Espandi menu
cerca
Scarpette rosse

Regia di Michael Powell, Emeric Pressburger vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 161
  • Post 117
  • Recensioni 476
  • Playlist 157
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Scarpette rosse

di mck
10 stelle

Anime fiammeggianti si muovono alla danza.

  

L

 

    E

                      B

        R       

                            A

            M          

                                 L

                O       

                                      L    

                    N       

                                           E

                        T       

                                                T    

                             O       

 

                                    V

 

 

" il miglior mago non può tirar fuori un coniglio dal cappello se il coniglio non è già nel cappello "

 

" è la storia di una ragazza divorata dall'ambizione...il tempo passa, l'amore passa, la vita passa...ma le scarpette rosse...continuano a ballare "-" e alla fine ? "- Lermontov a Craster - " alla fine muore "-" si...mi ricordo " : never ti(r)ed.

 

" la grande impressione di semplicità ( danzare con semplicità comporta nell'occhio dello spettatore medio una comprensione dello sforzo che c'è dietro al gesto, prima del compimento della performance e Dentro all'Azione : ancora Lermontov, in-direttamente, a Vicky : " non si possono avere entrambe le cose : l'amore e la danza ai massimi livelli " ) può essere raggiunta solo con l'agonia del corpo e dello spirito " : never (more) !

 

...ricevette quelle scarpette rosse proprio il giorno in cui venne seppellita sua madre ----

 

Personalmente, il mio powellpressburger è ( facile...) the Life and Death of Colonel Blimp ( dove Anton Walbrook ( dopo il dittico con Powell e Pressburger, quello con Max Ophuls : la Ronde e Lola Montès ) è Grandioso ), anche, ultimo non ultimo motivo, perché, "come" the Great Dictator, che non è il mio Chaplin preferito ( Modern Times e Monsieur Verdoux lo sono ), è stato girato DURANTE. Poi, a guerra 'finita', a hitler incenerito a fare da concime in terra ignota, a Churchill archiviato, sulle macerie di Londra plana sfuggendo al suo destino grazie allo smog, alla nebbia, al plumbeo cielo, David Niven ( per me facente parte di una sacra trinità con Cary Grant e James Stewart ) in A Matter of Life and Death : quale risveglio migliore ?! Quale migliore calata nel sogno ?! E nel corso di meno di 5 anni, uno dopo l'altro, TRA gli altri : Black Narcissus, Red Shoes, Gone to Earth, Tales of Hoffman...( ed un 'piccolo' sherzo-gioiellino qual'è A Canterbury Tale ) fino al 1960 ( poco prima della fine, come poco dopo l'inizio fu, 1940, the Thief of Baghdad ) di Peeping Tom...

 

[ ancora, di nuovo, il solo Powell da solo in assolo di regia ( alla sceneggiatura e co-produzione sempre il so(li)dale Pressburger ), prima dell'autentica fine ( non conosco Age of Consent, X es. ) in un autentico assurdo iper-post-neo-realista ( un incompiuto...calabro ? No, australiano : a tirar su case via di mezzo tra "bello, onesto, emigrato a. cerch.comp.illib." e "Mac" di J.Turturro, ovvero : ) : "sono strana gente" con Walter Chiari : di questo film visto una volta sola anni fa mi ricordo - e quindi lo reinvento - delle villette in costruzione con degli spunzoni di metallo verso il cielo Blu, una pausa pranzo in cantiere ed una storia di donne, con conseguente erezione di una casa propria ]

 

-- guardò la vecchia signora che tanto non doveva più vivere a lungo --

 

Pressburger :

 

Boris Lermontov - Anton Walbrook ( l'impresario ( ewan mcgregor,jud law ) ) a Victoria 'Vicky' Page - Moira Shearer [ la ballerina di 2a fila divenuta 1a ballerina ( autentica ballerina ( come Neve Campbell nel troppo sottovalutato " the Company " di Robert Altman ) ed attrice 'esordiente' ( poi : the Tales of Hoffmann, Peeping Tom e pochi altri ) ] : " Lei perché vuole danzare ? " - " Lei perché vuole vivere ? " - " Beh...di preciso anch'io non saprei il perché ma...lo devo "- " è la mia stessa risposta ".

 

Lermontov - Walbrook a Julian Craster - Marius Goring ( lo studente di musica / compositore divenuto musicista della compagnia / direttore d'orchestra ( brad dourif, matthew broderick ) ) : " ...è meglio ricordarsi che è assai più sconfortante dover rubare che essere derubati ".

 

Craster - Goring a Irina " boro-come si chiama / boro-biro " Boronskaja - Ludmilla Tchérina { l'ex 1a ballerina ferma e sostituita ( ShowGirls ( e Black Swan ) : un altro film..."fantascientifico", sfavillante, saturo, fiammeggiante...) per 'infortunio' [ ovvero : matrimonio ( lei a Grischa Ljubov - Léonide Massine, il coreografo ( impagabile anche la figura dello scenografo...e dei due precedenti direttori d'orchestra...) : " caro, mi odi ? "-" non potrei mai odiarti, ma come posso perdonarti ? " ) ] da Vicky } : " lei è una/la ballerina ? " - " Si ! Alla sera. Ma veramente non molto di giorno ! ".

 

Craster/Goring al Teatro : " Scusi, sa dirmi chi è / dove posso trovare il responsabile / capo in carica ? " - " ce ne sono 5 o 6 che credono di esserlo "-" non lo chieda. sono solo la madre di qualcuno. e qui questo non significa molto "-" responsabile di cosa ? ".

 

Lermontov/Walbrook a Craster/Goring, dopo che il direttore d'orchestra aveva già pre cazziato il giovane per aver convocato l'orchestra fin da prima delle prime luci dell'alba ( " capisce che chiamando l'orchestra così presto poi bisogna pagarla ? lo lascio a lei, Lermontov...dopotutto è una sua scoperta, non mia..." ) : " mr. Craster, in futuro le devo chiedere di esercitare un po' più di controllo nelle sue naturali ambizioni. E perché ha scelto Heart of Fire per questa scappatella di primo mattino...buongiorno signori...è un mistero che spero non dovrò mai risolvere. Posso vedere quella nota sbagliata, per favore ? Hm... Comunque, in Heart of Fire ci sono dei passaggi di cui nessuno deve vergognarsi ".

 

-- ballando entrò nel cimitero che era aperto, ma i morti non ballavano, avevano qualcosa di meglio da fare --

 

Powell :

 

--   la MdP s'un perno 'idraulico'-a cuscinetti a sfera : Movimenti di Macchina che per trovare un 'eguale-superiore', un altrettanto consistente passo avanti di tecnica e stile, dovranno aspettare Garrett Brown per the Shining ( e poco prima Rocky ( e Marathon Man e Bound for glory ) ) o il Piano Sequenza Infinito dall'ammasso galattico di bisogno del volto del personaggio di Jodie Foster bambina verso la 'medicina' che può salvare il padre ( che reincontrerà, come David la mamma in A.I. ( in un risveglio più nero e terribile...), sulle spiagge coralline alla Carlito's Way ai confini dell'universo ) situata oltre lo specchio dell'armadietto del bagno in Contact ( una retro-proiezione frontale, un ossimoro (non) digitale, un trucco it's all true, un paradosso fine a se stesso, di una bellezza e meraviglia infinita, l'esplicitazione di Oida : M for Make) : http://www.youtube.com/watch?v=4QH_-eN8XFE  ( vs. un'altra ... Alice : nicole kidman in ews al di là dello specchio-antina dell'armadietto del bagno recupererà nella scatoletta Band Aid l'erba per un altro tipo di viaggio...).

 

--   si cambia un disco ( musica diegetica come quella dallo stereo di casa Hartford/ews ) per la colonna sonora ( columbia ) del balletto come ( scraaatch! ) si cambiano i rulli delle pizze-bobine di celluloide in altri teatri, in altre sale, nei cinema-theatre-theater.

--   MonteCarlo ( ovviamente con guida a destra : il tunnel della manica non esisteva, i traghetti si : si sbarcò in Normandia, dopo tutti quei mezzi anfibi e tutto quell'altro Rosso, un mare color del vino, è d'obbligo esportare con sé le proprie Rolls Royce ) : To Catch a Thief...Barefoot Contessa...Marie Baie des Anges.

 

-- lei baciò la mano che aveva calato la scure e se ne andò per la brughiera --

 

La scena barrylyndoniana di seduzione panoramica con una...falsa notte americana in studio ( ed un fondale che...dio mi fulmini...im ah riocradto el secnogarfei id doemniac ni...) tra Julian e Vicky, l'effetto fumo/sonoro di locomotiva stantuffante e rotaie sferraglianti, il soldatino della polizia monegasca che passa di ronda notturna ( "come" Truffaut s'incrocia con I.Adjani in Adele H. ), le luci di lampadina lontane-vicine a far da finestre di case giù a riva : di una commozione più unica che rara.

  Stesso luogo, stesso posto, per il climax del pre-finale, dalla prospettiva opposta...

E la cena all'aperto al porto con le lanterne-lampare e due fari d'auto ( Vincent Minnelli, Irma la Dolce, Moulin Rouge...)...e due assenze "they are in love" : "charming...!" ( pronunciato come una sentenza di morte...artistica). E l'idillio campestre, il piano sequenza notturno di convivenza on stage letti separati e creazione-sogno...

 

E poi, il balletto : e l'intervento, l'innesto generativo del cinema in esso : contrasti di luce, dissolvenze incrociate, stacchi di montaggio, sovrapposizioni, moltiplicazione di set in arcadia, estensione del palco alla buca d'orchestra, alla platea, alle quinte, alla quarta parete che buca lo schermo ed invade lo sguardo, applausi in forma d'onda, scrosci d'acqua come battimani, ovazioni in cresta che s'infrange e risacca come acclamazione. Qual tale grazia e leggiadra forza solo nel ballo delle patate in the Gold Rush di Chaplin ( e nel duetto con Buster Keaton in LimeLights ).

Belle mugnaie al Carnevale di Silfidi nel lago dei cigni...

 

Se proprio dovessimo finire col fare gli uomini-libro di bradbury-truffaut, sceglierei 2001 : A Space Odissey, con, come postilla-favola della buona notte, Scarpette Rosse, di AndersenPowellPressburgerCardiff. Per ora c'è Vieri Razzini, ( che nel breve commento come cont.spec. al film nel dvd cita giustissimamente come precursore ed ispiratore in parte degli Archers P&P Busby Berkeley ( Strike Up the Band, Babes in Arms / on broadway...) ), laudate hominem.

 

---- lassù nessuno le chiese delle scarpette rosse.

 

Sei tipi d'amore, lei per loro, loro per lei, e tutti per l'arte.

L'ultimo effetto ottico è un jump-cut tra il percorso di un incandescente faro seguipersone innestato con il corpo maciullato scalzo di lei, fuori. Un'assenza che riempie la scena.

Lunatic Asylum.

 

Martin Scorsese (dal castorino) : Inglesi :

Il cinema inglese per me ha sempre avuto un’importanza specifica. Tutto partiva da elementi fondamentali come la luce – quel cielo inglese sempre coperto che dava al film, a colori o in bianco e nero, un aspetto così particolare – o anche la calligrafia utilizzata per i titoli di testa e di coda (sempre così brillanti nelle produzioni Powell-Pressburger come Scarpette rosse); elementi di base che, associati alla scrittura, alla recitazione degli attori e alla messa in scena, mi hanno regalato una visione del tutto nuova, un altro modo di guardare il mondo.

 

La colonna sonora

 

L'incanto ( come licitazione privata e poi pubblica : il giovane compositore mette all'asta la sua arte, vende il suo talento, la sua passione, coglie l'occasione offertagli dall'impresario-magnate-regista, e come meraviglia : la musica di Brian Easdale ) del minuto 00:48:50 e dintorni ( quasi 49 direbbe Pynchon...) : Craster propone sollecitato e pronto la sua musica a Lermontov.

 

 E :

 

Anime fiammeggianti attonite

Squarciato il velo della cecità

A mezzo cielo in vuoto

Denso d'inganno figurativo

Tra ciò che hanno distrutto

E ciò che non gli toccherà

Appare la bellezza mai assillante né oziosa

Languida quando è ora e forte e lieve e austera

L'aria serena e di sostanza sferzante

Anima fiammeggiante soffoca

Smaniosa d'aria non ce la fa

Giorni spremuti e notti

Attinti a un pozzo profondo millenni

Il somigliare agli altri non la salva

Anima fiammeggiante zoppica

Zoppica brace non sa se ce la fa

Un gioco antico un bel gioco

Pericoloso solo per sé

Appare la bellezza mai assillante né oziosa

Languida quando è ora e forte e lieve e austera

L'aria serena e di sostanza sferzante

Appare la bellezza mai assillante né oziosa

Languida quando è ora e forte e lieve e austera

L'aria serena e di sostanza sferzante

L'aria serena e di sostanza sferzante.

 

Vicky a Lermontov : " non ricordo la mia entrata " - " oh, lei pensa di non ricordarla. Senta qui : hhmmm - ti-ti - ti-titti-ti-ti..." - " Si ! Ecco...quando sento la musica va tutto bene, me la ricordo..." - "  dato che senza dubbio sentirà la musica, andrà tutto senza dubbio benissimo. La musica è ciò che conta, nothing but the music ! ".

 

Carta canta : lettere, affiche, spartiti, locandine, programmi, manifesti...

 

Craster a Vicky : " la musica è tutto ciò che conta : la mia musica ti porterà oltre " : more love...

 

Burning Music Arcade, Flame !

Like life... Dance.

 

 E :

 

[...] ora di

volontà focose speranze.

[...] si muove alla danza, danza, danza, danza,

danza, danza, danza.

E s'alzano i canti e si muove la danza

E s'alzano i canti e si muove la danza, danza, danza, danza, danza.

[...] persi alla meta i viaggiatori

La saggezza è impazzita, non sa l'intelligenza

La ragione è nel torto, conscia l'ingenuità

Ma non tacciono i canti e si muove la danza

Quietami i pensieri e il canto e in questa veglia pacificami il cuore

Così vanno le cose, così devono andare

Così vanno le cose, così devono andare.

[...] Chi c'è c'è e chi non c'è non c'è

Chi c'è c'è e chi non c'è non c'è

E non tacciono i canti e si muove la danza

E non tacciono i canti e si muove la danza

Danza, danza, danza, danza, danza, danza, danza, danza...

(Così vanno le cose, così devono andare...)

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati