Espandi menu
cerca

Molière in bicicletta

play

Regia di Philippe Le Guay

Con Fabrice Luchini, Lambert Wilson, Maya Sansa, Laurie Bordesoules, Camille Japy, Annie Mercier, Ged Marlon, Stéphan Wojtowicz... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Amazon Prime Video
  • Amazon Prime Video
  • Amazon Prime Video
  • Amazon Prime Video
In STREAMING

Trama

Serge Tanneur (Fabrice Luchini), attore un tempo famoso, si è ritirato dalle luci della ribalta. La troppa pressione lo ha spinto a smettere di recitare e a trasferirsi a vivere in solitudine sulla piccola isola del Ré, dove da tre anni trascorre le giornate a pedalare con la sua bicicletta. Un giorno Serge riceve la visita improvvisa di Gauthier Valience (Lambert Wilson), attore sulla cresta dell'onda che sta mettendo in piedi la sua personalissima versione del Misantropo di Molière. Gauthier offre a Serge il ruolo da protagonista e, di fronte al suo rifiuto, gli propone di provar insieme a lui il primo atto per cinque giorni, durante i quali potrà cambiare idea sul da farsi.

Approfondimento

MOLIÈRE IN BICICLETTA: UN MODERNO MISANTROPO

Molière in bicicletta di Philippe LeGuay può essere visto in primo luogo come un adattamento sui generis e moderno della commedia Il misantropo, scritta da Molière nel 1666. Il progetto di portare in scena la trasposizione dell'opera nasce in maniera casuale da una chiacchierata tra il regista Philippe LeGuay e l'attore Fabrice Luchini. In visita da Luchini sull'isola di Ré - dove l'attore è solito trascorrere molto tempo in cerca di relax e tranquillità - per proporgli il copione di Le donne del 6° piano, LeGuay viene affascinato durante una passeggiata dall'ammirazione, quasi ossessiva, che Luchini ha per il testo di Molière, per l'intelligenza del personaggio di Filinte - più disincantato e vicino alla realtà rispetto al sincero protagonista Alceste - e per il forte contrasto tra questi e il protagonista Alceste, contrasto che cela una riflessione sul potere della parola e del linguaggio in generale. Da quella passeggiata, LeGuay trae lo spunto per la storia di Serge Tanneur e Gauthier Valence, due attori di differente generazione (e formazione) che sull'isola di Ré si ritrovano a provare la scena 1 dell'atto 1, quella del faccia a faccia tra Filinte e Alceste, durante la quale emergono in maniera evidente le differenze di carattere e filosofia di vita di chi da un lato si dimostra indulgente verso gli uomini e di chi dall'altro lato si ribella alla loro stupidità.

UNA BATTAGLIA TEATRALE E DI PERSONALITÀ

In un clima da commedia che diventa ben presto un omaggio alla lingua francese, all'arte della conversazione e al teatro, ma anche una riflessione sul mestiere di attore, durante le prove dell'atto 1 di Il misantropo tra Serge e Gauthier si crea un rapporto di potere da cui entrambi traggono vantaggio: la loro è una continua battaglia teatrale e di ego che si muove tra seduzione, crudeltà, sadismo, umiliazione e dipendenza.
Oltre a Fabrice Luchini e Lambert Wilson, a cui LeGuay riserva il ruolo dell'anti-moderno Serge e del "contemporaneo" Gauthier, in Molière in bicicletta a muoversi tra realtà e testo di Molière è anche l'attrice Laurie Bordesoules, chiamata a interpretare il personaggio di Zoe. Ragazza che lavora come cameriera ma anche come attrice porno, Zoe viene invitata dai due attori per leggere la parte di Célimène, la giovane donna di cui è innamorato Alceste.

A destare un po' di tensione tra Serge e Gauthier è poi la presenza di Francesca, una donna italiana interpretata da Maya Sansa. Arrivata sull'isola di Ré per vendere una casa dopo un doloroso divorzio, Francesca sta male e ha un atteggiamento ostile nei confronti della vita ma finisce con il formare con i due attori un insolito trio à la Jules e Jim.

Note

Da un’idea di Luchini, il film di Le Guay manda in abisso il côté autobiografico di "Il misantropo" e ne fa lo scandaglio per una possibile élite dello spettacolo odierna. Se la sceneggiatura annaspa nei minuti, basata com’è su un unico spunto, è quando si discosta dal proprio terreno "intellò" che quest’ennesimo esempio di cinema medio e piccolo borghese, stereotipicamente francese, finisce per sconfortare: le gag slapstick, così come i bozzetti comici di contorno, sono patetici ammicchi nazionalpopolari decisamente fuor di misura. In ogni caso, dove possibile, recuperatelo in originale, così da preservare quantomeno il narciso e virtuosistico gigionismo di Luchini.

Commenti (2) vedi tutti

  • Piccolo film francese - soprattutto film di attori - che tenta di mostrare, con esito non sempre convincente, l'attualità rivoluzionaria del personaggio di Alceste, il Misantropo immortalato da Molière

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Niente d'aggiungere ma certamente nulla di positivo !

    leggi la recensione completa di chribio1
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

laulilla di laulilla
6 stelle

  Serge era un anziano attore cinematografico (Fabrice Luchini) che, stanco del set e della vita faticosa che richiede, da tempo aveva in animo di ritirarsi a Le Ré, isoletta dell’Atlantico, non lontana da La Rochelle, a cui è collegata da un bel ponte autostradale. Conducendo una vita molto sobria, era riuscito a sopravvivere nella casa… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

alan smithee di alan smithee
8 stelle

TFF 2O13 - FESTA MOBILE Due attori celebr e celebrati: due personalità e fisicità completamente differenti ed oppste; due caratteri agli antipodi che spingono il più avvenente ad accettare ruoli in produzioni televisive di massimonascolto  ma di minima qualità,  mentre l'altro, fisicamente più mortificato ma dal talento ancora piu' ispirato,  di ritirarsi in esilio presso l'Ile de Re… leggi tutto

5 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Enrique di Enrique
4 stelle

Convinto di poter vedere La mia classe con Valerio Mastandrea, il botteghino mi riserva una bella doccia fredda. La programmazione è cambiata all’ultimo momento! E, delle tre possibili scelte, quella (apparentemente) meno indigesta mi pare essere rappresentata da un certo Molière in bicicletta. È un boccone amaro da mandare giù. Una commedia in sostituzione di… leggi tutto

3 recensioni negative

2021
2021

Recensione

laulilla di laulilla
6 stelle

  Serge era un anziano attore cinematografico (Fabrice Luchini) che, stanco del set e della vita faticosa che richiede, da tempo aveva in animo di ritirarsi a Le Ré, isoletta dell’Atlantico, non lontana da La Rochelle, a cui è collegata da un bel ponte autostradale. Conducendo una vita molto sobria, era riuscito a sopravvivere nella casa…

leggi tutto
Trasmesso il 30 gennaio 2021 su Rai Movie

IL TEATRO NEL CINEMA

articolotre di articolotre

Amo il Teatro, che a modesti livelli ho anche fatto, e trovarlo a volte abbinato all'altro piacere del Cinema mi da una grande gioia. Questa passione, senz'altro condivisa da molti, mi ha portato a scegliere una…

leggi tutto
Trasmesso il 9 gennaio 2021 su Rai Movie
2020
2020
Trasmesso il 27 giugno 2020 su Rai Movie
2019
2019
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2018
2018
2017
2017

Recensione

jonas di jonas
6 stelle

Un attore, che ha raggiunto la celebrità grazie a un telefilm di ambientazione ospedaliera, va a trovare un ex collega più esperto che si è ritirato dal mondo: vuole convincerlo a recitare con lui a teatro nel Misantropo. Una di quelle cose che i francesi sanno fare con il pilota automatico, specialmente quando decidono di giocare in casa mettendo in scena Molière: la…

leggi tutto
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Trasmesso il 14 maggio 2017 su Rai 5
Trasmesso il 9 maggio 2017 su Rai 5
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 12 marzo 2017 su Rai Movie
Trasmesso il 2 marzo 2017 su Rai Movie
2016
2016
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 26 novembre 2016 su Rai Movie
Trasmesso il 17 novembre 2016 su Rai Movie

Recensione

chribio1 di chribio1
1 stelle

In questo Film troviamo : una manciata d'Attori in gamba che cercano di dare e fare il Loro meglio ... una Storia che non va da nessuna parte e stanca assai ... e tutt'intorno non si ha mai la sensazione che il Regista voglia cambiare qualcosa alla Pellicola ! Quindi viene da chiedersi : "Perche' questa pensata ??!!" Mah,ai posteri l'ardua sentenza ... ! voto.0.

leggi tutto
Recensione
2015
2015

Recensione

Fanny Sally di Fanny Sally
7 stelle

Il Misantropo, la più celebre commedia di Moliere, fine conoscitore dell’animo umano e delle sue infinite sfumature, è il fulcro attorno a cui ruota la trama di questa sofisticata e malinconica commedia di Philippe Le Guay, che può vantare tra gli interpreti il sempre inappuntabile Fabrice Luchini, qui anche nelle vesti di co-sceneggiatore insieme al regista.  …

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito