Espandi menu
cerca
L'uomo invisibile

Regia di James Whale vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Stefano L

Stefano L

Iscritto dal 23 settembre 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 56
  • Post -
  • Recensioni 453
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'uomo invisibile

di Stefano L
8 stelle

Immagine correlata

 

Dopo oltre otto decadi dall’uscita, “L’uomo invisibile” si conferma una pietra miliare del filone sci-fi ed un classico del genere thriller. Whale, demiurgo hollywoodiano con un curriculum lodevole (basta dargli una veloce occhiata), ha affrontato, con grande raffinatezza stilistica e gusto per il grottesco, una fantasia anelante ampiamente diffusa nell’immaginario collettivo (ispirata all'omonimo romanzo di Wells): Claude Rains (Jack Griffin) si concede in una (non) incarnazione mefistofelica ossessiva e perversa, profilando uno degli antieroi più affascinati di sempre. Uno sviluppo psicologico scellerato, dapprima compassionevole, poi traboccante di manie di prevaricazione sui “comuni mortali”, delinea una figura empatica e, allo stesso tempo, estremamente inquietante. I penetranti grandangoli, mirati ad inquadrarne l'iconica sagoma dal basso, rendono le pianificazioni dei misfatti e i monologhi sul dominio della Terra veramente evocativi ed angoscianti. La rabbia di Griffin per esser diventato inevitabilmente un freak dall’aspetto imponderabile implode nella schizofrenia: reo di aver cercato di oltrepassare i limiti invalicabili dell’esperienza empirica e della ragione, nel momento in cui cercano di sfrattarlo dalla locanda dove alloggia per trovare la cura a quella agghiacciante metamorfosi, decide di ribellarsi verso una società che non vuole più accettarlo, e comincia a eliminare gli ostili cittadini e i bigotti membri delle forze armate. Da lì cambia completamente la sua prospettiva sullo scopo della scienza; invece di servirsene per nobili propositi, approfitta dell'arcana condizione per ribellarsi sull’intera umanità. Impudenza e crudeltà si impadroniranno di lui, trasformandolo in un cinico misantropo che già immagina di conquistare il mondo usufruendo della nuova preziosa formula chimica per dar luce ad un esercito invincibile e definitivo. Nemmeno la passione per l'ex amata (Gloria Stuart) lo fermerà... Il comparto tecnico si avvale di trucchi visivi eccellenti e ancora godibilissimi (la prima scena in cui il protagonista si leva le bende, rivelandosi nella reale mutazione, è tuttora una sequenza di forte suggestione sensoriale). Il b/n brumoso della rappresentazione urbana/rurale/aristocratica, ad esempio, amplifica la qualità artistica dell’espressione filmica, assegnando alle ambientazioni un aspetto non meno affliggente della personalità malvagia di Jack Griffin; molto bravi altresì Henry Travers e William Harrigan, i quali, invece di soffermarsi a dei ruoli “sussidiari”, riescono a spalleggiare perspicacemente Claude Rains in modo da renderne tangibile la tetra caratterizzazione. Qualcuno, comunque, potrebbe non accettare di buon grado la recitazione sopra le righe del resto dei personaggi, che nondimeno si dimostrano delle discrete maschere farsesche per l’intera durata della fosca storia (quell’aura di austero pessimismo doveva pur lasciar spazio a qualche strambo sprazzo burlesco, o meglio comicamente melodrammatico). Ciononostante, questo cult va riscoperto, in quanto dà lezioni di cinema in ogni fotogramma.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati