Espandi menu
cerca
Cabaret

Regia di Bob Fosse vedi scheda film

Recensioni

L'autore

LorCio

LorCio

Iscritto dal 3 giugno 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 142
  • Post 34
  • Recensioni 1625
  • Playlist 251
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Cabaret

di LorCio
10 stelle

Musical allo stato puro. E, contraddizione, uno di quelli più realistici. Infatti, ragionandoci su, è strano che un musical trovi l’omogeneità e il verismo che si incontrano nel Cabaret di Bob Fosse. I numeri musicali, stratosferici, non sono dei momenti che sostituiscono la vita, così come era in Cantando sotto la pioggia o Sette spose per sette fratelli. Qui sono funzionali all’opera: anticipano il segmento del racconto che si presenterà di lì a poco, hanno la loro ragione di esistere nella dimensione teatrale del movimento. Perché questa scelta realista? Il motivo potrebbe essere questo: non è più tempo di cantare e ballare, c’è la vita, dura e difficile, che ci mette alla prova.

 

D’altronde, il momento storico su cui viene focalizzata l’attenzione è ben preciso: il periodo precedente all’ascesa nazista, quando l’incertezza era costante quotidiana e si guardava al futuro con incomprensibile oscurità. È un film cupo ed arcano, Cabaret, e anima sibillina di questo mondo enigmatico è il presentatore, il gran cerimoniere, l’anfitrione sinistro, impersonato con luciferina, potente, ambigua sapienza da un Joel Grey da urlo che si muove, canta, balla, recita in modo magistrale. È il contraltare misterioso alla protagonista, aperta alla vita con disperata lucidità. A dare vita alla star del locale, alla cantante Sally Bowles, è Liza Minnelli, maestosa, immensa, strepitosa artista che offre l’anima e il corpo per rendere leggenda il suo personaggio. Liza e Grey regalano un numero memorabile, quello del Money, money, money: perché è così importante?

 

Perché è la metafora di quel determinato mondo: simboleggia l’ingordigia pecuniaria e materialistica di una certa società sbandata e pronta al conformismo e al camaleontismo. Forse abbiamo sottovalutato un po’, “Cabaret”. Tutti ne hanno apprezzato la fattura pregiatissima e preziosa, ma non tutti ne hanno evidenziato la potenza intellettuale: è un inno disperato contro la guerra, che non ancora si fa palese ma si percepisce nell’aria. Un’aria acre e pesante, facile all’intossicazione.

 

Ecco, il film di Fosse (tra l’altro, scatenato e sopraffino regista giustamente premiato con l’Oscar) è profondamente politico, ferocemente antibellico e antitotalitarista. È un racconto profetico sul domani che verrà. È anche una storia d’amore, malinconica e amarissima, che cresce a poco a poco raggiungendo livelli sfuggenti e complicati. Dopotutto l’amore è un sentimento sfuggente e complicato. Ma non è solo questo. È molto di più. Il musical ci salverà, sotto vesti subdole, abitato da personaggi misteriosi. Anche perché, “Life is a cabaret”.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati