Black or White

play

Regia di Mike Binder

Con Kevin Costner, Octavia Spencer, Anthony Mackie, Jillian Estell, Jennifer Ehle, Gillian Jacobs, Bill Burr, Joe Chrest, Indigo... Vedi cast completo

Guardalo su
  • RaiPlay
  • Tim Vision
  • Chili
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

L'avvocato Elliot Anderson (Kevin Costner) è rimasto vedovo in seguito alla morte della moglie in un incidente d'auto. Poiché anche sua figlia è morta, sta anche crescendo da sola la nipote afroamericana Eloise. Mentre è ancora alle prese con il proprio dolore, la sua vita viene stravolta dalla richiesta di Rowena (Octavia Spencer), la nonna paterna che reclama la custodia della nipote. Desiderio di Rowena è che Eloise venga affidata al figlio Reggie, un tossicodipendente la cui negligenza secondo Elliot ha portato alla morte di sua figlia. Pur di evitare che Eloise finisca nelle mani di un genero debosciato, Elliot è disposto a non fermarsi davanti a niente.

Approfondimento

BLACK OR WHITE: LA PIAGA DEI PREGIUDIZI RAZZIALI

Diretto e sceneggiato da Mike Binder, Black or White racconta la storia dell'avvocato Elliott Anderson, un uomo che rimasto vedovo da poco fatica a crescere da solo la nipotina birazziale Eloise. La situazione per Elliott si complica quando Rowena, la nonna della piccola, chiede che la nipote venga affidata alle cure del padre Riggie, un drogato che ha abbandonato da tempo la figlioletta, dando avvio a una difficile battaglia per l'affidamento. Poggiando su un delicato equilibrio tra tragedia e commedia, Black or White è dunque la vicenda di un uomo disperato che, nel trovare la sua strada, deve sfuggire alla tristezza e alla disperazione per amore della nipotina e affrontare vecchi pregiudizi razziali. Fotografato da Russ T. Alsobrook, con le scenografie di Pipo Wintter e i costumi di Claire Breaux, Black or White vede fronteggiarsi gli attori premio Oscar Kevin Costner e Olivia Spencer nei panni rispettivamente di Elliott e Rowena.

Presentato nella sezione Gala del Festival di Roma 2014, Black or White viene così argomentato dal regista: «Abbiamo ancora un grosso problema legato al razzismo in questo paese. La gente si vede bianca, nera o marrone. Ancora troppo spesso, ci vediamo per chi siamo piuttosto che per quel che siamo. Credo che il Presidente Obama lo abbia spiegato bene la notte in cui parlò di George Zimmerman: Dobbiamo riuscire a capire come superare questa cosa. Disse che il motivo per il quale era ottimista era che le sue figlie sono molto più brave di lui in questo.

Io ho due figli e anche loro se la cavano meglio di me in questo senso. Non vedono le persone per il colore della loro pelle, o per la loro identità sessuale, vedono le persone semplicemente come persone.

Black or White si basa su una situazione che è capitata a me. Diversi anni fa, la sorella di mia moglie morì a 33 anni. Aveva un figlio di sette anni che è birazziale. Suo padre era scomparso dalla sua vita e la famiglia del padre viveva a South Central. Sono meravigliosi e sono molto presenti nella sua vita. Ma siamo stati mia moglie ed io, e uno dei suoi fratelli, a crescere il bambino. Sotto molti punti di vista, è cresciuto in due mondi totalmente diversi: Santa Monica e South Central. È stato un bambino felice, ma tutte le persone consideravano un problema il fatto che fosse mezzo bianco e mezzo nero. E quando andavamo a South Central per lasciarlo per il weekend o per riprenderlo, mi stupivo sempre di quanto drasticamente diverse fossero anche le più piccole cose. Ovviamente, loro non avevano alcun problema nei nostri confronti; sua nonna adorava mia moglie, Diane. Ma secondo me, se fosse successo qualcosa a Diane non sarebbero stati felici che lo crescessi io da solo.

Perciò volevo descrivere questo scenario e fare un film che innescasse una conversazione sulla direzione che sta prendendo la questione razziale in questo paese. Mentre stavamo girando il film, c’erano numerose coppie birazziali e donne con figli birazziali. Quello che ci salverà, secondo me, sarà il mischiarci tra di noi il più possibile, in modo che i nostri figli non sapranno più di che colore sono, e a quel punto saranno solamente persone.

Ho visto questo film assieme a un pubblico solamente di bianchi, e poi solamente di neri, e poi l’ho visto con un pubblico di colori diversi. Ed è piaciuto a tutti. Ci sono diverse cose per le quali penseresti che la gente possa sentirsi insultata, ma non è così. E c’è anche una gran dose di humour. La gente comprende la storia. Si identifica, il che mi dà speranza. Perché viviamo tutti assieme su questa isola nessuno può scappare perciò faremmo meglio a capire come vivere assieme».

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Schematismi qua e là, un finale non del tutto scontato, ma anche, va detto, un rispetto quasi religioso del politicamente corretto a uso e consumo di Hollywood, per cui sono comunque tutti più o meno bravi & buoni, anche se si tenta di dare un’immagine più critica al personaggio di Costner, schiavo dell’alcol. Binder sceglie di essere neutrale rispetto alla materia, ed è un errore perché così il film non si impenna mai, perdendo gradualmente interesse.

Commenti (2) vedi tutti

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

steno79 di steno79
7 stelle

L’avvocato Elliott Anderson si ritrova improvvisamente vedovo dopo la tragica morte della moglie in un incidente stradale; Elliott aveva cresciuto assieme alla moglie la nipotina Eloise, che la figlia aveva avuto da un uomo di colore, morendo per complicazioni legate al parto. Poiché il padre della bambina, Reggie, è un uomo dipendente dalla droga e non è ancora… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

miss brown di miss brown
6 stelle

Una ragazzina di 17 anni resta incinta di un balordo drogato di 23 e si vergogna di dirlo ai genitori. Quando non può più nascondere il suo stato scappa di casa. Partorisce in ospedale, ma è tutta sola, ha un difetto cardiaco e nessuno l'ha comunicato ai medici, che non riescono a salvarle la vita. I nonni, straziati, allevano con amore la piccola Eloise, a cui non fanno… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

supadany di supadany
4 stelle

Costruire a tavolino storie di forte impatto emotivo ha pro e contro. Un titolo come Black or white è intellegibile fin dagli albori, ma va anche detto che arriva (ripetutamente) al punto offrendo emozioni che tranciano a metà il cuore. Automaticamente, chi intuisce tutto alla prima strofa rischia l’assuefazione, mentre chi vuole prima di ogni altra cosa farsi trascinare,… leggi tutto

2 recensioni negative

2020
2020
Trasmesso il 10 maggio 2020 su Rai Movie
2019
2019
Trasmesso il 31 gennaio 2019 su Rsi La2
2018
2018
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Trasmesso il 14 settembre 2018 su Rai Movie
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2017
2017

Recensione

supadany di supadany
4 stelle

Costruire a tavolino storie di forte impatto emotivo ha pro e contro. Un titolo come Black or white è intellegibile fin dagli albori, ma va anche detto che arriva (ripetutamente) al punto offrendo emozioni che tranciano a metà il cuore. Automaticamente, chi intuisce tutto alla prima strofa rischia l’assuefazione, mentre chi vuole prima di ogni altra cosa farsi trascinare,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 13 marzo 2017 su Rsi La1
2016
2016

Recensione

will kane di will kane
4 stelle

Pur con un ottimo conto in banca e uno status sociale di alto livello, l'avvocato Elliott Anderson ha i suoi problemi: ha perso la figlia diciassettenne, morta di parto dando alla luce la nipotina, che vive con lui, e quando lo vediamo per la prima volta, se n'è appena andata anche la moglie; inoltre, l'uomo ha fin troppa disinvoltura nel riempirsi il bicchiere, e la consuocera…

leggi tutto
Recensione

Recensione

vjarkiv di vjarkiv
6 stelle

Film ad alto contenuto lacrimogeno con happy end finale, ciò nonostante si fa seguire per come viene trattato l'argomento e a parte la deliziosa protagonista, Costner ci ricorda che pur scivolando sul "tonno" è sempre un vecchio "lupo". 170

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2015
2015
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

miss brown di miss brown
6 stelle

Una ragazzina di 17 anni resta incinta di un balordo drogato di 23 e si vergogna di dirlo ai genitori. Quando non può più nascondere il suo stato scappa di casa. Partorisce in ospedale, ma è tutta sola, ha un difetto cardiaco e nessuno l'ha comunicato ai medici, che non riescono a salvarle la vita. I nonni, straziati, allevano con amore la piccola Eloise, a cui non fanno…

leggi tutto

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
5 stelle

Era atteso al varco Mark Binder, autore dell’acclamato Reign Over Me con Adam Sandler, anche sceneggiatore e produttore (insieme al protagonista Kevin Costner) di questo Black or White. Dramma con buoni sentimenti ambientato nella Los Angeles degli screzi (se non proprio conflitti) razziali. L’avvocato benestante Costner ha una nipotina che la figlia, morta in un incidente, ebbe giovanissima…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 2 marzo 2015
locandina
Foto
2014
2014

Recensione

gaiart di gaiart
6 stelle

Un altro film interessante e poetico al festival di Roma è  Black and White di Mike Binder, starring due premi Oscar, Octavia Spenser e Kevin Costner, presente in sala, è risultato utile per aiutare a esplorare il rapporto tra razzismo e ricchezza, nel caso di affidamento di una minore con padre drogato afroamericano in opposizione al suocero vedovo alcolista Costner, ricco…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

steno79 di steno79
7 stelle

L’avvocato Elliott Anderson si ritrova improvvisamente vedovo dopo la tragica morte della moglie in un incidente stradale; Elliott aveva cresciuto assieme alla moglie la nipotina Eloise, che la figlia aveva avuto da un uomo di colore, morendo per complicazioni legate al parto. Poiché il padre della bambina, Reggie, è un uomo dipendente dalla droga e non è ancora…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti
Roma 2014: Giorno 8

Roma 2014: Giorno 8

Mentre La foresta di ghiaccio di Claudio Noce sembra non avere convinto il nostro Pazuzu («il problema dell'opera è che per comprendere quale sia… segue

Post
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito