Aquarius

play

Regia di Kleber Mendonça Filho

Con Sonia Braga, Jeff Rosick, Irandhir Santos, Maeve Jinkings, Carla Ribas, Julia Bernat, Fernando Teixeira, Humberto Carrão... Vedi cast completo

  • In TV
  • Sky Cinema 2
  • canale 302
  • Ore 04:55
In STREAMING

Trama

La sessantacinquenne Clara è una scrittrice e critica di musica oramai in pensione. Vedova, è madre di tre figli adulti e vive in un appartamento pieno di libri e dischi nel quartiere di Boa Viagem, in un originale edificio chiamato Aquarius e costruito negli anni Quaranta. Tutti gli appartamenti limitrofi sono stati acquistati da una società ma Clara si è impegnata a lasciare la sua residenza solo nel momento della morte. La tensione che si crea finisce con il disturbare Clara e la sua esistenza quotidiana, fatta di ricordi dei suoi cari e di pensieri sul passato e sul futuro.

Approfondimento

AQUARIUS: UNA DONNA SOLA CONTRO I CAMBIAMENTI DELLA SOCIETÀ

Diretto e scritto da Kleber Mendonça Filho, Aquarius racconta la storia di Clara, una vedova sessantacinquenne e critico musicale in pensione, nata in una ricca e tradizionale famiglia di Recife, in Brasile. Clara è anche l'ultima residente dell'Aquarius, un originale palazzo di due piani costruito negli anni Quaranta sul lungomare di Avenida Boa Viagem. Tutti gli appartamenti dell'edificio sono stati acquistati da una società che ha intenzione di riqualificare la costruzione. Tutti ad eccezione di quello di Clara, determinata a lasciare la sua residenza solo nel momento della sua morte. Per mantenere fede alla sua promessa, Clara inizierà una sorta di guerra fredda con la società, dando vita a un confronto che è insieme misterioso, spaventoso e snervante. La crescente tensione disturberà sempre più Clara e la sua routine quotidiana, fatta di ricordi dei suoi cari e pensieri sul passato e sul futuro.

Con la direzione della fotografia di Pedro Sotero e Fabricio Tadeu, le scenografie di Juliano Dornelles e Thales Junqueira, e i costumi di Rita Azevedo, Aquarius viene così descritto dal regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Cannes 2016: «Ho iniziato con la voglia di fare un film sugli archivi e in un primo momento Aquarius avrebbe dovuto essere un lungometraggio sulla predilezione del conservare gli oggetti e sulla divergenza tra documenti e ricordi. Trovavo interessante avere come protagonisti una persona e un edificio che, più o meno della stessa età, si ritrovano in qualche modo in pericolo. Poi, per un certo periodo prima di iniziare a registrare, ho cominciato a ricevere tutta una serie di telefonate piuttosto banali da venditori di carte di credito, assicurazione sanitaria, tv via cavo e giornali. Mi sono sentito come attaccato dal mercato, che cerca con ogni mezzo di costringere la gente a comprare cose che non vogliono.

Partendo da ciò, mi sono concentrato su quanto sta accadendo a Recife da qualche anno e, in particolar modo, sulla speculazione edilizia che ha un forte impatto psicologico sugli abitanti. Prima che la recessione colpisse il Brasile, il mercato si è rivelato particolarmente aggressivo e gli speculatori si sono comportati come bestie fameliche. Il balletto di escavatori e bulldozer a cui ho assistito a Recife è stato tanto deprimente quanto affascinante. Ricordo anche di aver osservato da vicino l'evoluzione del destino di una casa e dei suoi proprietari: in un paio di ore, un bulldozer ha demolito una residenza che la famiglia aveva occupato, con la sua storia e i suoi ricordi, per decenni. Così, a poco a poco, Aquarius si è trasformato in un film in cui Clara, la protagonista, osserva quello che sta accadendo al suo spazio e al suo ambiente personale.

Il confronto tra Clara e la società che acquista l'Aquarius è in primo luogo un conflitto tra diversi stili di vita: da un lato, quello ultra-contemporaneo, caratterizzato dall'eccessivo consumo e dalla larga sanificazione; dall'altro lato, quello di una generazione precedente, che si aggrappava all'andare d'accordo e al senso di comunità. A Recife, ha vinto il primo stile. La città è stata completamente rimodellata per esigenze di mercato, anteponendo gli interessi commerciali al bene stesso della città e dei suoi abitanti. In poco tempo, sono stati distrutti 5 secoli di storia per promuovere un rinnovamento basato solo sull'idea di cancellare tutto ciò che era vecchio. Forse per questo motivo, posso ancora definire Aquarius un film sugli archivi, siano essi materiali o emotivi.

I metodi aggressivi della società si riflettono nell'incubo reale che vive Clara. Sola e in mezzo a una situazione per niente facile, è sottoposta a forte pressioni solo per rimanere nella sua abitazione, nel luogo in cui ha sempre vissuto. Improvvisamente qualcuno ha deciso che il suo spazio è privo di valore, obsoleto e destinato a essere eliminato. Con tante opinioni contro, anche all'interno della sua stessa famiglia, Clara si sente come se stesse perdendo la ragione. Mentalmente vulnerabile, apre le porte a sentimenti snervanti che contribuiscono a determinare un alone di mistero e dubbio su ciò che sta realmente accadendo, lasciando spazio a frammenti che possiamo definire 'fantastici'».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (6) vedi tutti

  • Commedia di denuncia – un po’ sincera, un po’ programmatica – con una certa tendenza al “colore” locale. Ottimo l'inizio.

    commento di Leo Maltin
  • Un film brasiliano con una intensa interpretazione di Sonia Braga.Da vedere.

    leggi la recensione completa di ezio
  • Un film troppo lungo, molto lento e con una trama minima: ovvero, noia assicurata.

    leggi la recensione completa di Springwind
  • Inizialmente un pò lento, cresce anche di tensione man mano che la scena si svolge. Il quadro di sentimenti e di valori anche sociali che ne emerge merita ampiamente il prezzo del biglietto o del DVD. Inoltre, Sonia Braga veramente eccezionale. Consigliato. 5 stelle.

    leggi la recensione completa di giobs
  • Una grande Sonia Braga non salva questo film

    leggi la recensione completa di siro17
  • Noiosissimo polpettone di inutile lunghezza (140 interminabili minuti). A nulla serve la bravura di Sonia Braga contro una sceneggiatura sfilacciata e una regia ai limiti del dilettantesco.

    commento di Eusebio
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

ezio di ezio
6 stelle

Una agiata critica musicale,Clara (Sonia Braga) sopravvissuta a un tumore al seno,abita da sempre in uno stabile nel lungomare di Recife.Essendo l'unica rimasta dei vecchi inquilini,la societa' di costruzioni proprietaria dell'immobile non vede l'ora di farle lasciare l'appartamento,con qualunque mezzo,per poi costruire nuovi edifici.Una storia di un braccio di ferro,diviso in capitoli,dove la… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

port cros di port cros
7 stelle

FESTIVAL DI CANNES 2016   Clara è una vedova benestante di Recife che rifiuta di piegarsi prima alle offerte e poi alle molestie e minacce di un gruppo immobiliare che ha acquistato l'intero palazzo vista oceano in cui abita , chiamato “Aquarius”, per abbatterlo e sostituirlo con una speculazione edilizia. La donna rimane ben presto sola nel palazzo vuoto, dopo che… leggi tutto

8 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Zarco di Zarco
4 stelle

Un po' troppo lento, con una narrazione tirata eccessivamente in lungo, non giustificata da un sufficiente contrappeso di contenuto, che è piuttosto esiguo e diluito in una brodaglia di scene di vita quotidiana che lasciano il tempo che trovano. Sì c'è qualche momento intenso, come quello in cui si capisce il collegamento tra la breve premessa iniziale del film e il seguito,… leggi tutto

1 recensioni negative

2019
2019
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

stefanocapasso di stefanocapasso
7 stelle

Ormai in pensione, Clara, scrittrice ed esperta di musica vive sola nel suo storico appartamento dove ha trascorso la sua vita col marito, morto diversi anni prima, ed i figli ormai adulti. Il condominio situato nel quartiere bene di Recife, si chiama Aquarius ed è abitato solo da lei; tutti hanno venduto ad una agenzia immobiliare che intende costruire un Nuovo Aquarius dopo aver…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2018
2018

Recensione

Zarco di Zarco
4 stelle

Un po' troppo lento, con una narrazione tirata eccessivamente in lungo, non giustificata da un sufficiente contrappeso di contenuto, che è piuttosto esiguo e diluito in una brodaglia di scene di vita quotidiana che lasciano il tempo che trovano. Sì c'è qualche momento intenso, come quello in cui si capisce il collegamento tra la breve premessa iniziale del film e il seguito,…

leggi tutto
Recensione
2017
2017

Recensione

Karl78 di Karl78
7 stelle

Film per certi versi singolare, nel senso di atipico rispetto al cinema mainstream al quale siamo assuefatti. Nei modi, nei tempi, nello sviluppo della narrazione. Secondo me non privo di difetti nonostante l'interpretazione della Braga, e non privo di un senso di incompiutezza nonostante la durata, probabilmente eccessiva considerando l'economia dell'opera. Incompiutezza, per quanto mi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

La vendetta al femminile

Immorale di Immorale

Richard Francis Burton (non l’attore), chi era costui ? Nato in Inghilterra nel 1821 e morto a Trieste nel 1890 fu un esploratore, geografo, traduttore, scrittore, soldato, orientalista, cartografo, etnologo,…

leggi tutto

Recensione

ezio di ezio
6 stelle

Una agiata critica musicale,Clara (Sonia Braga) sopravvissuta a un tumore al seno,abita da sempre in uno stabile nel lungomare di Recife.Essendo l'unica rimasta dei vecchi inquilini,la societa' di costruzioni proprietaria dell'immobile non vede l'ora di farle lasciare l'appartamento,con qualunque mezzo,per poi costruire nuovi edifici.Una storia di un braccio di ferro,diviso in capitoli,dove la…

leggi tutto
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

ethan di ethan
7 stelle

Clara (Sonia Braga) è una vedova di 65 anni e ora in pensione - si occupava di critica musicale - che vive a Recife, in un condominio, denominato appunto Aquarius - da cui deriva il titolo del film - dove è rimasta l'unica occupante dello stabile; l'impresa di costruzioni proprietaria dell'edificio vorrebbe demolirlo e tenta con metodi poco ortodossi di far sloggiare la donna, poco…

leggi tutto

Recensione

Springwind di Springwind
5 stelle

Qualcuno dovrà spiegarmi perchè questo film ha tanto affascinato la critica. La storia è poca cosa (una giornalista in pensione rifiuta, unica nel suo stabile, di vendere l'appartamento dove ha vissuto tutta la sua vita adulta a palazzinari che vogliono abbattere l'edificio per costruire un residence di lusso), la protagonista non è simpatica, a tratti è…

leggi tutto

Recensione

giobs di giobs
10 stelle

Le critiche al film sono semplicemente ridicole. Il film rappresenta in maniera realistica uno spaccato della vita brasiliana (per cui basta spocchia da occidentali). Inizialmente un pò lento, cresce anche di tensione man mano che la scena si svolge. Il quadro di sentimenti e di valori anche sociali che ne emerge merita ampiamente il prezzo del biglietto o del DVD. Inoltre, Sonia…

leggi tutto
Recensione
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito