Espandi menu
cerca
Rodin

Regia di Jacques Doillon vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 316
  • Post 214
  • Recensioni 6462
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Rodin

di alan smithee
4 stelle

locandina

Rodin (2017): locandina

CANNES 70 - CONCORSO 

La vita privata ed intima, le ossessioni tattili dei corpi e delle forme che si traducono nell'opera eccelsa, forte, ardita e certamente in anticipo coi tempi del celebre scultore Rodin, trovano espressione nel biopic che Jacques Doillon, certamente con le migliori intenzioni ed il massimo impegno, ha messo sulla scena, concentrandosi in particolare col periodo maturo dell'artista quarantenne, all'epoca dell'incontro con quella che divenne la sua allieva, amante e succube, ovvero Camille Claudel.

Vincent Lindon

Rodin (2017): Vincent Lindon

Vincent Lindon

Rodin (2017): Vincent Lindon

Peccato tuttavia che, nonostante gli sforzi, e la prova molto fisica di un ispirato Vincent Lindon, il film non riesca che a tradursi in una scontata e decisamente piatta versione dei fatti, ravvivata da una certa concentrazione per le forme, da una ossessione per la fisicità di corpi nudi impegnati in pose acrobatiche per quei tempi decisamente fuori luogo ed in odore di scandalo.

Interessante, seppur non in grado di sviarci da un giudizio deludente sul film,  il confronto e conforto reciproco dell'artista con i maestri dell'impressionismo contemporanei dello scultore, come Monet e Cézanne, pure loro non compresi nella loro epoca ed in anticipo coi tempi.

Vincent Lindon, Izia Higelin

Rodin (2017): Vincent Lindon, Izia Higelin

A parte ciò, dunque, il film risulta davvero piatto e banale, enfatico, estenuante nella sua solennità di ambientazioni e indebolito da una figura di Camille ridotta ad una ragazzina viziata e caratteriale che  si cruccia e fa i capricci come una bimba viziata.

Vincent Lindon

Rodin (2017): Vincent Lindon

Nessun spiraglio di novità, nessuna originalità di messa in scena, ed una ossessiva concentrazione per il lavoro sulla controversa statua creata in onore di Balzac, opera francamente piuttosto bizzarra che invece viene posta sin troppo al centro dell'attività del maestro scultore, tacendo di altre ben più suggestive e fondamentali con cui il maestro ha saputo eccellere.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati