Espandi menu
cerca
Hell or High Water

Regia di David Mackenzie vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Mulligan71

Mulligan71

Iscritto dal 6 aprile 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 38
  • Post -
  • Recensioni 1008
  • Playlist 2
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Hell or High Water

di Mulligan71
8 stelle

Il film dell'anno, per quel che mi riguarda, arriva da un outsider, un britannico che s'infila nel "panhandle" texano e realizza uno strepitoso western moderno. MacKenzie si porta con sé uno spettacolare Jeff Bridges, che nei panni di un Ranger sulla via della pensione, tratteggia un personaggio indimenticabile, dalla parlata lenta e bolsa, simpaticamente razzista con il collega d'origine Comanche, che si trova, in maniera annoiata, a dar la caccia a due fratelli, rapinatori  occasionali di banche, sulle strade dell'ovest texano e dell'Oklahoma. Oltre a tutto questo ben di Dio, si avvale della colonna sonora di Nick Cave e Warren Ellis, scritta all'uopo, e su brani di Townes Van Zandt, Ray Wylie Hubbard o Waylon Jennings, che s'inseriscono perfettamente nel meccanismo cinematografico del britannico. "Hell Or High Water" potrebbe essere quasi uno spin off da "Non è Un Paese Per Vecchi", quantomeno per la figura del vecchio sceriffo (Ranger, qui) a cui questi tempi vanno stretti e vede il suo paese, il Texas in questo caso, decadere, disossarsi, seccare. Le pianure degli altipiani, paesaggio meraviglioso e finalmente utilizzato bene, sembrano le uniche cose vive in un susseguirsi di cittadine anonime, tutte bar, piccole banche e casinò, e tutti i protagonisti del film sono personaggi sconfitti in partenza, malinconici, con un futuro fottuto da un pezzo. Solo il vecchio Ranger, per quanto disilluso, ha una sua morale, un passato, ed è il volto dell'America che non c'è più. Un film di grande forza, epico a volte, sincero nel descrivere quei luoghi, quegli uomini, e un piccolo grande racconto, che si sviluppa lentamente, scrutando volti e dosando parole. Una storia già scritta, una ballata che potrebbe stare nel repertorio di uno qualunque dei grandi musicisti di quei luoghi. Un film per chi ama l'America, quegli spazi, quelle strade dritte verso nessun luogo. Da vedere SOLO in lingua originale. Un film perfetto, senza una virgola fuori posto.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati