Benvenuti... ma non troppo

play

Regia di Alexandra Leclère

Con Karin Viard, Didier Bourdon, Valérie Bonneton, Michel Vuillermoz, Josiane Balasko, Patrick Chesnais, Sandra Zidani, Anémone... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Amazon Prime Video
  • Chili
  • RakutenTv
  • CG Entertainment
In STREAMING

Trama

Durante un inverno più rigido del solito, il governo francese emana un decreto per richiedere ai cittadini più fortunati di accogliere nelle loro case i loro concittadini in situazione precaria. Ciò porterà il panico in ogni piano di un lussuoso palazzo della capitale.

Approfondimento

BENVENUTI... MA NON TROPPO: LA PAURA DELL'ALTRO

Diretto e scritto da Alexandra Leclère, Benvenuti... ma non troppo racconta di come, a causa di un inverno particolarmente rigido, il governo francese induca misure speciali che obbligano i cittadini proprietari di appartamenti con stanze libere ad accogliere le persone più disagiate che non possono permettersi un alloggio. Un vento di panico si scatena in tutta la Francia, soprattutto al civico 86 di rue du Cherche Midi, dove sorge un lussuoso palazzo dell'area più esclusiva del centro parigino. Qui abitano la famiglia Dubreuil, d'estrazione borghese e conservatrice, e i coniugi Bretzel, intellettuali e radical chic. La monotonia del condominio verrà messa a soqquadro da questa coabitazione forzata, e nel confronto con i nuovi arrivati gli inquilini benestanti scopriranno la loro vera indole.

Con la direzione della fotografia di Jean-Marc Fabre, le scenografie di Anne Seibel, i costumi di Jacqueline Bouchard ed Eric Perron, e le musiche originali di Philippe Rombi, Benvenuti... ma non troppo viene così raccontato dalla regista: «L'idea mi è venuta sette anni fa, con sempre la stessa idea che attraversa i miei film: quella di un piccolo impegno imposto ai personaggi, l'obbligo alla solidarietà. Avevo scritto una primo soggetto di una decina di pagine, che ho sottoposto a un produttore ricevendo come risposta: “Lascia perdere, nessuno ci crederà mai, è impossibile che sia prodotta una cosa del genere”. Quindi ho abbandonato questo progetto per qualche anno, il tempo che ho usato per realizzare un altro film (Maman), convincendomi del fatto che non era la pellicola per me per due diverse ragioni. La prima era la reticenza che sentivo intorno a me quando ne parlavo. La seconda, perché c'erano tanti personaggi in questa storia, io che amo tanto le opere che si svolgono in un unico spazio, e perché mi allontanavo dei miei soggetti preferiti, cioè la famiglia e la coppia. Ma dopo Maman, avevo voglia di tornare alla commedia e siccome sono testarda e credevo nella mia storia, mi ci sono buttata. L'ho scritta da sola, senza accordi, e l'ho fatta leggere al produttore Philippe Godeau, che mi ha detto di sì.

Ognuno dei miei personaggi simboleggia le nostre piccole viltà, la nostra coscienza, i nostri impegni esterni e soprattutto la nostra riluttanza ad accogliere da noi persone svantaggiate. Di fronte all'obbligo di ospitare i diseredati, i miei personaggi si evolvono tutti nel corso della storia e alla fine arriviamo, nonostante i loro difetti, a capirli e amarli. Un personaggio non deve mai essere monolitico, altrimenti diventa rapidamente molto fastidioso. Si deve essere in grado di guardare la vita come la gente: da punti di vista diversi. Vorrei che Benvenuti... ma non troppo fosse percepito come l'ho concepito io: una commedia pura che fa riflettere.

Tutti gli attori che sono nel mio film sono persone che stimo e di cui apprezzo il lavoro. I Bretzel sono interpretati da Valérie Bonneton e Michel Vuillermoz mentre i borghesi Dubreil sono portati in scena da Didier Bourdon e Karin Viard. Patrick Chesnais impersona un vecchio omosessuale solitario, Josiane Balasko la custode fascista, Anémone e Jackie Berroyer i coniugi pensionati Abramavitch (che in preda alla paura preferiscono scappare da casa propria piuttosto che ospitare uno sconosciuto)».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (2) vedi tutti

  • Commedia tipicamente francese,nell'accezione migliore del termine.

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Verboso,noioso,insopportabilmente archetipico, scontato, infinito. Tutto il peggio del cinema francese in un unica inutile pellicola.

    commento di Chiappo
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

Furetto60 di Furetto60
6 stelle

Nella Francia colpita da un inverno particolarmente rigido, il governo emana un decreto che obbliga i proprietari di case, con stanze libere ad ospitare e ad accogliere le persone più disagiate,cioè i precari e i senzatetto.Un'ondata di panico si scatena in tutta la Francia, soprattutto al civico 86 di rue du Cherche Midi a Parigi, dove è sito un lussuoso condominio.La… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2020
2020
Trasmesso il 26 marzo 2020 su Rsi La2
2018
2018
Trasmesso il 5 novembre 2018 su Rsi La1

Recensione

Furetto60 di Furetto60
6 stelle

Nella Francia colpita da un inverno particolarmente rigido, il governo emana un decreto che obbliga i proprietari di case, con stanze libere ad ospitare e ad accogliere le persone più disagiate,cioè i precari e i senzatetto.Un'ondata di panico si scatena in tutta la Francia, soprattutto al civico 86 di rue du Cherche Midi a Parigi, dove è sito un lussuoso condominio.La…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
2016
2016
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

mc 5 di mc 5
5 stelle

Forte delusione per questa commedia pasticciata con qualche pretesa di satira socio-politica. Chi mi conosce sa quanto io ami pazzamente il cinema francese, di ogni genere, soprattutto per un tocco impagabile che solo i cineasti d'oltralpe possiedono. In particolare ci sanno fare con le commedie sentimentali, alcune sono davvero deliziose. Insoimma fatto sta che in questo caso la Francia ha…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 25 aprile 2016
locandina
Foto
locandina
Foto
2015
2015
locandina
Foto
Didier Bourdon, Karin Viard, Michel Vuillermoz, Valérie Bonneton
Foto
2000
2000
BENVENUTI... MA NON TROPPO: LA PAURA DELL'ALTRO

BENVENUTI... MA NON TROPPO: LA PAURA DELL'ALTRO

BENVENUTI... MA NON TROPPO: LA PAURA DELL'ALTRODiretto e scritto da Alexandra Leclère, Benvenuti... ma non troppo racconta di come, a causa di un inverno particolarmente rigido, il governo francese induca misure speciali che obbligano i cittadini proprietari di appartamenti con stanze libere ad accogliere le persone più disagiate che non possono permettersi un alloggio. Un vento di panico si scatena in tutta la Francia, soprattutto al civico 86 di rue du Cherche Midi, dove sorge un lussuoso palazzo dell'area più esclusiva del centro parigino. Qui abitano la famiglia Dubreuil,... segue

Extra
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito