa, quindi senza alcuna giurisdizione.

L'incontro con l'ingegnere, avvenuto anni fa, è stato il punto da cui sono partito per rivedere la vicenda al di là di quello che era stata, l'epopea di una guerra (forse l'unica) che l'Italia aveva vinto per fermare la mente libera di un uomo che non voleva fare altro che piantare una palafitta nell'acqua. Nei ricordi di ciò che è avvenuto, Giorgio Rosa si è lasciato più volte sfuggire che l'assurdità di quella battaglia stava proprio nel fatto che non c'era alcuna intenzione di andare contro il sistema, che semplicemente quel tratto di mare era libero, e che lui voleva utilizzarlo per i suoi studi di Ingegneria applicata all'estrazione di energia. Quanto può un'idea essere pericolosa? E quanto c'è di comico, tragico ed epico insieme che per un' oasi di pace fondata così al largo si possa scomodare il governo italiano, la commissione europea, e le multinazionali private?

Mentre Parigi è infiammata dalle lotte per rincorrere idee e ideali, Giorgio Rosa costruisce con le sue mani il suo mondo utopico al largo di Rimini. E ha un immediato, incredibile successo. Da tutta Europa ragazzi e ragazze accorrono per vedere il miracolo compiuto da un uomo semplice. Quello che ho voluto raccontare è la sua forza, il modo in cui una persona, armata dei propri sogni e della propria determinazione, ottiene pacificamente ciò per cui centinaia di migliaia di suoi coetanei combattono a chilometri e chilometri di distanza. La vicenda di Giorgio Rosa e della sua Isola, però, è anche una storia di aspri conflitti. Da una parte, un posto bellissimo nel mare sconfinato, dall'altro, le fumose stanze

della politica, in cui i colletti bianchi del governo sono – come al solito – gli ultimi a sapere le cose, ma i primi a definire inaccettabile tutto ciò che di dirompente sta accadendo. Mentre l'Italia è attraversata da un'ondata di fervente attività politica, tutti i partiti si schierano contro l'Isola. Ma perché? Perché tutta questa violenza contro una semplice piattaforma, che non si trova nemmeno in acque territoriali italiane? Perché una nazione che si dichiara libera dovrebbe condannare qualcuno che libero lo è veramente? Forse perché si è liberi soltanto se il sistema lo consente?

La vicenda dell'Isola delle Rose è una metafora quando, in maniera discreta e silenziosa, una piccola illusione viene mandata in frantumi da una dimostrazione di forza da parte della politica. Ma non solo: è l'avvincente storia di una campagna di invasione lunga 55 giorni, che vide il Governo italiano contro un uomo solo, accusato di colpe insensate: fondazione di una radio pirata, contrabbando ed evasione fiscale, sfruttamento abusivo di risorse energetiche, atti osceni e perversione. Alla fine, gli si dichiarerà perfino guerra. Una guerra che la Repubblica Italiana ripudia, secondo la sua stessa Costituzione. Una guerra che non dovrebbe mai essere utilizzata come soluzione alle dispute internazionali. Eppure, all'Isola delle Rose fu dichiarata guerra. L'unica guerra di aggressione mai combattuta dalla Repubblica Italiana.

Hanno tolto a Giorgio Rosa il suo sogno, dopo un assedio lungo ed estenuante, avvalendosi di tutte le forze in loro possesso. Lo spunto narrativo era talmente incredibile, che se non fosse partito da una vicenda realmente accaduta, avrei sentito parlare di distopia. Le ragioni di questo film, invece, sono politiche e comiche, o forse, più smaccatamente: comiche perché politiche. E affondano nella Storia, la storia del nostro paese".

Trailer

Commenti (14) vedi tutti

  • L'Idea reale di questa Storia direi sconosciuta è bella tosta anche se per certi versi improbabile ma comunque gli sforzi erano consistenti : visivamente parlando risulta carino come Film anche se con vari spunti che fanno riflettere.Bene la De Angelis (ovvio ...) e importanti un bel pò di Canzoni.voto.6.5.

    commento di chribio1
  • Un filmetto ruffiano che si dimentica prima che finisca. Se queste sono le nuove leve del cinema italiano stiamo freschi!

    commento di r.237
  • Torna Sydney Sibilia con un'altra brillante commedia, questa volta ispirata peraltro a una storia vera che incredibile (e ignota ai più) lo è davvero. Tutto funziona, dallo script alle interpretazioni, dalla fotografia 'vintage' all'indimenticabile colonna sonora.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Meticolosa ricostruzione dei mitici anni '60 comprese le indimenticabili musiche del tempo. Bravi gli attori tutti. E' un film da vedere. Unica nota negativa l'eccesso di volgarità nei dialoghi dei politici che stridono con l'accuratezza con la quale tutta la pellicola è stata girata.

    commento di bombo1
  • Gradevolissima commedia, che ha i suoi punti di forza nelle atmosfere nostalgiche degli anni '60 e soprattutto nelle musiche del tempo. La storia è interessante ed il tutto è ben girato ed interpretato. Voto 7. Ed ora, tutti su Wikipedia ! https://youtu.be/a0152RSo0Zc

    commento di ezzo24
  • Bel film sul legame tra la follia e la voglia di libertà. Interessante la descrizione della politica (e soprattutto della chiesa) negli anni 68/70. Bellissima la scena dell'umarel subacqueo.

    commento di Aiace68
  • Simpatica ricostruzione della storia dell'isola delle rose. Ottimo il cast

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Send Me a PostCard from Utopia.

    leggi la recensione completa di mck
  • Fantastico film sulla libertà, riesce nella sua leggerezza ad essere profondo e d’impatto. Cast eccezionale. Voto: 9.

    commento di Monfr
  • Scacco matto all'Italia democristiana. Germano irresistibile. Bentivoglio da oscar. La teoria vaticana sul culo è già antologia.

    commento di scapigliato
  • Consigliato. Voto 7

    commento di arcarsenal79
  • Quanto tempo uno Stato di Diritto, può sopportare la visionarietà di un progetto che mina la sua credibilità conservativa?

    leggi la recensione completa di vjarkiv
  • Un po' televisivo come stile e con qualche imprecisione di montaggio, ma molto divertente (e MOLTO romanzato). Molti personaggi caricatura, soprattutto quello di Bentivoglio, che ormai mi sembra sguazzare in questi ruoli.

    commento di faumes
  • "Una piattaforma artificiale in mezzo al mare, libera ed indipendente, semplice"

    leggi la recensione completa di Infinity94
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

mck di mck
7 stelle

  Due anni dopo la Radio Caroline di “the Boat That Rocked” di Richard Curtis (ove qui, invece, l’antenna trasmittente è una trivella per cercar l’acqua dolce-salmastra in mezzo al mare), mentre Cossiga lucida i manganelli, Andreotti scuote la capoccia e Leone passa la palla a Rumor, si recupera un dimenticato Franco Restivo (strategia della tensione - a… leggi tutto

8 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

ilcausticocinefilo di ilcausticocinefilo
6 stelle

A due passi dai comunisti! Ma quali saranno mai stati gli oscuri, insondabili, forse inenarrabili fini d’una simile impresa assurdissima e arditissima? Chi i finanziatori occulti? L’ingegner Rosa voleva forse costruire una piattaforma offshore per il traffico d’armi? Per quello di droga? Al fine di panificare viscidissimi attacchi terroristici “rossi” su suolo… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

kubritch di kubritch
4 stelle

Un'imitazione molto all'italiana, ossia molto caciarona, di I love radio rock, che è un film divertente per me un po' sopravvalutato. L'equivoco è pensare che trattandosi di una commedia si possa stravolgere completamente la realtà. Non bisogna esagerare. In medio stat virtus. a parte il fatto che le imitazioni programmatiche si notano subito, o si percepiscono… leggi tutto

1 recensioni negative

2023
2023
2022
2022

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
8 stelle

Mai titolo fu più azzeccato di questo! E già, perché la storia dell'ingegner Rosa e della sua isola-stato incredibile lo è davvero. E altrettanto incredibile è il fatto che prima dell'uscita del film io non avessi mai sentito parlare della sua straordinaria impresa. Nel 1968, quando cioè Giorgio Rosa portò a compimento il suo visionario progetto,…

leggi tutto
2021
2021

Recensione

alexio350 di alexio350
6 stelle

La vera storia romanzata di Giorgio Rosa, ingegnere italiano che negli anni ‘60 decise di costruire una piattaforma in mezzo al mare, riuscendo a farla proclamare come stato indipendente o micronazione che dir si voglia. Questa utopia di libertà e indipendenza si scontrò con la realtà dei fatti e la piattaforma venne fatta distruggere. Nel raccontare la vicenda il film…

leggi tutto
Recensione

Recensione

axe di axe
7 stelle

Nel 1968, il giovane ingegnere bolognese Giorgio La Rosa, progettò e costruì una piattaforma nel Mare Adriatico, appena fuori dalle acque territoriali italiane, a largo di Rimini, cui fu dato nome "Isola Delle Rose". I primi abitanti dichiararono l'isola indipendente dalla vicina Italia, il cui governo, inizialmente sottovalutò l'evento, per poi, a fronte della…

leggi tutto

Recensione

kubritch di kubritch
4 stelle

Un'imitazione molto all'italiana, ossia molto caciarona, di I love radio rock, che è un film divertente per me un po' sopravvalutato. L'equivoco è pensare che trattandosi di una commedia si possa stravolgere completamente la realtà. Non bisogna esagerare. In medio stat virtus. a parte il fatto che le imitazioni programmatiche si notano subito, o si percepiscono…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Novembre + Dicembre 2020

LorismaL di LorismaL

Di seguito la playlist con le ultime visioni del 2020, tra cortometraggi serie Tv e film. Gli anni passano ma mi soprendo ancora di come sia capace di passare da registi come Bergman o Herzog alle commedie italiane…

leggi tutto
2020
2020

Recensione

Furetto60 di Furetto60
7 stelle

“L’incredibile storia dell’Isola delle Rose,” racconta, romanzandola, la vera impresa di un audace signore, tale Giorgio Rosa, tenace, romantico e visionario protagonista della storia, da poco scomparso, un ingegnere bolognese, che ebbe una geniale e bizzarra idea :creare una nazione autonoma, con le proprie regole, leggi, moneta e conseguenti rappresentati di Stato,…

leggi tutto

Recensione

barabbovich di barabbovich
7 stelle

Nel 1968 (e quando, sennò?) Giorgio Rosa (Germano), fresco della laurea in ingegneria, progettò una piattaforma di 400 metri quadrati da collocare al largo della costa riminese, fuori dalla giurisdizione marittima italiana. Creò un vero e proprio staterello, con tanto di lingua (l’esperanto), moneta ed emissione di francobolli. Mentre a Strasburgo la questione circa la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

NETFLIX “Voi parlate tanto di libertà, ma la vostra è una libertà condizionata: quella assoluta vi spaventa! Non è tanto per quello che ho fatto, ma per quello che potrei fare, che lei mi odia. Io sono fuori dalle acque territoriali. E' una questione che non vi riguarda, questa!” Questa è la risposta stizzita che il tenace “inventore…

leggi tutto

Recensione

vjarkiv di vjarkiv
8 stelle

Sottotitolo possibile: storia di un’ utopia; sottotitolo del sottotitolo: finita male! Film su una incredibile storia vera proposto dall’emergente regista salernitano Sydney Sibilia (trilogia Smetto quando voglio). Non deve fuorviare l’atmosfera da commedia all’italiana che dalle battute iniziali sembra essere lo stile del film, il tema trattato è invece…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

mck di mck
7 stelle

  Due anni dopo la Radio Caroline di “the Boat That Rocked” di Richard Curtis (ove qui, invece, l’antenna trasmittente è una trivella per cercar l’acqua dolce-salmastra in mezzo al mare), mentre Cossiga lucida i manganelli, Andreotti scuote la capoccia e Leone passa la palla a Rumor, si recupera un dimenticato Franco Restivo (strategia della tensione - a…

leggi tutto

Recensione

Fabrizio_Giovanardi di Fabrizio_Giovanardi
6 stelle

Giorgio Rosa, ingegnere bolognese bizzarro e ai margini della società, decide di costruire un'isola in acque internazionali e di fondare un proprio stato indipendente all'insegna della libertà. Accompagnato da un amico, egli riuscirà nell'intento attirando sin da subito l'attenzione di turisti e curiosi. I problemi inizieranno quando Giorgio dovrà fare i conti con lo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

ilcausticocinefilo di ilcausticocinefilo
6 stelle

A due passi dai comunisti! Ma quali saranno mai stati gli oscuri, insondabili, forse inenarrabili fini d’una simile impresa assurdissima e arditissima? Chi i finanziatori occulti? L’ingegner Rosa voleva forse costruire una piattaforma offshore per il traffico d’armi? Per quello di droga? Al fine di panificare viscidissimi attacchi terroristici “rossi” su suolo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 13 utenti

Recensione

Andreotti_Ciro di Andreotti_Ciro
7 stelle

L’ingegner Giorgio Rosa, appassionato di meccanica, di costruzione di oggetti di ogni genere e poco incline a una professione comune e inquadrata, nel 1968 ha l’idea di costruire oltre sei chilometri dalla Riviera Romagnola, fuori dalle acque territoriali italiane, una piattaforma ribattezzata “L’isola delle Rose” ovvero uno stato libero, indipendente e con una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito