La religiosa

play

Regia di Guillaume Nicloux

Con Pauline Etienne, Isabelle Huppert, Louise Bourgoin, Francoise Lebrun, Martina Gedeck, Agathe Bonitzer, Alice de Lencquesaing... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Amazon Prime Video
  • Chili
  • Google Play
  • Google Play
In STREAMING

Trama

Francia, 1760. Nata da una famiglia borghese, Suzanne (Pauline Etienne) sogna di poter continuare ad assecondare il suo talento naturale per la musica e di integrarsi nel contesto sociale ma i genitori troncano ogni sua aspirazione portandola in convento per divenire suora. Insofferente alle regole della clausura, Suzanne scopre di essere il frutto illegittimo di una relazione extraconiugale della madre e cerca in tutti i modi di sciogliere i voti ma, quando l'amorevole madre superiora muore, si ritrova a subire angherie e umiliazioni da parte della sua sostituta, suor Christine (Louise Bourgoin). Su richiesta, Susanne ottiene il trasferimento e approda nel convento di Saint Eutrope, dove la madre superiora (Isabelle Huppert) sviluppa per lei un'attenzione quasi morbosa e imbarazzante.

Approfondimento

LA RELIGIOSA: UN NUOVO ADATTAMENTO DEL ROMANZO DI DIDEROT

La religiosa è l'adattamento dell'omonimo romanzo di Denis Diderot, edito in Italia con i titoli di La religiosa e La monaca e già portato sullo schermo da Jacques Rivette nel 1968 in Suzanne Simonin, la religiosa. La scelta di una nuova trasposizione cinematografica si deve in primo luogo alla volontà del regista Guillaume Nicloux di offrire un nuovo punto di vista su uno dei romanzi che più ha segnato la sua adolescenza. Religioso e convinto dell'idea di entrare in seminario fino all'età di 13 anni, Nicloux ha vissuto poi un'adolescenza punk e anarchica quando la lettura di La religiosa lo ha spinto a porsi mille domande sulla religione stessa e sul libero arbitrio di coloro che "scelgono" i voti come percorso di vita. L'idea del film era già nella sua mente da tempo quando nel 2009 Nicloux trova la sua chiave di lettura per raccontare come la protagonista Suzanne sia spinta ad entrare in convento contro la sua volontà e a quali conseguenze va incontro. Staccandosi dalla dimensione anticlericale del testo di Diderot, Nicloux ha messo a fuoco l'essenza del romanzo, trasformandolo in un'ode alla libertà e al pensiero indipendente. La sua Suzanne, infatti, non negherà mai la fede o l'amore per Dio ma combatterà per affermare la sua volontà di vivere come lei vorrebbe e non come gli altri cercano di imporle. Rimarcando le difficoltà della protagonista nell'affermare le proprie scelte, Nicloux fa così di La religiosa un'opera che, nonostante sia ambientata nell'Ottocento, risulta attuale e richiama alla mente la condizione di molte donne costrette ancora a subire le imposizioni morali - e spesso anche fisiche - delle autorità di sesso maschile.

DIFFERENZE CON IL ROMANZO

Nell'adattare il romanzo di Diderot, il regista Guillaume Nicloux non ha scelto solo di mettere da parte l'impegno dello scrittore contro la Chiesa ma ha anche optato per un finale diverso. Considerando che Diderot ha lasciato la sua opera incompiuta e Suzane Simonin come una ragazza rassegnata al proprio destino, Nicloux opta per una fine diversa, così come aveva già fatto Rivette. Mentre in Suzanne Simonin, la religiosa Rivette fa suicidare la protagonista, Nicloux ha scelto di farla resistere a quanto subisce, di farle superare le difficoltà e di farla liberare dalla tutela della madre, in nome di un possibile futuro migliore. Tra le altre modifiche apportate da Nicloux e dal cosceneggiatore Jerome Beaujour, in La religiosa si segnalano anche la comparsa del vero padre di Suzanne, un uomo libertino la cui figura serve ad amplificare i problemi di identità della ragazza, e di una dimensione romantica che fa da proiezione immaginaria e fuga mentale.

RIPRESE IN DUE VERI CONVENTI

Protagonista di La religiosa nei panni di Suzanne è Pauline Étienne, chiamata a restituire la grazia di una personaggio che deve imporre la sua forza superiore con disarmante calma. Mentre il personaggio di Madame de Moni, la madre superiora del convento di Saint Marie, è interpretato da Françoise Lebrun, Louise Bourgoin riveste i panni di Suor Christine e Isabelle Huppert è invece la terribile madre superiora del convento di Saint Eutrope, che per Suzanne prova un'attrazione quasi mistica e lontana dal semplice desiderio sessuale. Preferendo girare in luoghi reali e non in teatri di posa, Nicolaux con l'aiuto dello scenografo Olivier Radot e della costumista Anais Romand ha cercato veri conventi in cui effettuare le riprese, trovandone due in Germania che non hanno subito ristrutturazioni dal Settecento.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Tratto da un classico illuminista di Diderot, il film di Nicloux è oggetto sghembo, straniante, caratteristica ricorrente nel cinema di un regista inquieto, che pare accompagnare le sue opere verso i paradossi dell’immaginario contemporaneo, anche quelli più deteriori, s’affida in primis alla grazia luministica di Yves Cape, disegna quadri d’amore naturalistico per gli interni e i riti del convento, guarda al rigore della parabola giansenista di Rivette, ma poi lascia che la sobrietà del film si inclini verso il cinema di genere e degeneri nella farsa. Ed è proprio questa rappresentazione degradante dell’istituzione religiosa, che da conforme si fa incubo e poi satira allucinata, il vero movente del film, questa la sua beffarda attualità.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

OGM di OGM
8 stelle

Ci sono luoghi appartati in cui tutto è vietato, eppure tutto è lecito, perché ciò che vi accade è coperto da un impenetrabile segreto.  Dentro le mura di un convento il mondo non entra, se non per ribadire l’inviolabilità di quel posto, sottratto al giudizio terreno. È il nascondiglio ideale per chi vi si rifugia, e la prigione perfetta per chi vi viene rinchiuso. Questa è l’idea… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

easyboy82 di easyboy82
6 stelle

Un film che mi ha convinto a metà. Da una parte l'ho guardato volentieri, aiutato anche dal fatto di amare per gusto personale le vicende dai toni intimistici e le ambientazioni monastico-conventuali. Dall'altra, nonostante le potenzialità della vicenda, ha mancato di darmi particolari emozioni e l'ho trovato un po' una piatta illustrazione, . E' un film "molto francese" da questo punto di… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

2014
2014

Suore

CALVAL di CALVAL

Suore bianche o nere, finte o autentiche, depravate, detective, badesse o converse, novizie o madri superiore; l'universo femminile dietro il velo e dietro le mura di un convento. Suore assassine o eroine, suore…

leggi tutto
Playlist

Recensione

ezio di ezio
5 stelle

Sta povera Suzanne per aver rifiutato i voti e' stata obbligata a una eterna vita monastica che ha tratti era peggio delle carceri turche.Ne ha passate di tutti i colori tra sofferenze e torture....e persino a una superiora leggermente lesbica.Devo dire che il tutto resta un po' deprimente e malinconico.

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2013
2013
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

Dipper di Dipper
8 stelle

  Francia, 1768. Suzanne Simonin, una talentuosa quanto semplice ragazza dedita all'amore per Cristo. La sua giovane età la conduce a rivalutare la sua scelta di prendere i voti, ma alcune rivelazioni familiari la costringeranno ad una vita di reclusione, punizioni e umiliazioni all'interno di mura ecclesiali. L'adolescente  si vede scaravenata in diverse realtà monastiche a cui tenta di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

easyboy82 di easyboy82
6 stelle

Un film che mi ha convinto a metà. Da una parte l'ho guardato volentieri, aiutato anche dal fatto di amare per gusto personale le vicende dai toni intimistici e le ambientazioni monastico-conventuali. Dall'altra, nonostante le potenzialità della vicenda, ha mancato di darmi particolari emozioni e l'ho trovato un po' una piatta illustrazione, . E' un film "molto francese" da questo punto di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

maghella di maghella
8 stelle

Seconda metà del '700,  Francia, Suzanne di soli 16 anni è l'ultima di tre figlie di una ricca famiglia borghese. Suzanne (Puline Etienne) è convinta di avere la vocazione religiosa, tale da poter entrare in convento. Presto si renderà conto che la sua devozione a Dio non è sufficiente da poter sacrificare tutta la sua vita all'interno di un monastero, e perciò chiede di poter rientrare…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

Crede, Suzanne Simonin, ma non ha vocazione. Eppure, figlia della colpa di una moglie fedifraga, viene costretta, contro volontà, alla vita monacale. Occhio non vede, cuore non duole. Intanto lei, Suzanne, subisce: prima invidiata e poi umiliata, viene aggredita, torturata. Il convento finisce per essere una prigione, le sorelle secondini, boia, aguzzini. Ma Suzanne resiste. E continua a…

leggi tutto
Recensione
Uscito nelle sale italiane il 2 settembre 2013

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

Ci sono luoghi appartati in cui tutto è vietato, eppure tutto è lecito, perché ciò che vi accade è coperto da un impenetrabile segreto.  Dentro le mura di un convento il mondo non entra, se non per ribadire l’inviolabilità di quel posto, sottratto al giudizio terreno. È il nascondiglio ideale per chi vi si rifugia, e la prigione perfetta per chi vi viene rinchiuso. Questa è l’idea…

leggi tutto
Pauline Etienne
Foto
locandina
Foto
LA RELIGIOSA: UN NUOVO ADATTAMENTO DEL ROMANZO DI DIDEROT

LA RELIGIOSA: UN NUOVO ADATTAMENTO DEL ROMANZO DI DIDEROT

LA RELIGIOSA: UN NUOVO ADATTAMENTO DEL ROMANZO DI DIDEROT La religiosa è l'adattamento dell'omonimo romanzo di Denis Diderot, edito in Italia con i titoli di La religiosa e La monaca e già portato sullo schermo da Jacques Rivette nel 1968 in Suzanne Simonin, la religiosa. La scelta di una nuova trasposizione cinematografica si deve in primo luogo alla volontà del regista Guillaume Nicloux di offrire un nuovo punto di vista su uno dei romanzi che più ha segnato la sua adolescenza. Religioso e convinto dell'idea di entrare in seminario fino all'età di 13 anni, Nicloux ha vissuto poi... segue

Extra

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

Cronaca intensa ed accorata di una onesta e risoluta presa di posizione che fa seguito ad una (fra le tante) mancata vocazione da parte di una sedicenne costretta a prendere i voti dalle circostanze del destino e dalla rigida etichetta dell’epoca: quella che riconduce sui figli colpe e tranelli ordini da genitori scaltri, cinici e senza cuore. Innaturali regole forzose e costrittive che…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito