Espandi menu
cerca
La mafia non è più quella di una volta

Regia di Franco Maresco vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 96
  • Post 64
  • Recensioni 4479
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La mafia non è più quella di una volta

di sasso67
8 stelle

Il migliore film comico italiano degli ultimi anni, che nasce da un doppio o triplo contrasto, cioè quello tra l'indignazione della fotografa Letizia Battaglia (e delle persone di buon senso come lo spettatore medio di questo film) e le reazioni del popolo dei quartieri palermitani all'anniversario degli assassini di Falcone e Borsellino, da qualcuno accomunati o volutamente confusi con Totò e Peppino. Ma c'è anche il contrasto interiore creato dal dubbio se quelli che agiscono sullo schermo siano personaggi reali o nati dalla fantasia cinica e bara del regista Franco Maresco, non per niente una delle menti che partorirono le clip straccione di Cinico TV, programma del quale si avvertono tra le righe alcune tracce. L'atteggiamento da pesce in barile di Ciccio Mira e della sua corte dei miracoli lascia esterrefatti (è sua la frase che dà il titolo al film), soprattutto per la sfrontata ipocrisia con la quale mettono in piedi uno spettacolo – probabilmente ormai funzionale alle stesse cosche - in memoria di Falcone e Borsellino, rifiutandosi di pronunciare la semplice formula “No alla mafia”, ed organizzano un'altra serata in onore del presidente Sergio Mattarella, in quanto figlio del “grande democristiano” Bernardo, pur non riuscendo a pronunciare la parola martire per il fratello Piersanti. Si ride amaro con Franco Maresco, ma non si può non ridere di fronte a cantanti neomelodici come il palermitano con l'anima partenopea come Cristian Miscel, la cui mamma paga per farlo cantare (ma è un vero cantante, sebbene dalla tecnica e dalla voce discutibili: Youtube è piena delle sue canzoni con tanto di video trashissimi). Resta la speranza che non tutte le reazioni proposte sullo schermo dal regista siano spontanee o quanto meno che tutte quelle persone che si recano alle commemorazioni come a una scampagnata fuori porta coltivino comunque dentro il seme della legalità.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati