Espandi menu
cerca
La spia

Regia di Anton Corbijn vedi scheda film

Recensioni

L'autore

hallorann

hallorann

Iscritto dal 7 ottobre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 90
  • Post 12
  • Recensioni 611
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su La spia

di hallorann
6 stelle

Philip Seymour Hoffman

La spia (2014): Philip Seymour Hoffman

Forse l’ultimo grande Philip Seymour Hoffman è l’indipendente GOD’S POCKET, in senso cronologico ed esistenziale LA SPIA – A MOST WANTED MAN di Anton Corbijn. Una spy-story, tratta da John Le Carré, per certi versi coincidente con i recenti fatti parigini. Ivan/Yssa Karpov è il figlio di uno stupro compiuto da un padre ufficiale russo in Cecenia. Giunto clandestinamente ad Amburgo è ricercato da una squadra speciale dedita alla sicurezza internazionale diretta da Gunther e, a sua volta, anche dal servizio segreto tedesco e dalla CIA. Il vero obiettivo delle tre organizzazioni è catturare Abdullah, uomo dalla condotta irreprensibile a capo di un’attività benefica, sospettato però di distrarre fondi per Al Qaeda. Karpov vorrebbe accedere al conto depositato in passato dal discusso padre presso la banca di Brue, per lavarne i peccati. Annabel Richter, un giovane avvocato vicina ai clandestini in cerca di asilo e diritti, viene agganciata per arrivare a Yssa e…

locandina

La spia (2014): locandina

Gunther fa il lavoro sporco e gli altri raccolgono i frutti e i meriti. LA SPIA ricorda il gioco della dama e degli scacchi, per gli spostamenti di pedine umane, per un alfiere che muove i pezzi ed è convinto di fare scacco matto ma non ha fatto i conti con il re o con una torre. Film dall’andamento blando, con un basso profilo che si impenna nel finale, in cui il compianto Seymour Hoffman ha una reazione nervosa giustificata perché l’arroganza dei potenti (la CIA, i servizi segreti in questa circostanza) è inesauribile e la brama di successo sovrasta ogni cosa. La metafora sulla pesca, usata da Gunther nella riunione con i vertici delle organizzazioni, calza a pennello sulla vicenda diretta senza grandi sussulti da Corbijn. Dignitosa, convenzionale e tenuta in piedi dalla stazza e dalla bellissima voce del protagonista, il quale impersona un uomo coerente e professionale, amante di piaceri/vizi (la linea è sottile) ormai demonizzati dalla salute e dalla morale pubblica: caffè corretto, whisky, sigarette con posaceneri strapieni di cicche. Si definisce un cavernicolo che lascia agli altri le camere con vista, un frequentatore di pub e bar squallidi per mestiere e per passione, solitario e cordiale, poi se si vuole sovrapporre il malessere personale dell’attore con il personaggio…roba da gossip. Attorno all’ultimo prezioso Philip girano bei volti e scarsi caratteri come l’Erna di Nina Hoss, la determinata Annabel di Rachel McAdams, lo spento banchiere Tommy Brue di Willem Dafoe e la tenace Sullivan di Robin Wright.

Robin Wright, Philip Seymour Hoffman

La spia (2014): Robin Wright, Philip Seymour Hoffman

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati