Espandi menu
cerca
Stregata dalla luna - In memoria di Norman Jewison
di laulilla ultimo aggiornamento
post
creato il

L'autore

laulilla

laulilla

Iscritto dal 21 febbraio 2015 Vai al suo profilo
  • Seguaci 99
  • Post 14
  • Recensioni 657
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

 

Qualche giorno fa ci ha lasciati a 97 anni Norman Jewison, regista di 25 film, apprezzati dal pubblico e dalla critica d’antan, ma oggi poco noto.

Meritorio, dunque, il ricordo-omaggio di Raiplay che ha riproposto Rollerball (1975), impegnata riflessione “fantascientifica” sul ruolo ambiguo dell’intrattenimento, non solo sportivo, che si rivela funzionale al contenimento della rabbia popolare.

Rollerball è – come altri film successivi di Jewison – una dura denuncia delle ingiustizie, del razzismo e della ferocia spietata dei politici, che si avvale dell’indimenticabile e umanissima interpretazione di James Caan.

 

Ricordo tuttavia che dopo l’Oscar del 1968 per La calda notte dell’Ispettore Tibbs, film giallo che era stato preceduto da qualche deliziosa commedia, il regista, nel corso degli anni ’70, aveva girato molti indimenticabili musical dei quali mi piace citare il celeberrimo Jesus Christ Super Star (1973) di cui ho conservato qualche sbiadita reminiscenza, pur avendo viva memoria delle polemiche e delle volontà censorie che ne misero a rischio la proiezione nel nostro paese.

 

Jewison si era mosso, dal primo all’ultimo film, attraversando con disinvoltura i generi, senza dimenticare però le sue origini di conduttore televisivo a Londra, esperienza probabilmente importante, da cui aveva imparato quanto siano  fondamentali le belle musiche nonché l’espressività mimetica dei volti per catturare l’attenzione degli spettatori.


Ne avrebbe fatto tesoro a Hollywood, dove produsse i suoi film, qualche volta li sceneggiò e sempre li diresse con la fierezza dell’uomo indipendente che non rinuncia alle proprie idee liberal né a difenderle. Così nelle distopie futuristiche, come nei film pacifisti, così nei musical, come nelle commedie romantiche…


Mi soffermerò su una di queste, forse la più nota: Stregata dalla luna, che vidi al cinema – e subito apprezzai – e che rividi successivamente sul mio DVD, mantenendone immutato il giudizio.

Interpretato da giovani attori: Cher e Nicolas Cage; da comici di mezza età: Vincent Gardenia e Danny Ajello, nonché dalla bravissima Olympia Dukakis, signora attempata ossessionata da malinconici rimpianti, questo film racconta una storia di immigrazione italiana a New York, a Little Italy, ovvero la storia delle famiglie Castorini e Cammareri.

È una storia di solidarietà fra generazioni: la “complicità” di quelle famiglie nasceva dal reale bisogno di protezione reciproca nella bellissima metropoli in cui solitudine e individualismo avrebbero – probabilmente – messo in forse i legami interni alle piccole comunità dei nuovi arrivati, persino i più solidi, cioè quelli che poggiavano sulla tradizione; spesso sui pregiudizi, talvolta, come in questo caso, anche sulla superstizione.

 

La premessa della storia

era accaduto che la bella Loretta Castorini (Cher), rimasta prematuramente  vedova per… non aver celebrato religiosamente il proprio matrimonio volesse ricucire lo strappo con Dio accettando la proposta di matrimonio che le era arrivata – sulle note di “That’s ammore” in un locale di Little Italy – da Johnny Cammareri (Danny Ajello), uomo ricco, quasi anziano,  che non aveva tuttavia fissato la data. Johnny aveva prenotato, infatti, un aereo per l’Italia per vedere la madre in fin di vita: la moribonda desiderava vederlo…
A funerali conclusi ne avrebbero riparlato! Nel frattempo Loretta avrebbe incontrato Ronny (Nicolas Cage), il fratello, fornaio, di Jonny per invitarlo alle nozze prossime venture…

 

e il suo seguito

 

Incontro galeotto, forse per la magia della luna piena che esaltava la bellezza della città, illuminando la neve appena caduta, forse!


Ronny, perdutamente attratto da lei sin dal primo momento, ha le idee più chiare. L’amore, non quello dei luoghi comuni cantato da Dean Martin, ma quello vero, quello che nasce dai sensi e che non ammette compromessi; quello che si lascia accompagnare dalla meravigliosa musica di Puccini, quello che ci trasforma rendendoci insieme coscienti e smemorati:
Ma ora, per me, tutto questo non conta niente: l’unica cosa che voglio è averti nel mio letto. Non mi interessa se brucerò in eterno. Non mi interessa se tu brucerai in eterno. Il passato e il futuro sono quasi inesistenti: non riesco a vederli, qui. La sola cosa che vedo sei tu, con me.

 

un bel film, che stento a definire “commedia romantica”; una lieve e garbata commedia contro il familismo amorale e stereotipato di chi, non avendo il coraggio di vivere, si accontenta di qualche evasione fedifraga, come molti dei Cammareri e dei Castorini.

Ti è stato utile questo post? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati