Espandi menu
cerca
Piraña

Regia di Joe Dante vedi scheda film

Recensioni

L'autore

munnyedwards

munnyedwards

Iscritto dal 24 settembre 2015 Vai al suo profilo
  • Seguaci 57
  • Post -
  • Recensioni 213
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Piraña

di munnyedwards
6 stelle

L’esordio cinematografico di Joe Dante si puo considerare quasi come un manifesto programmatico, un piccolo tassello di un puzzle che conteneva nel suo DNA tutta l’inventiva e la carica polemica che poi sarebbero esplose nelle opere successive, il tutto a dominare una carriera vissuta tra alti e bassi da outsider non sempre ben voluto dalle major (soprattutto dopo il fallimento di Explores).

Piraña esce nel 1978 e cavalca l’onda fortunata generata dal successo de Lo Squalo di Spielberg uscito tre anni prima, Dante non fu l’unico a seguire questo sotto-genere ibrido (animali assassini e disaster movie) ma di certo fu uno dei pochi che riuscì a centrare l’impresa, raggiungendo un insperato e per certi versi clamoroso successo commerciale.

Il film nasceva dichiaratamente come b-movie a bassissimo badget, ma sfruttava l’inventiva di Dante e soprattutto l’esperienza in produzione di un vero maestro come Roger Corman, pochi soldi, un plot ridotto all’osso che scopiazzava alla grande il film di Spielberg, un cast di sconosciuti attori e di vecchie glorie dimenticate ma anche molta ironia e uno spirito polemico che a conti fatti rappresenta il vero perno del film, l’aspetto che piu di ogni altro lo caratterizza in modo determinante.

 

http://1.bp.blogspot.com/-RcDISnDgDxc/TVUoBDllSMI/AAAAAAAAFJE/SRlSpPiXq3U/s1600/piranha21.jpg

 

“No Bob, è completamente falso…non ce nulla di vero credimi!”

“Signore!”

“Sono al telefono!”

“I Piranha…”

“Non nominarli nemmeno!”

“Ma i piranha…”

“ I piranha che?”

“Stanno divorando i nostri ospiti…”

 

La storia è ovviamente scontata, in una vecchia base militare in disuso si allevano piranha modificati geneticamente, per una serie di circostanze sfortunate (diciamo cosi) la vasca viene svuotata e i pesci si riversano nel fiume compiendo la naturale mattanza fra pescatori, bambini in vacanza e residence estivi, i due protagonisti (Bradford Dillman e la sconosciuta Heather Menzies) cercheranno in una serrata lotta contro il tempo di fermare i famelici pesci, ostacolati pero dalle ottuse autorità militari e da loschi venditori di resort.

Gli effetti speciali che oggi appaiono ovviamente datati non pregiudicano il divertivento, il film nonostante la pochezza della trama mantiene un buon ritmo e lo spirito critico di Dante fa il resto, feroce il suo attacco al potere costituito, che siano militari che tentato di nascondere i loro sporchi esperimenti (nati durante la guerra in Vietnam) o viscidi venditori disposti a tutto, è una una critica di grana grossa quella del regista ma condita con la giusta ironia e con un paio di battute che lasciano il segno.

Piraña resta a tutt’oggi uno dei migliori esempi di b-movie nel genere horror, mantiene vivo un fascino “vintage” che appassiona ancora molti fan del genere (me compreso), e pur con i suoi evidenti limiti strutturali (plot, cast, effetti visivi) continua a farsi vedere (e rivedere) con gran piacere, un piccolo cult che il tempo sembra non poter scalfire.

Da segnalare le musiche di Pino Donaggio e la presenza in scena di due "mostri sacri" del passato come la splendida e mefistofelica Barbara Steele (icona dell’horror e musa ispiratrice di tanti grandi tra cui Bava, Freda, Fulci e lo stesso Corman) e Kevin McCarty (protagonista del classico L’invasione degli ultracorpi di Siegel).

Nel 1981 James Cameron, anche lui all'esordio, girera un sequel dal titolo Piraña Paura.

Voto: 7

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati