Espandi menu
cerca
Mektoub, My Love: Canto Uno

Regia di Abdellatif Kechiche vedi scheda film

Recensioni

L'autore

yume

yume

Iscritto dal 19 settembre 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 97
  • Post 130
  • Recensioni 436
  • Playlist 47
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Mektoub, My Love: Canto Uno

di yume
8 stelle

Kechiche apre con un versetto dalla Bibbia di Giovanni seguito da uno del Corano in cui si parla di luce. Poi di luce inonda il film. Ha promesso di rimetterci mano e fare qualche taglio. Siamo d’accordo.

Shain Boumedine

Mektoub, My Love: Canto Uno (2017): Shain Boumedine

La blessure, la vraie,romanzo di François Bégaudeau, insegnante, romanziere, cosceneggiatore e interprete per Entre Le Murs di Laurent Cantet è il testo di riferimento, Kechiche lo adatta a sua immagine e somiglianza confezionando un film fluviale, eccessivo, debordante, che trasuda suoni, luce, sorrisi, lacrime, acquamarina e tequila, placenta e culi.

Sì, culi, la parola è quella, come definirlo altrimenti?

E’ il particolare anatomico femminile più presente sulla scena, un feticcio millenario che Kechiche assume in proprio con amore e ironia, ben sapendo quanta esca stia dando a critiche negative e seguaci adoranti.

Ma, a parte i culi, cos’ha questo film che riesce a tenere inchiodati tre ore davanti allo schermo?

Amin, il protagonista, il suo sguardo.

Amin è una specie di giovane Virgilio e noi vecchi Dante con lui lungo i gradoni di una specie di Paradiso/Purgatorio/Inferno messi insieme.

Ci sono lunghi momenti di insofferenza per la durata e la ripetitività, ma è il solito sbaglio di chi vuole le storie, inizio, sviluppo e finale, magari aperto ma finale.

Kechiche le lascia a noi le costruzioni narrative, in fondo come Dante (mi si perdoni il richiamo, non è un confronto) qui c’è la vita così come viene, o appare, certo scorre.

Il tempo scompare, passato presente e futuro ritornano ad essere la convenzione utile agli orologiai svizzeri per vendere i loro prodotti, qui c’è una lunga parentesi estiva sulla spiaggia della costa francese (doveva essere la Tunisia e nel film si parla di Hammamet come se fosse lì a due passi).

Comunque sembra Tunisia, il cuore di Kechiche è evidentemente lì.

Amin (Shain Boumedine)bellissimo come tutti i giovani che nel 1994 affollavano la spiaggia di Séte, i bar e le discoteche del posto, arriva da una Parigi fredda e grigia (lo ripete spesso, chi nasce al sole e vive al nord ha sempre nella testa questo mantra), dove ha abbandonato il corso di laurea in medicina.

Ora fa foto e scrive sceneggiature, se prima o poi incontrerà Belmondo per strada avrà fatto centro, dice.

In paese ritrova la famiglia, gli amici, la cara amica Ophélie (Ophélie Baufle) che lavora nella fattoria di famiglia e fra capre, pecore e mungiture sa il fatto suo e dirige i lavori. Questo non le impedisce di prendersi il suo bel tempo in spiaggia, bar e discoteca, oltre a far l’amore con Toni.

Ophélie e Toni sono la coppia di amanti clandestini che fa da epicentro di tutto lo sviluppo e dal loro amplesso infuocato, che Amin appena arrivato osserva dalla finestrella della cucina, parte il film.

Ophélie è promessa sposa di Clément, soldato in trasferta nei vari posti del mondo dove si combatte. Lei è bella, solare, emana luce e vita, cosa deve fare? Toni fa il farfallone in giro per “copertura”, così ama dire, madri, zie comari varie sono sempre lì a spettegolare su loro due, la povera Ophélie ha quasi un coccolone quando Amin suona alla porta e Toni deve scappare dall’altro ingresso.

Ma Amin riporta la calma, la dolce bellezza di esistere lasciandosi cullare dalla vita che fluisce ininterrotta e si riproduce, come quei due agnellini che la pecora partorisce davanti a lui, fermo da ore con il suo obiettivo ad aspettare il parto.

E’ la sequenza più straordinaria, al centro del film, motore immobile della vita che rotea danzando intorno a quel quarto d’ora di silenzio, solo il bèèè dell’animale, il suo dolore di partoriente, l’amore di madre che lecca i suoi piccoli.

E’ sera, Amin è lì dal mattino ad aspettare, intorno alla pecora si addensa l’ombra, unica luce è il suo vello chiaro, unico movimento le sue zampe tese in conati spasmodici.

Una sequenza che commuove fino alla lacrime, e poi riprendono i balli, i baci, le parole che non vogliono dire niente, ciao, come va, stai bene, che fai, bevi con noi ecc., solo tenere uniti i fili della convivenza di un’estate al mare, l’abbiamo vissuta tutti, era così, si rideva così, si piangeva così, ci si amava e lasciava così e poi ci si allontanava sul bagnasciuga così, alla fine dei sogni e senza più sapore di sale.

Come Amin.

 

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati