Espandi menu
cerca
Paris, Texas

Regia di Wim Wenders vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 238
  • Post 22
  • Recensioni 1681
  • Playlist 106
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Paris, Texas

di steno79
8 stelle

Un uomo di nome Travis cammina da solo in uno stato confusionale nel deserto messicano sul confine con gli Stati Uniti, cade a terra sfinito e viene raccolto da un medico che, attraverso un foglietto trovato nelle sue tasche, contatta il fratello più giovane Walt, che viene a prenderlo. Travis è chiuso in una sorta di mutismo ossessivo e non risponde di proposito alle domande di Walt e della moglie francese; in casa loro ritrova il figlio Hunter, che era stato loro affidato da Jane, la moglie di Travis, anche lei sparita. Dopo la diffidenza iniziale, il figlio si riavvicina al padre, ma Travis è deciso a ritrovare la moglie a tutti i costi, e viene a sapere che Jane lavora in un peep-show...
Uno dei maggiori successi di Wenders, vincitore della Palma d'oro a Cannes assegnata da una giuria presieduta dall'attore Dirk Bogarde, non ha trovato unanimità nella critica e non è forse un capolavoro ma resta, a mio parere, opera di grande interesse. La sensibilità europea dell'autore nel riprendere il paesaggio Americano e nell'accostarsi ad alcuni temi tipici della cultura Statunitense non è ancora caduta nella maniera, molte sequenze hanno la giusta atmosfera rarefatta ed un pò enigmatica, il tema della difficoltà della comunicazione nei rapporti familiari è svolto in maniera attendibile. La prima parte è probabilmente la migliore, con sequenze di grande fascino audiovisivo che si giovano della fotografia, come sempre eccellente, di Robby Muller, mentre nella parte finale c'è qualcosa di irrisolto nella sceneggiatura di Sam Shepard che in parte condiziona il risultato finale, e le sequenze nel peep-show fra Stanton e la Kinski, per quanto ben risolte tecnicamente, non riescono a reggere il peso narrativo che il film gli assegna. Harry Dean Stanton è qui alla sua migliore interpretazione, ben affiancato da Dean Stockwell, Aurore Clement e una Nastassia Kinski almeno bravina.
voto 8/10

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati