Espandi menu
cerca
RoboCop

Regia di José Padilha vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mmciak

mmciak

Iscritto dal 3 settembre 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 57
  • Post 9
  • Recensioni 2568
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su RoboCop

di mmciak
2 stelle

"RoboCop" diretto nel 2014 da José Padilha,
devo dire che è inguardabile.

La storia si svolge nel 2028 a Detroit, e racconta
che la multinazionale americana OmniCorp ha sviluppato
la più moderna tecnologia per la costruzione dei robot.

I droni progettati sono risultati vincenti in tutte le
varie guerre sparse per il globo terrestre, e la società
desidera dare alle proprie creature un ruolo di primo piano
anche in patria.

Alex Murphy, marito e padre affettuoso,
lavora tutti i giorni per le strade cercando di arrestare
l'ondata di criminalità e corruzione che attanaglia la città,
ma soprattutto al criminale Antoine Vallon.

A un certo punto viene colpito in un attentato e Alex
viene salvato dalla avanguardista tecnologia robotica della OmniCorp, ritornando in servizio

con nuove straordinarie abilità ma con problemi che un essere umano non ha mai affrontato prima.

Il Film è una mega-produzione Columbia Pictures,
Metro-Goldwyn-Mayer, Revival 629 e Strike Entertainment,
con il benestare della Sony Pictures, e dovrebbe essere
il remake del Cult del 1987:"RoboCop" o un reboot,
e affidano il posto di comando al Brasiliano José Padilha,
in prima trasferta Americana,che si era fanno notare
per il poliziesco "Tropa de Elite",e gli danno a
disposizione un budget di 100 Milioni di Dollari,
ma purtroppo la sua regia è spaesata (come il
resto del Cast che lo spreca malamente),inadeguata,
inefficace e poco incisiva.

Ho scritto "dovrebbe" perché comincio con il dire che
questo guazzabuglio tamarro non ha niente a che fare con
l'originale degli anni '80,c'è solo l'idea di fondo,
in un contesto di oggi e con la media del Cinema
di fantascienza,che non è alta,tranne qualche eccezione.

Comunque il Film si sviluppa dove in Tv c'è
un Achor-Man di parte, che appoggia i robot
per le strade e la sicurezza.

Infatti anche qui c'è la paura delle guerre,
del terrorismo dell'11 Settembre e dove appunto
la sicurezza è un problema di primo piano,
anche per vincere le elezioni e se la contendono
questo costruttore di Robot e un politico di
alto rango.

Poi si affronta l'argomento della coscienza
in un modo superficiale e confuso,
dove alla fine non capisci perché quel
contesto è stato messo nel Film in
questo modo.

Durante la visione si vedono le influenze
del Cinema di Nolan perché Robocop
va in moto come Batman e realizza Detroit,
come una città buia come Ghotam City
che aveva disegnato il regista,utilizzando
molto la macchina a spalla volendo essere
realista senza riuscirci.

Come dicevo non convince nessuno
nel Cast nonostante l'alto calibro di
Star presenti come:
Joel Kinnaman, Gary Oldman, Michael Keaton, Samuel L. Jackson,
Abbie Cornish, Jackie Earle Haley e Michael K. Williams.

In conclusione un brutto Film,
che non ha niente a che fare
con "Robocop" dove il regista
spaesato con una sceneggiatura
confusa, affronta tanti argomenti
non sviluppando neanche uno,
compreso uno difficile come la coscienza,
creando un guazzabuglio senza arte né parte,
mettendo troppa carne al fuoco, e con un
finale patriottico da denuncia penale.

Se avete un buon ricordo del "Robocop"
del 1987,evitare con cura questo è ben peggio
dei mediocri Sequel del prototipo.

Il mio voto: 1.
















Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati