Trama

Amin, giovane aspirante sceneggiatore che vive a Parigi, torna per l'estate nel piccolo villaggio di pescatori nel sud della Francia, in cui vive tutta la sua famiglia. Quei giorni del 1994 gli offrono la possibilità di riallacciare i rapporti con i familiari e con gli amici più cari, a cominciare dal cugino Tony e dall'amica Ophélie. Incantato dall'euforia dei corpi giovanili che lo circondano e armato di macchina fotografica, raccoglierà elementi utili alle sue storie.

 

Approfondimento

MEKTOUB, MY LOVE: CANTO UNO - UN'ODE ALLA VITA

Diretto da Abdellatif Kechiche e sceneggiato dallo stesso con Ghalya Lacroix (a partire da un romanzo La blessure la vrai di François Bégaudeau), Mektoub, My Love: Canto Uno è il primo capitolo della trilogia dedicata al personaggio di Amin, un giovane studente destinato a divenire autore cinematografico. La storia prende il via nel 1994 quando Amin, un aspirante sceneggiatore che vive a Parigi, ritorna per l'estate a Sète, la sua città natale, una comunità di pescatori del sud della Francia, per ritrovare la famiglia e gli amici d'infanzia. Accompagnato da suo cugino Tony e dalla sua migliore amica Ophélie, Amin passa il suo tempo tra il ristorante di specialità tunisine dei suoi genitori, e i bar del quartiere e la spiaggia frequentata dalle ragazze in vacanza, tra cui Céline e Charlotte. Incantato dalle numerose figure femminili che lo circondano, Amin resta soggiogato da queste sirene estive, all'opposto del suo cugino dionisiaco che si getta nell'euforia dei corpi. Munito della sua macchina fotografica e guidato dalla luce eclatante della costa Mediterranea, Amin porta avanti la sua ricerca filosofica lanciandosi nella scrittura delle sue sceneggiature. Ma quando arriva il tempo dell'amore, solo il destino, il mektoub, potrà decidere cosa è meglio.

Con la direzione della fotografia di Marco Graziaplena e le scenografie di Ann Chakraverty, Mektoub, My Love: Canto Uno viene così raccontato dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Venezia 2017: "Mi piacerebbe restituire al cinema la sua dimensione sacra e tornare a considerare l'andare a vedere un film come la partecipazione a una cerimonia. Anche se molti pensano che sia solo un'illusione, ho l'intima convinzione che il cinema faccia parte di una nuova era umana segnata dalla possibilità reale. Da regista, se avessi perso tale utopia, non avrei più il desiderio di realizzare film.

Aspiro a fare opere libere in maniera libera, con pochi mezzi a disposizione, per raccontare storie e partecipare al risveglio delle anime (anche se la mia anima non è che sia più sveglia delle altre). Sono consapevole che la mia stessa anima è oscurata dal secolo, il XXI, appena arrivato. Pur non volendone fare una questione politica, le mie origini e la mia carriera rappresentano un'entità politica. Dentro di me, ogni pensiero e ogni sentimento diventa politico perché la società mi ha politicizzato.

Ho fatto questo film per raccontare qualcosa di me, sebbene non sia autobiografico. Non volevo parlare di me stesso o aprirmi. Abbiamo tutti vissuto esperienze e relazioni amorose giovanili. Io stesso non ho la stessa psicologia dei miei personaggi ma tutti posssono identificarsi con loro. Io li osservo, li studio, li amo. Li analizzo e non li giudico. Mi fanno porre domande sul mektoub (il destino), sulla natura del bene e del male, sulle loro ambiguità.

Questo è un film anarchico, nel senso nobile del termine: è destinato cioè a spezzare le catene della gerarchia. Il cinema francese è ostile al mio discorso sulla libertà e di conseguenza incontro difficoltà nell'esercizio della mia professione.

Mektoub, My Love: Canto Uno è un invito alla riflessione sul significato del destino. Siamo predestinati e governati da forze più grandi di noi? Qual è l'impatto della storia e delle decisioni di pochi sulla vita di tutti gli altri? Esiste un libero arbitrio genuino? Il film cerca di capire se gli eventi di un individuo hanno in scala ripercussioni sulla famiglia e, più in generale, su una nazione. E viceversa, se le decisioni prese a livello nazionale hanno un impatto sui gruppi e sugli individui. Un intero popolo può essere arruolato per la guerra? Dopo decenni, si tende a dimenticare spesso quali siano state le radici di un'azione che ha portato a eventi che hanno coinvolto i destini degli individui. Ovviamente, espongo solo una mia visione e non una lettura delle cose. Lascio l'interpretazione allo spettatore.

Ricercare la verità non significa accusare. C'è una frattura nella società contemporanea ed è necessario capirne le origini. La Francia non è un paese bianco ma è una nazione multiculturale e multireligiosa. Il mio film vuole essere un inno alla vita e alla luce, un'ode alla bellezza, un racconto gioioso ed euforico che mette in discussione le conseguenze delle azioni passate sul presente. La luce di cui parlo non è altro che la libertà di pensiero, la stessa libertà che rivendico".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Mektoub, My Love: Canto Uno è Abdellatif Kechiche, regista e sceneggiatore di origine tunisina. Nato a Tunisi nel 1960, Kechiche si è trasferito a Nizza all'età di sei anni e ha cominciato a studiare commedia al Conservatoire d'Antibes. Appassionato di teatro, ha esordito come attori in alcuni… Vedi tutto

Commenti (2) vedi tutti

  • Una bulimia di parole, sorrisi (veri?), un voyeurismo pesante e alla fine volgare, con un breve spiraglio di silenzio di fronte al miracolo di una nascita.

    commento di Marsil_Claritz
  • Kechiche apre con un versetto dalla Bibbia di Giovanni seguito da uno del Corano in cui si parla di luce. Poi di luce inonda il film. Ha promesso di rimetterci mano e fare qualche taglio. Siamo d’accordo.

    leggi la recensione completa di yume
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

EightAndHalf di EightAndHalf
9 stelle

Difficile convivere con il proprio sguardo, attivo e desiderante, quando il corpo e la testa non riescono ad ascoltarlo e seguirlo, ma sono appesantiti forse da una profondità e una sensibilità che gli altri non posseggono. Mektoub, My Love, attesissima nuova opera di Abdellatif Kechiche, permette col senno di poi una reinterpretazione del percorso del regista tunisino, che… leggi tutto

3 recensioni positive

locandina
Foto
Il meglio del 2017
2017

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
9 stelle

Difficile convivere con il proprio sguardo, attivo e desiderante, quando il corpo e la testa non riescono ad ascoltarlo e seguirlo, ma sono appesantiti forse da una profondità e una sensibilità che gli altri non posseggono. Mektoub, My Love, attesissima nuova opera di Abdellatif Kechiche, permette col senno di poi una reinterpretazione del percorso del regista tunisino, che…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito