Trama

Shigemori è un brillante avvocato che assume la difesa di Misumi, su cui pende un'accusa di omicidio. Poiché non è la prima volta che viene accusato di assassinio, Misumi rischia la pena di morte ma Shigemori comincia ad avere sospetti sulla sua colpevolezza.

Approfondimento

IL TERZO OMICIDIO: UN CASO COMPLICATO

Diretto e sceneggiato da Hirokazu Koreeda, Il terzo omicidio racconta la storia di Shigemori, un avvocato di successo che assume la difesa di Misumi, un uomo di mezza età accusato di aver brutalmente ucciso e derubato il proprio capo. Il presunto assassino aveva già scontato una lunga pena detentiva per un duplice omicidio di cui si era macchiato 30 anni prima. Le possibilità di Shigemori di evitare la condanna a morte per il suo assistito sono poche, dato che l'uomo ha già ammesso chiaramente la propria colpevolezza. Mentre approfondisce il caso, ascoltando le testimonianze dei conoscenti di Misumi, dei familiari della vittima e dello stesso, Shigemori inizia a dubitare che l'uomo sia davvero colpevole.

Con la direzione della fotografia di Mikiya Takimoto, le scenografie di Yohei Taneda e le musiche di Ludovico Einaudi, Il terzo omicidio è stato così presentato dal regista in occasione della partecipazione in concorso al Festival di Venezia 2017: "Il terzo omicidio è un dramma processuale. Volevo rappresentare in modo corretto il lavoro di un legale. Parlando con gli avvocati e con il supervisore legale di Father and Son, tutti mi hanno detto: «La corte non è il luogo dove stabilire la verità». Nessuno, quindi, può conoscere la verità. Ho pensato che fosse un argomento interessante e ho sentito di voler fare un film di genere forense in cui la verità non viene rivelata. Solitamente un film raggiunge la verità verso la fine. Invece in questo film soltanto la procedura giuridica giunge a una conclusione, mentre i personaggi non conoscono la verità. Mostra che la nostra società tollera un sistema imperfetto che non può conservarsi a meno che le persone giudichino altre persone senza conoscere la verità".

"Tra l'avvocato e l'assassino si percepisca un'autentica tensione", ha proseguito Koreeda. "Ho fatto dei reading della sceneggiatura assieme a Fukuyama e Yakusho, gli attori protagonisti, prima di iniziare le riprese. Le scene nel parlatorio sono state meravigliose. All'inizio pensavo di non volerne troppe perché sarebbero risultate statiche. Nei miei precedenti drammi familiari, pensavo a come avrei mosso le persone nello spazio. Per questo film, il parlatorio diviso in due dalla presenza del vetro, conteneva sostanzialmente persone sedute. Tuttavia, quando ho visto loro due interagire, ho pensato che queste scene sarebbero state molto intense. Così ho incrementato il loro numero nel film. Dopo aver visto gli attori al lavoro, sono riuscito a visualizzare l'ossatura del film".

"Per la fotografia - ha concluso il regista - ho puntato al look di un film di genere crime. Ho enfatizzato il contrasto tra luce e ombra, non la luce naturale che avevo usato nei film precedenti. Ho accolto consigli del direttore della fotografia Takimoto Mikiya, inoltre ho girato in CinemaScope. Con questo formato, i primi piani risultano molto efficaci: la scena con i tre avvocati che camminano fianco a fianco, per esempio, colpisce nel segno. Penso che abbia funzionato molto bene. Nella mia testa avevo l’immagine dei crime-movie americani degli anni Cinquanta e ho chiesto a Takimoto di guardare Il romanzo di Mildred. Abbiamo discusso di film che impiegavano bene il CinemaScope, come Seven e diversi titoli diretti da Paul Thomas Anderson, così come Anatomia di un rapimento di Kurosawa Akira. Abbiamo studiato come catturare le cose con il CinemaScope senza perdere il senso della tensione".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Il terzo omicidio è Hirokazu Koreeda, regista e sceneggiatore giapponese. Nato a Tokyo nel 1962, Koreeda ha cominciato a lavorare nel mondo dei documentari televisivi agli inizi degli anni Novanta, dopo essersi laureato nel 1987 alla Waseda, e ha presentato il suo primo lungometraggio, Maborosi, al… Vedi tutto

Commenti (3) vedi tutti

  • Il film prende bene, un giapponese con ritmo con una fotografia splendida. koji Yakusho superlativo.

    commento di Alex2134
  • Incursione inedita di Hirokazu Kore eda nel territorio del giallo e del legal drama, ha una trama densa e complessa, che richiede probabilmente più di una visione. Kore eda se la cava comunque egregiamente, costruendo un avvincente dramma giudiziario che solleva interrogativi sul significato di verità e giustizia più che fornire risposte.

    leggi la recensione completa di port cros
  • regia eloquente, raffinata e questa volta forse fin troppo consapevole, soprattutto nella direzione degli attori, che a volte gigioneggiano ai limiti dell'esagerazione, anche per un film giapponese. rimane comunque l'opera di un Maestro. dalla visione si esce un po' storditi dall'esagerato romanticismo-minimalista della soundtrack.

    commento di giovenosta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
8 stelle

VENEZIA 74 - CONCORSO  Un operaio sulla via della pensione uccide a sangue freddo sul ciglio di un fiume appena fuori città un altro uomo, che si rivelerà suo datore di lavoro, colpendolo con una pesante chiave inglese, e poi dando alle fiamme il corpo, derubandolo del portafoglio. La polizia ha poco da indagare perché l'uomo si costituisce. A difenderlo sarà… leggi tutto

3 recensioni positive

2019
2019

Recensione

port cros di port cros
8 stelle

    All'avvocato Shigemori ed al suo team è affidata la difesa del signor Misumi, reo confesso dell’omicidio del datore di lavoro. Lo stesso uomo era già stato condannato trent'anni prima nella sua città natale per un altro delitto, che aveva avuto come vittime due usurai. Tra l'altro, il giudice di quel caso era stato proprio il padre…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2017
2017
locandina
Foto
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
locandina
Foto

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

VENEZIA 74 - CONCORSO  Un operaio sulla via della pensione uccide a sangue freddo sul ciglio di un fiume appena fuori città un altro uomo, che si rivelerà suo datore di lavoro, colpendolo con una pesante chiave inglese, e poi dando alle fiamme il corpo, derubandolo del portafoglio. La polizia ha poco da indagare perché l'uomo si costituisce. A difenderlo sarà…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

Venezia 74 – Concorso ufficiale. Quando un autore di prima fascia sceglie di mettersi in gioco, è sempre un buon punto di partenza. Con The third murder, Hirokazu Koreeda abbandona il tema della famiglia che ha permeato le sue opere più titolate (Father and son, Nessuno sa, Little sister), addentrandosi in una partitura ben più complessa, che si dipana principalmente…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito