Espandi menu
cerca
Un volto nella folla

Regia di Elia Kazan vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Axeroth

Axeroth

Iscritto dal 18 aprile 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 74
  • Post 2
  • Recensioni 399
  • Playlist 19
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Un volto nella folla

di Axeroth
10 stelle

Un individuo dona ad un altro individuo un pò di potere, quest'ultimo riceve e accetta il potere. A questo potere ci viene dato un nome "Lonesome", egli riceve e accetta il nome. Il nome diventa verbo della folla, egli riceve e accetta la folla. La folla acclama, obbedisce e dona potere a Lonesome, egli riceve e accetta la folla, l'acclamazione e l'obbiedienza. Egli fallisce, la folla lo lascia, e Lonesome dopo aver sceso dal 40° piano al piano terra, diventa lonesome (solitario) e l'opera si chiude. La folla da ed la folla toglie, esattamente come Dio fa con la vita degli uomini (secondo i cattolici). Questo è il principio ed il verbo della fama e del potere, nella politica, nella pubblicità, nei media, ed in qualsiasi classe sociale. Se hai pubblico hai tutto, se non hai pubblico non hai nulla, se non sai farti amare, rispettare, elogiare e acclamare, non vai in alto; se non sei opportunista, cinico, doppiogiochista, egoista, ma anche eccentrico, poliedrico, un pò folle e geniale, simpatico e profeta, e se sei tutto questo senza far sapere a nessuno chi o cosa sei realmente, allora sarai qualcuno, sarai Lonesome con la L maiuscola, in caso contrario sarai solamente "solitario".
La folla rende il tuo ego una folla, e se lei manca il tuo ego rimane ego con se stesso, e se il tuo ego è poco o nulla, rimani poco o nulla. Queste sono le regole del gioco, se non sai giocare, qualcuno vincerà al posto tuo. VOTO: 10

Sulla trama

Dramma cinico e intelligente, un'opera straordinaria, un capolavoro della storia del cinema.

Sulla colonna sonora

Ottima

Su Elia Kazan

Maestro della regia, e pessimo nella vita privata, paradossalmente con questo film potrebbe aver descritto se stesso nel miglior (peggior) dei modi a seconda dei punti di vista.

Su Andy Griffith

Se l'Oscar è un premio nato per essere dato ai migliori, beh, qui lui se lo sarebbe meritato esattamente come la notte necessita della luce per fare venire il giorno. Chiaro come l'acqua cristallina, lucente come la il sole di prima mattina.

Su Patricia Neal

Una fata, vola fra lacrime e sorrisi, grida e calma. Eccellente.

Su Anthony Franciosa

Bravo

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati