Espandi menu
cerca
Adieu au langage - Addio al linguaggio

Regia di Jean-Luc Godard vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 166
  • Post 16
  • Recensioni 10978
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Adieu au langage - Addio al linguaggio

di mm40
2 stelle

Interno domestico: un uomo e una donna discutono animatamente, litigano, si riappacificano. Fuori intanto i bambini giocano, le auto sfrecciano nella notte, un cane si rotola nella neve.

 

Con tutto il rispetto per l'autore, Adieu au langage è un minestrone di ardua digeribilità, formalmente poco (o niente) impressionante, a livello di contenuti molto modesto e un bel po' arretrato. Godard è Godard: il suo cinema è questo, scomposto frammentario codificato fatto di suggestioni: prendere o lasciare; il fatto che a 84 anni abbia ancora voglia ed energie per fare un film come questo va senz'altro salutato con piacere. Ma questa è l'unica nota positiva spendibile sul lavoro, realizzato ancora una volta interamente in digitale e con voluti criteri amatoriali nella sua quasi totalità. E' tutto così anacronistico (sembra un film di pseudo-avanguardia di trenta, quaranta anni fa) che non può essere preso minimamente sul serio, tantomeno quando nei dialoghi rarefatti e avulsi da qualsiasi logica narrativa, l'autore (anche sceneggiatore) inserisce riferimenti a Mao, al capitalismo e ad altri argomenti che nel 2014 non sono semplicemente superati, bensì stantii. La suddivisione in due parti, secondo le didascalie (Natura e Metafora: cioè realtà e finzione? Boh), non si avverte per nulla: il film è tutto ugualmente sbracato e insensato, Godard non ha certo intenzione di fornire spiegazioni e la faccenda, quando non si fa irritante, si fa soltanto noiosa. Settanta minuti in tutto, durante i quali le uniche scene che minimamente colpiscono per originalità e/o bizzarria sono gli inseguimenti della macchina da presa nei confronti di un cane che scorrazza in un boschetto (facile verismo) e l'involontario (?) tributo a Ciprì e Maresco costituito da un uomo che sentenzia sui massimi sistemi cagando rumorosamente - con saggio, dettagliato dispendio di effettistica audio scorreggiona - sul wc di casa propria. 2,5/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati