Trama

Un gruppo di giovani del nord est dell'Italia e loro famiglie sono costrette a confrontarsi con i problemi della vita quotidiana in un mondo in continuo cambiamento. In un posto dove tutti hanno segreti ben custoditi, Luisa e il giovane albanese Bilal sono due fidanzati che si nascondono dal mondo mentre Menon li osserva e, spinto dalla gelosia, cerca vendetta per un ricatto sessuale ordito da Luisa con la sua migliore amica. Franco, il padre di Luisa, è scontento del legame della figlia ed è teso per via dei suoi pregiudizi xenofobi. La tragedia si profilerà all'orizzonte per via della solidarietà maschile tra Franco e Menon, capaci di rovinare l'esistenza di tutti coloro che li circondano.

Note

Mix di documentario e finzione, il film è basato sulla tecnica dell'improvising fiction, che immerge i protagonisti in situazioni di realtà, facendo sviluppare le scene pensate senza una precisa direzione ma lasciando aperta la finzione alla fluidità del reale.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

lorenzodg di lorenzodg
8 stelle

     “Piccola Patria” (2013) è il primo lungometraggio del regista e sceneggiatore padovano  Alessandro Rossetto.       In un microcosmo in disparte e lontano dal cerchio s’annida, come non mai, il trambusto desolante, cadaverico, postumo, disperato e defecante del Paese che fu in un nord-est esaltato e in goduria perenne per una… leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

OGM di OGM
6 stelle

La provincia che non c’è. Non più una comunità chiusa nelle sue manie e tradizioni, bensì un guscio aperto verso un mondo senza identità, in cui tutto si confonde. Nel film di Alessandro Rossetto un angolo del nostro Nordest si socchiude nella sua nebbiosa informità, per lasciarci intravvedere ciò che resta delle ideologie di quartiere, delle perversioni di famiglia, delle ribellioni di… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

ROTOTOM di ROTOTOM
4 stelle

Mostra internazionale del cinema di Venezia -  Sezione Orizzonti. Piccola patria è uno dei film italiani presenti nella sezione Orizzonti della 70 Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. E spiace constatare che gli orizzonti, nel cinema italiano si fermano sempre sull’uscio di casa. O in un azzardato atto di coraggio, nell’aia del vicino. Luisa (Maria Roveran) lavora in un albergo… leggi tutto

1 recensioni negative

2015
2015

Recensione

NOG8 di NOG8
8 stelle

Renata e Luisa, sono du ragazze che vivono in un paese del Veneto, lavorando qualche ora la settimana, in un hotel a 4 stelle, con tanto di piscina, solarium e grandi locali per cerimonie e meeting vari. Luisa frequenta Bilal, un giovane immigrato albanese; non lo si puo' definire il suo compagno, ma ha con lui rapporti sessuali e di affetto. Nella loro intimita', la loro alcova e' una roulotte…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

ezio di ezio
7 stelle

Nel nord-est indipendentista  e xenofobo ,dominato da una cultura del lavoro che e' solo sacrificio,rinuncia e ossessiva ricerca di "schei",in una terra dove convivono aziende agricole,capannoni industriali e centri commerciali,due ragazze mettono in atto una vendetta che si trasformera' in ricatto,usando il proprio corpo e rischiando la vita stessa.Rossetto (documentarista) preferisce la…

leggi tutto
2014
2014

Recensione

demostene75 di demostene75
9 stelle

Affresco cinico della provincia italiana del Nord Est. Torbida, cinica, razzista. Un insieme di personaggi gretti che non esitano a calpestare il prossimo per difendere la propria bella faccia o per guadagnare gli sghéi. Con qualche barlume di speranza: Luisa, per esempio: ragazza un po' ingorante, senza grandi aspettative, ma almeno libera dai dogmi di quella brutta società.…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 11 voti
vedi tutti

Recensione

bufera di bufera
7 stelle

              Alessandro Rossetto, finora per scelta documentarista, ha fatto con PICCOLA PATRIA il primo passo verso il film di finzione, con caratteristiche particolari, che esaltano e confermano le sue capacità e talento nel documentario di cui allarga il respiro sulla finzione con una trama apparentemente prestestuosa, perchè…

leggi tutto

Recensione

squass di squass
8 stelle

Si inizia con riprese aeree del Nord Est, con le sue geografie imperfette nell’alternanza tra campi coltivati e capannoni industriali. Ma imperfette sono anche le “geografie” umane disegnate nel film. Storie di famiglie inconcluse e di persone inconcluse; e senza speranza; così che man mano che se ne rende conto, nello spettatore cresce il disagio, perché capisce…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

zombi di zombi
7 stelle

quando luisa e bilal vanno a prendere il cugino di questo arrivato clandestino in italia e nascosto in un campo di mais nei pressi di uno spiazzo dove c'è un magazzino di mobili che svende tutto, si sentono rispondere che è venuto in italia a fare il cantante... rap. bilal sa di cosa parla quando gli chiede cosa è venuto a fare. è scettico, ma luisa guarda il suo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

ilpanda di ilpanda
6 stelle

Presentato a Venezia nella sezione "Orizzonti" è arrivato nelle sale (non moltissime, però, a dire il vero e in un periodo non certo di punta qual è la metà di aprile) il primo lungometraggio di Alessandro Rossetto. In una località non precisata del Veneto Luisa e Renata sono due amiche che lavorano sottopagate per un grandhotel, brutto ma con piscina. Renata…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

lorenzodg di lorenzodg
8 stelle

     “Piccola Patria” (2013) è il primo lungometraggio del regista e sceneggiatore padovano  Alessandro Rossetto.       In un microcosmo in disparte e lontano dal cerchio s’annida, come non mai, il trambusto desolante, cadaverico, postumo, disperato e defecante del Paese che fu in un nord-est esaltato e in goduria perenne per una…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

Riprese aeree vertiginose sorvolano un territorio agricolo ed industriale che alterna capannoni rurali a terreni coltivati, casette dai lineamenti semplici e cubiformi con cortili invasi dal cemento grezzo su cui scorazzano animali da giardino ed allevamento: poco oltre, incastonato in quel contesto rural-industriale, si distingue, irrispettoso dell'ordinarieta' circostante e quasi impudicamente…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

«Piccola città, bastardo posto». «Povera patria». L’Italia, dentro, non è un paese. È una provincia. E i luoghi di Piccola patria sono quelli del Veneto profondo, la regione in cui in questi giorni si sono improvvisati e falsificati referendum su secessionismo e indipendenza: case unifamiliari e roulotte, hotel e stalle, officine e chiese,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 7 aprile 2014
locandina
Foto
2013
2013

Recensione

OGM di OGM
6 stelle

La provincia che non c’è. Non più una comunità chiusa nelle sue manie e tradizioni, bensì un guscio aperto verso un mondo senza identità, in cui tutto si confonde. Nel film di Alessandro Rossetto un angolo del nostro Nordest si socchiude nella sua nebbiosa informità, per lasciarci intravvedere ciò che resta delle ideologie di quartiere, delle perversioni di famiglia, delle ribellioni di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

ROTOTOM di ROTOTOM
4 stelle

Mostra internazionale del cinema di Venezia -  Sezione Orizzonti. Piccola patria è uno dei film italiani presenti nella sezione Orizzonti della 70 Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. E spiace constatare che gli orizzonti, nel cinema italiano si fermano sempre sull’uscio di casa. O in un azzardato atto di coraggio, nell’aia del vicino. Luisa (Maria Roveran) lavora in un albergo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito