Espandi menu
cerca
Il racconto dei racconti

Regia di Matteo Garrone vedi scheda film

Recensioni

L'autore

michemar

michemar

Iscritto dal 13 dicembre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 29
  • Post 9
  • Recensioni 352
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il racconto dei racconti

di michemar
7 stelle

Matteo Garrone realizza un vero miracolo di cinema, facendoci respirare realmente l’aria umida e profumata dei lussureggianti boschi, l’odore acre delle candele e delle torce accese nei corridoi misteriosi di castelli, perfino l’olezzo delle catapecchie della povera gente. Come in una fiaba.

Forse non ci si rende conto quando si spengono le luci in sala ed inizia il film di Garrone, forse ci si dimentica che, in fondo, tutte le volte che si spengono le luci, c’è una persona che di mestiere fa il regista e che ci prende per mano e ci conduce in un labirinto chiamato film. Onestamente magari la scintilla della magia non scocca tutte le volte, anzi… molte volte la fiamma stenta ad accendersi, ma quando succede, ecco, il miracolo avviene e noi ci facciamo trasportare docilmente in un’altra dimensione. Visione romantica della Settima Arte? Beh, forse, ma è ciò che succede questa volta, con Garrone che ci introduce in quell’universo parallelo che si chiama fantasia. I tre racconti tratti dalla raccolta di fiabe Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile sono narrati in maniera sontuosa, con dispiego di attori e mezzi come solo nei blockbuster americani, da un ispirato regista che non risparmia energie per farci immergere totalmente in un mondo che non esiste più, un mondo che è la materializzazione del sogno derivato dal profondo Medio Evo - ricco e opulento da una parte, povero e sudicio dall’altra – che noi tutti conosciamo in maniera scolastica e da quella invenzione meravigliosa che si chiama favola. Da qui, arrivare a mostri draghi orchi principesse regine e re il passo è breve, bisogna solo stare attenti di non incappare nella banalità.

 

Vincent Cassel

Il racconto dei racconti (2015): Vincent Cassel

Invece Matteo Garrone realizza un vero miracolo di cinema, facendoci respirare realmente l’aria umida e profumata dei lussureggianti boschi, l’odore acre delle candele e delle torce accese nei corridoi misteriosi di castelli, perfino l’olezzo delle catapecchie della povera gente. Gran merito va attribuito, oltre ad una macchina da presa che nulla fa sfuggire dei sentimenti e delle reazioni che provano i vari e numerosi protagonisti delle tre fiabe, all’eccezionale fotografia di Peter Suschitzky, tecnico di vastissima esperienza che annovera tra i suoi successi i film di un maestro come David Cronenberg e che qui porta le sue tipiche forti tonalità e i contrasti di notevole evidenza. A incorniciare il tutto ci pensa la splendida musica di Alexander Desplat, così come accadde per Reality.

 

Salma Hayek

Il racconto dei racconti (2015): Salma Hayek

Non è un’opera visionaria, ma un puro spettacolo visivo la cui tecnica di narrazione non ha mascherato il messaggio allegorico che porta in sé: le nostre ossessioni quotidiane, la perdita del senso più profondo della vita, una esaltazione del mondo al femminile. Non per nulla, nonostante la presenza di orchi e re, i personaggi che dominano le tre fiabe sono tre donne, molto diverse tra loro ma ugualmente predominanti nelle storie: la Regina di Selvascura è drammaticamente sterile e quando questa condizione diventa per lei insopportabile ricorre ad un macabro rito per poter rimanere gravida; la principessa Viola è in età da marito e sogna ovviamente il suo principe azzurro ma l’ossessivo e inquietante affetto che suo padre, il Re di Altomonte, ha per una pulce che cresce come un mostro nella sua camera la conduce tramite un gioco-torneo in sposa ad uno spaventoso orco; la popolana Imma, la cui sorella Dora, vecchia e grinzosa, raggira il suo Re di Roccaforte, si fa scorticare la pelle con la vana speranza di diventare più bella e più giovane. Assilli, quindi, che evidentemente troviamo ancora oggi nella vita moderna, specialmente l’ultimo, il lifting, la bellezza e la giovinezza eterna che tanti/e inseguono vanamente.

 

Bebe Cave

Il racconto dei racconti (2015): Bebe Cave

Non è il caso di parlare di un capolavoro, beninteso, ma di un buonissimo film in cui il regista Garrone ha avuto prima di tutto tanto coraggio per affrontare una bella impresa come questa, perché ha voluto e saputo raccontare delle storie fiabesche con l’impronta del fantasy moderno senza gli effetti roboanti tanto di moda, e poi perché lo ha fatto con molta intelligenza, intrecciando le tre storie riprendendole quando lo spettatore credeva di averle perse e addirittura facendole convergere nel finale, quando in un epilogo apparentemente felice – e vissero felici e contenti? – lui aggiunge un tocco di imprevedibilità: quello della rivincita della Natura verso la vecchia Dora, illusa di essere tornata fintamente giovane e bella, mentre la principessa Viola viene incoronata finalmente Regina al cospetto dei suoi regali colleghi.

 

Stacy Martin

Il racconto dei racconti (2015): Stacy Martin

Al trio vincente del film, regia, fotografia e musica, va aggiunta l’impeccabile interpretazione da parte di attori davvero di gran fattura: dai soliti e solidi caratteristi come John C. Reilly e Toby Jones ai grandi nomi come la bella Salma Hayek e il tosto come sempre Vincent Cassel, tutti e quattro molto in palla.

 

Nulla di speciale quindi, a mio parere, ma un buonissimo film con il vestito del fantasy che si tinge di colori vagamente horror, come in realtà sono tante fiabe che ci hanno raccontato, un film che fa molto piacere vedere

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati