Trama

Alma, Jean e Sebastiano, figli di genitori divorziati che vivono a Parigi, arrivano a Roma per far visita al padre. Durante la vacanza, emergeranno però le tensioni familiari.

Approfondimento

MAGARI: ADULTI IMPERFETTI, BAMBINI E FAMIGLIA

Diretto da Ginevra Elkann e sceneggiato dalla stessa con Chiara Barzini, Magari è una commedia sentimentale che racconta la storia di Alma, Jean e Sebastiano, tre fratelli molto legati tra loro che da Parigi, città in cui vivono nel sicuro, seppur bizzarro, ambiente alto borghese della madre di fede russo-ortodossa, si ritrovano scaraventati nelle braccia di Carlo, padre italiano, assente, anticonformista e completamente al verde, che non ha alcuna idea di come badare a sé stesso, figuriamoci ai figli. Durante una vacanza di Natale passata in una casa al mare insieme a Carlo e alla sua collaboratrice Benedetta, in un momento di sospensione dalle loro vite vere, i nodi delle tensioni di famiglia vengono al pettine. Carlo scopre degli aspetti oscuri della sua ex moglie e dimostra ai suoi figli di essere un padre inaffidabile, ma incredibilmente carismatico e - nonostante le sfide e le tensioni quotidiane - la piccola Alma continua a credere fermamente che un giorno, magari, la sua famiglia possa tornare a unirsi come un tempo.

Con la direzione della fotografia di Vladan Radovic, le scenografie di Roberto De Angelis, i costumi di Sergio Zambon e le musiche di Riccardo Sinigallia, Magari è stato così presentato dalla regista in occasione della partecipazione al Festival di Locarno 2019: "Magari si basa sui ricordi e sulla nostalgia e guarda al concetto di famiglia, alle fantasie sulla famiglia perfetta che inseguiamo, soprattutto da bambini. Il film parla di adulti imperfetti, che cercano di fare del proprio meglio, barcamenandosi tra la vita e i sentimenti. Gli adulti sono visti attraverso gli occhi di tre piccoli fratelli, tutti caratterizzati da personalità molto diverse tra loro, che cercano di vegliare l'uno sull'altro. Come madre di tre bambini mi stupisce sempre vedere come i più piccoli si adeguino alle situazioni e i modi in cui reagiscono agli eventi esterni. Alcuni di loro si adattano bene, altri invece oppongono resistenza, restando ancorati alla loro visione delle cose. La costante che tuttavia sembra sempre tenerli uniti è il reciproco senso di appartenenza".

"Attraverso un lungo processo di casting", ha proseguito la regista, "abbiamo cercato tre bambini bilingue, che riuscissero a funzionare come squadra, piuttosto che come singoli personaggi. Per questo hanno trascorso molto tempo insieme, proprio per familiarizzare e prendere confidenza l'uno con l'altro. Parlare la stessa lingua, avere lo stesso accento e avere una gestualità simile era molto importante. Ai provini dei bambini sono seguiti quelli degli adulti e sono grata di aver avuto l'opportunità di lavorare con attori di grandissimo talento come Riccardo Scamarcio, Alba Rohrwacher e Céline Salette. L'interazione tra loro era di cruciale importanza per riuscire a trasmettere la complessità dei rapporti. La principale location del film è il lungomare di Sabaudia, a cui sono molto legata. La prima immagine che mi è venuta in mente quando ho ideato il film è stata proprio la spiaggia di Sabaudia. Questo luogo ha un'atmosfera speciale che volevo pervadesse tutta la pellicola. Le luci, i colori, in particolare al di fuori dalla stagione turistica, sono incredibilmente poetici. Sono attratta dal misto di melanconia e possibilità che offre una località di mare una volta che i turisti sono andati via. Il mio obiettivo era tentare di filmare tutto ciò mixando riprese a mano e fisse, allo scopo di fondere la vivacità dei bambini con la staticità dell'ambiente".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Magari è Ginevra Elkann, regista e sceneggiatrice italiana. Nata a Londra nel 1979, ha vissuto in Inghilterra, Francia e Brasile. Ha conseguito una laurea in comunicazioni visive presso l'Universita?? Americana a Parigi e un master in Film Making alla London Film School. È presidente di Asmara Films, da… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

TFF 37 - FESTA MOBILE Figli cresciuti bilingue da genitori divorziati: madre parigina ricca e padre romano, regista spiantato. I ragazzi sono Sebastiano, Jean e la piccola Alma, che non ha mai potuto aver la gioia di vedere assieme i genitori, ma che non smette di sognare un ritorno di fiamma tra i due. I tre vengono a malincuore inviati dalla apprensiva madre in Italia per una vancanza… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2019
2019

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

TFF 37 - FESTA MOBILE Figli cresciuti bilingue da genitori divorziati: madre parigina ricca e padre romano, regista spiantato. I ragazzi sono Sebastiano, Jean e la piccola Alma, che non ha mai potuto aver la gioia di vedere assieme i genitori, ma che non smette di sognare un ritorno di fiamma tra i due. I tre vengono a malincuore inviati dalla apprensiva madre in Italia per una vancanza…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
Riccardo Scamarcio, Alba Rohrwacher, Oro De Commarque, Milo Roussel, Ettore Giustiniani
Foto
Uscito nelle sale italiane il 1 gennaio 1970
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito