Espandi menu
cerca
Padri e figlie

Regia di Gabriele Muccino vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 166
  • Post 16
  • Recensioni 10847
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Padri e figlie

di mm40
3 stelle

Un uomo perde la moglie in un incidente d'auto e rimane solo ad accudire la piccola Katie, di 5 anni. L'uomo, romanziere di successo, perde la sua ispirazione e anche il senno. Da adulta la figlia rimarrà traumatizzata dalla crudeltà del mondo e incapace di vivere serenamente qualsiasi relazione.

 

Con una sceneggiatura dell'esordiente Brad Desch e un cast - anche tecnico - pressochè interamente a stelle e strisce, naturalmente con una produzione targata Usa e Italia, torna Gabriele Muccino, a tre anni da Quello che so sull'amore. Passando in rassegna i crediti, l'unico elemento di spicco nostrano è Paolo Buonvino: irrinunciabili evidentemente, per il regista, le sue musiche melense ed enfatiche in maniera quasi parodistica. Russel Crowe, oltre che il protagonista, di questo film è co-produttore; al suo fianco sul set si sono avvicendati fra gli altri Amanda Seyfried, Diane Kruger, Aaron Paul, Jane Fonda e la piccola Kylie Rogers. Sembra una storia scritta apposta per (o da) Muccino: lacrimoni gratuiti, emozioni tanto lancinanti quanto basate su costrutti logicamente traballanti, frasi fatte a quintalate nei dialoghi, abbracci, baci, ti amo a profusione e via dicendo, ricercando la più facile commozione spensierata (nel senso proprio del termine: il film punta a privare del pensiero lo spettatore - e non è una boutade, nè una critica per forza negativa). Invece il copione esisteva già, fatto e finito, prima del coinvolgimento del regista italiano, che - pur non abituato a lavorare su commissione - si dev'essere ritrovato a suo agio in tale materia narrativa e, semplicemente, si è limitato a imporre il suo tocco sul lavoro; in definitiva, Padri e figlie è l'ennesima dimostrazione stilistica di un cineasta dotato e francamente sprecato. 3,5/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati