Trama

Jeannette Walls, una giovane ragazza, cresce con la sorella maggiore e con il fratello e la sorella minori in una famiglia disfunzionale, costantemente in fuga dall'Fbi. Vivendo in povertà, è guidata nella crescita dal geniale e ubriacone padre, che la distrae con storie magiche che la aiutano a evadere dalla disastrosa situazione familiare e dall'egoista madre anticonformista.

Approfondimento

Il CASTELLO DI VETRO: CRESCERE FUORI DALLE REGOLE

Diretto da Destin Daniel Cretton e sceneggiato dallo stesso con Andrew Lanham, Il castello di vetro racconta la storia dell'affiatata, eccentrica, disordinata e complessa famiglia di Jeannette Walls, una giovane donna che, influenzata dalla natura gioiosamente selvaggia del disfunzionale padre, ha trovato la giusta determinazione per costruirsi una vita di successo alle sue condizioni. Oramai adulta, di successo e all'apparenza stabile, Jeannette avrà bisogno di tornare alla sua infanzia, rivivendo la storia che ha alle spalle, per riconciliarsi con il futuro. Figlia di Rex e Rose Mary Walls, due spiriti liberi che odiavano letteralmente le restrizioni della società, Jeannette da piccola seguì il girovagare della famiglia per le strade degli Stati Uniti, dalle città del deserto del sud ovest ai campeggi di montagna, senza avere mai un posto da poter chiamare casa. Tutta la famiglia era allora in qualche modo schiava del padre Rex, un uomo che con la sua indole prevaricante quando era sobrio riusciva a catturare l'immaginazione dei figli insegnando loro la scienza, mostrandogli le meraviglie del mondo e, soprattutto, esortandoli a vivere senza aver paura. La madre Rose Mary, una pittrice autoproclamatasi dipendente dall'eccitazione, si prendeva meno cura della famiglia ma come il marito era propensa a crearsi uno stile di vita propri, anche se ciò significava essere materialmente poveri. Quando i soldi finirono, la famiglia si stanziò in una città mineraria del West Virginia in una casa fatiscente che per i Walls sarebbe divenuta l'alter ego del "castello di vetro", ovvero la sorprendente residenza a energia solare che Rex aveva sempre promesso di costruire. Con l'aumentare dei problemi, Jeannette e i suoi fratelli furono costretti poi a doversi difendere da soli, sostenendosi e incoraggiandosi a vicenda in attesa di mettere in atto un giorno la loro grande fuga.

Con la direzione della fotografia di Brett Pawlak, le scenografie di Sharon Seymour, i costumi di Joy Cretton e le musiche di Joel P. West, Il castello di vetro è l'adattamento dell'omonimo libro di memorie scritto dalla stessa Walls. Apprezzata giornalista di gossip, nel suo memoriale la Walls ha ripercorso le tappe della sua infanzia, quando tra povertà, caos, ribellione e isolamento dalla società circostante, ha vissuto un profondo amore famigliare, che ha reso ogni passo in un'avventura grazie alla natura strana e inspiegabile dei suoi genitori. Per sette anni in cima alle classifiche di vendita, il libro ha messo in luce come la Walls per affermare se stessa abbia dovuto far ricorso a tutta la sua determinazione senza perdere mai di vista il valore degli affetti più cari. Ha raccontato il regista a proposito dell'adattamento cinematografico: "Il castello di vetro è qualcosa di molto intimo che, esponendo la storia di Jeannette, si rivolge a tutti noi. Quando l'ho letto per la prima volta, sono rimasto sorpreso dal vedere quanti richiami avesse per me. Sebbene la mia educazione e formazione non siano state pazzesche come la sua, con le sue parole mi ha ricordato quanta importanza abbia anche per me l'amore e come sia fondamentale affrontare in una famiglia sia tempi belli sia momenti difficili e spaventosi. Leggere il libro è stato quasi catartico: si tratta di una di quelle storie che ti fa sentire meno solo e più legato al mondo circostante. La sceneggiatura che ne abbiamo ricavato si concentra su una giovane donna che, facendo leva sui suoi ricordi, deve dare un senso alla sua esistenza e far pace con il passato e i genitori. In altre parole, il film è la storia di una donna che impara ad amare e ad accettare se stessa, interrogandosi sull'operato dei genitori, analizzando la loro stranezza e mostrando ancora compassione per loro".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Il castello di vetro è Destin Daniel Cretton, regista e sceneggiatore nato e cresciuto a Maui, nelle Hawaii. Con una laurea in Scienze della Comunicazione e un master in Film, Televisione e Nuovi Media, Cretton ha debuttato come regista nel 2012 con I Am Not a Hipster, film presentato al Sundance Film… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • a Cretton non riesce il piccolo miracolo accaduto con Short Term 12. la storia, ispirata a fatti realmente accaduti, è potente, e il montatore assieme agli attori si danno un gran da fare, ma alla fine il film risulta "spuntato", affossato da prevedibilità e ripetitività diffuse. quando maggiori mezzi a disposizione tolgono invece che aggiungere.

    commento di giovenosta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

CINEMA OLTRECONFINE Durante una cena in un elegante ristorante di città, una giovane e brillante ragazza accompagnata dal distinto fidanzato, sorprende l’altra coppia che siede allo stesso tavolo quando, verso la fine, ella richiede il cosiddetto “doggy bag” in cui non solo sia raccolto tutto quanto avanzato dalla coppia, ma persino tutto il “non fruito”… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2018
2018
Uscito nelle sale italiane il 3 dicembre 2018
locandina
Foto
2017
2017

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

CINEMA OLTRECONFINE Durante una cena in un elegante ristorante di città, una giovane e brillante ragazza accompagnata dal distinto fidanzato, sorprende l’altra coppia che siede allo stesso tavolo quando, verso la fine, ella richiede il cosiddetto “doggy bag” in cui non solo sia raccolto tutto quanto avanzato dalla coppia, ma persino tutto il “non fruito”…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
locandina
Foto
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito