Il ladro di giorni

play

Regia di Guido Lombardi (II)

Con Riccardo Scamarcio, Massimo Popolizio, Augusto Zazzaro, Giorgio Careccia, Vanessa Scalera, Carlo Cerciello, Rosa Diletta Rossi Vedi cast completo

Guardalo su
  • Tim Vision
  • Infinity
  • Infinity
In STREAMING

Trama

Salvo ha circa cinque anni quando suo padre Vincenzo scompare, portato via da due carabinieri. Alcuni anni dopo, una volta uscito di prigione, Vincenzo torna a riprendersi suo figlio che nel frattempo è andato a vivere in Trentino dagli zii. Padre e figlio quasi non si riconoscono, e, come due estranei, si mettono in macchina verso il sud d'Italia, dove Vincenzo ha una missione da compiere. Sarà il tempo del viaggio a metterli di fronte alla verità del loro rapporto e di cosa sono l'uno per l'altro.

Approfondimento

IL LADRO DI GIORNI: L'AMORE (E LA VENDETTA) DI UN PADRE

Diretto da Guido Lombardi e sceneggiato dallo stesso con Luca De Benedittis e Marco Gianfreda, Il ladro di giorni racconta la storia di Salvo, un ragazzino di undici anni che vive con gli zii in Trentino. Il giorno della sua Prima Comunione, mentre gioca a pallone con gli amici, compare inaspettatamente a bordo campo un uomo, è suo padre Vincenzo. Salvo a stento lo riconosce, non lo vede, infatti, da sette anni, da quando due carabinieri lo avevano portato via dalla loro casa in Puglia. Ora Vincenzo è uscito di prigione, dice di voler passare qualche giorno con il figlio e parte con lui verso il sud. Durante questo viaggio lungo l'Italia, scandito da molti incontri e ricordi, Salvo imparerà a conoscere suo padre ma dovrà fare i conti anche con i suoi segreti e il suo passato.

Con la direzione della fotografia di Daria D'Antonio, le scenografie di Eugenia Fernanda Di Napoli, i costumi di Nicoletta Taranta e le musiche originali di Giordano Corapi, Il ladro di giorni è l'adattamento dell'omonimo romanzo scritto da Lombardi. A spiegare meglio la storia è lo stesso regista in occasione della presentazione del film al Festival di Roma 2019: "Il ladro di giorni è il racconto di un incontro, tra un bambino che muove i primi passi nel mondo e un uomo che vi ritorna dopo anni di carcere. Tra un figlio che ha quasi dimenticato di avere un padre e un padre che stenta a riconoscere in quel bambino suo figlio. Come all'inizio di ogni storia d'amore, diffidano l'uno dell'altro. Decidere di fidarsi è un atto di coraggio, come quello di un tuffatore che si lancia nel vuoto. Quel coraggio che, da buon guascone, Vincenzo cerca d'insegnargli, ritrovandosi, invece, a prendere lui lezioni dal figlio, a scoprirsi lui il bambino tra i due. Il ladro di giorni è anche un viaggio nel passato criminale di Vincenzo, alla ricerca dell'uomo misterioso che lo ha tradito anni prima, condannando lui e suo figlio alla lontananza. È un istinto potente la vendetta, capace di annebbiare la vista, di trascinarti nei giorni perduti, rubati all'amore, oscurando quella speranza che ha appena ricominciato a brillare. Ed è così tanto il desiderio del piccolo Salvo di essere amato da quel padre sconosciuto, che anche lui si ritroverà a camminare lungo l'esile confine che separa il bene dal male, i buoni dai cattivi. Fino all'attimo in cui Vincenzo deciderà di diventare finalmente un uomo".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Il ladro di giorni è Guido Lombardi, regista, sceneggiatore e scrittore italiano. Nato a Napoli nel 1975 e laureato in Sociologia presso l'Università "Federico II" di Napoli, Lombardi ha collaborato, tra gli altri, con Abel Ferrara e Paolo Sorrentino. Ha esordito alla regia con un cortometraggio di… Vedi tutto

Commenti (2) vedi tutti

  • "Il ladro di giorni" è un peccato per quello che avrebbe potuto essere e non è stato. Il tema del rapporto filiale che si ferma alla lontananza forzata. L'iniziazione alla vita di Salvo che affoga nella redenzione maldestra del padre. Un on the road lungo tutta l'Italia che non si fa mai spaccato esistenziale. Guido Lombardi ha fatto di meglio.

    commento di Peppe Comune
  • E' un film con una sua profondità...

    commento di BufalaBill
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

pazuzu di pazuzu
3 stelle

    Vincenzo (Riccardo Scamarcio), piccolo delinquente pugliese, esce di galera dopo sette anni e si imbarca fino al Trentino, dove il figlio Salvo (il giovanissimo Augusto Zazzaro), che non lo vede da quando ne avevo quattro, vive serenamente con gli zii ma di fatto soffre la sua assenza, tanto da aver ricordato proprio in quel giorno, neanche a farlo apposta, l'ultima mattinata… leggi tutto

2 recensioni negative

2020
2020
Uscito nelle sale italiane il 3 febbraio 2020
2019
2019
locandina
Foto

Recensione

alan smithee di alan smithee
4 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 2019 - SELEZIONE UFFICIALE Padri che amano i propri figli, ma poi inspiegabilmente spariscono. Vincenzo scompare improvvisamente mentre è al mare col figlio bambino Salvo, e la giovane moglie sofferente. Dopo sette anni, ritroviamo Salvo che vive presso gli zii in un Nord Italia di confine, ed è raggiunto improvvisamente dal padre, che si ripresenta…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

pazuzu di pazuzu
3 stelle

    Vincenzo (Riccardo Scamarcio), piccolo delinquente pugliese, esce di galera dopo sette anni e si imbarca fino al Trentino, dove il figlio Salvo (il giovanissimo Augusto Zazzaro), che non lo vede da quando ne avevo quattro, vive serenamente con gli zii ma di fatto soffre la sua assenza, tanto da aver ricordato proprio in quel giorno, neanche a farlo apposta, l'ultima mattinata…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
locandina
Foto
Riccardo Scamarcio, Augusto Zazzaro
Foto
2018
2018
Riccardo Scamarcio, Augusto Zazzaro
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito