Espandi menu
cerca
I nostri ragazzi

Regia di Ivano De Matteo vedi scheda film

Recensioni

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 271
  • Post 174
  • Recensioni 4169
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su I nostri ragazzi

di alan smithee
6 stelle

Luigi Lo Cascio, Alessandro Gassman

I nostri ragazzi (2014): Luigi Lo Cascio, Alessandro Gassman

VENEZIA 71.  MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA - GIORNATE DEGLI AUTORI

"Comunque vada le nostre vite sono rovinate. Le loro vite sono distrutte". Queste le parole di un padre, medico saggio e premuroso, il capofamiglia di uno dei due nuclei  coinvolti in una vicenda di barbarie ai danni di  una senzatetto, massacrata a pugni e calci durante una notte romana di sbronze e feste come tante.
Due fratelli e le loro rispettive famiglie: il medico appunto (Lo Cascio, nervoso e pertinente come lo conosciamo da sempre), fratello progressista con moglie guida in un museo (una ritrovata efficace Giovanna Mezzogiorno) e un figlio sedicenne tutto brufoli e timidezza (lo Iacopo Olmo Antinori scoperto da Bertolucci); e l'avvocato, vedovo risposato, cinico quanto basta per risultare un vincente, rappresenta all'opposto lo schema della parte più conservatrice, o di destra se  fossimo costretti ad affibbiare dei connotati pseudo politici per sintetizzarne indole e caratteri. Un professionista che piace, ha successo, e vince le proprie cause, e vive con la seconda moglie (la "barbie" Barbora Bobulova, così acidamente definita dalla cognata "rivale"), con una figlia di primo letto pure lei sedicenne (Rosabel Lurenti Sellers) e  un neonato come figlio di secondo letto.

Luigi Lo Cascio, Alessandro Gassman, Barbora Bobulova, Ivano De Matteo, Giovanna Mezzogiorno

I nostri ragazzi (2014): Luigi Lo Cascio, Alessandro Gassman, Barbora Bobulova, Ivano De Matteo, Giovanna Mezzogiorno

La scelta di come gestire la vicenda, scoperta per caso dalla prima madre guardando la trasmissione Chi l'ha visto, che mette in onda un video sfocato nel quale la donna riconosce i connotati dei due cugini "assassini" per svago, ubriachezza e voglia di emozioni, mette in moto un confronto serrato tra le coppie dove i giochi e le posizioni si ribaltano, dividono le coppie, imbarbariscono i rapporti già tesi tra due fratelli troppo diversi per potersi frequentare con la spontaneità che non si ottiene con una cena mensile di facciata, affrontata con distratta abitudine ed una certa insofferenza.

Barbora Bobulova, Alessandro Gassman

I nostri ragazzi (2014): Barbora Bobulova, Alessandro Gassman

De Matteo sbanda con un incipit forzato e fastidiodo, anche se magari utile o funzionale a collegare due famiglie che pur legate da linee di sangue sono troppo diverse per potersi anche solo sopportare; e sbanda nel finale troppo ad effetto e visibilmente esagerato, seppur fulmineo. Commette ingenuita' e forzature autolesioniste e sadiche, come nella scena inutile e forzata in cui mamma Mezzogiorno cucina l'astice ancora vivo,  ma non osa gettarlo nell'acqua bollente, cosa che il figlio esegue con una naturalezza disarmante. Ma tutta la parte centrale è ben scritta ed ottimamente diretta, grazie anche ad un quartetto di attori che si intreccia alla perfezione scambiandosi la staffetta di una storia di giovani cresciuti nel benessere di una bambagia che ha oscurato loro ogni senso civico o di responsabilità. Sarà questa la molla che spingerà a ribaltare i ruoli già precostituiti e "politici" di due fratelli dai caratteri e comportamenti inconciliabili.  

Jacopo Olmo Antinori, Rosabell Laurenti Sellers

I nostri ragazzi (2014): Jacopo Olmo Antinori, Rosabell Laurenti Sellers

I nostri ragazzi sono dei  mostri di insensibilità e indifferenza, a cui tutto è dovuto e nulla ha più veramente importanza: per questo motivo tutto è perduto e nulla può salvarci dall'indifferenza. Un pessimismo totale ampiamente giustificato dai fatti e ancor più dagli inquietanti discorsi che l'avvocato e padre apparentemente più cinico carpisce di nascosto tramite il babycall, avviandosi ad una resa dei conti forse forzata e paradossale, ma in fin dei conti nemmeno troppo assurda.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati