Espandi menu
cerca
8 1/2

Regia di Federico Fellini vedi scheda film

Recensioni

L'autore

giurista81

giurista81

Iscritto dal 24 luglio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 27
  • Post -
  • Recensioni 1714
  • Playlist 109
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su 8 1/2

di giurista81
4 stelle

Capolavoro riconosciuto e indiscusso del cinema italiano (due premi oscar, tra cui quello per il miglior film straniero, e sette Nastri d'Argento, tanto per intenderci), ispiratore di una lunga serie di registi (Pupi Avati ha più volte dichiarato che dopo la visione di 8 1/2 ha deciso di diventare regista) e per questo reputato un'opera d'arte, 8 1/2 è un mattone difficilmente digeribile non adatto al grande pubblco (i fatti dicono però il contrario, forse perché fa in dire che il film è piaciuto). La visionarietà e l'onirismo di Fellini (già percepibile nella prima sequenza), il suo gusto per la fotografia di qualità e per le scenografie sfarzose esaltate dalla profondità ricercata con un abile messa in scena sono gli innegabili punti di forza della pellicola (eccezionale su questo versante). Fellini riesce a fornire un quadro di insieme che, dal punto di vista visivo, lo rende assimilabile a un pittore autore di quadri dinamici. Questo è il buono del film che, peraltro, si avvale di attori quali la scream queen Barbara Steele (reginetta dell'horror gotico italico) e la bellissima Claudia Cardinale, oltre a Mastroianni e all'odiosa Sandra Milo (premiata col Nastro d'Argento). Vedere una pellicola di Fellini è un'esperienza, un qualcosa di autoriale difficilmente emulabile e ripetibile (c'ha provato e con successo Sorrentino), ma è anche sorbirsi una storia (dello stesso Fellini e di Ennio Flaiano) difficile da seguire, sfuggevole e con un taglio grottesco e sarcastico assai irritante che fa pensare a un trip provocato da un'indigestione di sostanze psicotrope. 8 1/2 è un prodotto chic, non adatto al gusto popolare, esaltazione autoriale di un regista che ricerca l'arte, poco interessandosi della coerenza logica e di una struttura solida di fondo da cui costruire una storia da portare avanti col crisma della consequenzialità. Dirò una bestemmia, ma per me 8 1/2 è tanto un capolavoro visivo quanto una mattonata indigesta di storia e sviluppo. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati