Espandi menu
cerca

Special Forces. Liberate l'ostaggio

play

Regia di Stéphane Rybojad

Con Diane Kruger, Djimon Hounsou, Benoît Magimel, Denis Menochet, Raphaël Personnaz, Alain Figlarz, Alain Alivon, Mehdi Nebbou... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Netflix
  • Amazon Prime Video
  • PS Store
  • Amazon Prime Video
In STREAMING

Trama

La giornalista francese Elsa Casanova (Diane Kruger) è stata presa in ostaggio dai talebani in Afghanistan. Su di lei pende una sentenza di morte che spinge le autorità francesi a inviare una squadra di forze speciali dell'esercito per cercare di liberarla e salvarla dall'imminente esecuzione. Il compito non è facile e i soldati si ritrovano costretti a un lungo inseguimento attraverso un territorio a loro ostile, con i talebani disposti a tutto pur di non farsi scappare la loro prigioniera, sempre più legata ai suoi salvatori.

Approfondimento

RYBOJAD: DAI CORTOMETRAGGI AL PRIMO FILM

Stéphan Rybojad debutta nel cinema dopo un'intera carriere passata dietro la sala di regia dei documentari televisivi. Con il sogno di fare il regista cinematografico sin dall'età di 13 anni, ha cominciato presto a barcamenarsi con le riprese in Super 8 realizzando quasi 200 cortometraggi, che gli hanno permesso di capire come funzionasse il mestiere e di prendere dimestichezza con i mezzi necessari. Così come un capitano di una nave sa ricoprire tutte le mansioni utili a una corretta navigazione, Rybojad lavorando in televisione ha avuto la possibilità di specializzarsi nelle varie attività propedeutiche al mestiere di regista. Passando dall'essere un macchinista al diventare assistente operatore, approda poi alla regia dei documentari, dei video musicali e della pubblicità, tutti lavori che gli permettono di guadagnare i soldi da reinvestire nei cortometraggi che, fedele al suo sogno, continua a dirigere in attesa che arrivasse la possibilità di dirigere il film giusto, cosa che gli accade alle soglie dei quarant'anni.   L'esperienza dei documentari gli ha permesso, inoltre, di entrare in contatto con paesaggi inesplorati e selvaggi ma anche con il Ministero della Difesa, scoprendo un universo di uomini tutt'altro che bellicosi e pieni di valori reali, come la solidarietà, il senso del dovere e del sacrificio, in cui la forza del gruppo ha la priorità sulle esigenze individuali. È il 2005 quando Rybojad si imbatte nel gruppo delle Forze Speciali, dirigendo un documentario sulla struttura di comando che regola l'operato di circa 3000 militari francesi, coinvolti in operazioni di norma top secret e che vivono una vita al margine in cui si intrecciano solitudine e anonimato per non mettere a rischio l'esistenza delle persone a loro vicine. Ed è l'incontro con Marius, un istruttore delle Forze Speciali, che gli ha suggerito l'idea di realizzare un film, con protagonisti alcuni dei giovani che sacrificano i loro vent'anni alle esigenze di Stato, che fosse al contempo spettacolo ed emozione, contenente avventura, azione, paesaggi esotici e forti sentimenti umani, tenendo in considerazione gli esempi di Platoon (1986) Black Hawk Down (2001) The Hurt Locker (2008), tutti con trame politiche e forti appigli alla realtà.

IN PRIMA LINEA IN TAGIKISTAN

Ambientare la storia in Afghanistan è stata per Rybojad una scelta ovvia. Appassionato sin da piccoli dei libri di Joseph Kessel, il regista ha sempre avuto voglia di visitare il Paese ma varie ragioni gli avevano impedito di farlo. Prima la guerra con i russi e in seguito il regime talebano avevano anche impedito la realizzazione di alcuni documentari televisivi ma l'avvio del processo di ricostruzione sotto l'egida delle Nazioni Uniti ha spinto Rybojad a chiedere i permessi necessari per poter girare in suggestivi paesaggi. L'idea della giornalista prigioniera, invece, è stata suggerita dalle notizie di cronaca che spesso arrivano dai telegiornali e che raccontano di reporter rapiti e presi in ostaggio. Insieme ai militari, i giornalisti sono in prima linea sul fronte e si ritrovano spesso a collaborare con le Forze Speciali, dimostrando di avere competenza e di saper padroneggiare mezzi spessi lontani dal loro settore lavorativo di provenienza. La trama rispecchia i canoni tipici delle favole di una volta: sei cavalieri si ritrovano infatti a dover salvare la principessa catturata dal nemico e per riuscire nella loro missione devono affrontare il regno del male mettendo in pericolo le loro esistenze: una sfida difficile che richiede sacrificio, costanza e perseveranza. Le difficoltà incontrate una volta a Kabul hanno determinato lo spostamento delle riprese in Tagikistan, un paese al confine dell'Afghanistan, per poi spostarsi sull'Himalaya attraverso la vecchia Via della Seta, al crocevia tra Cina, Afghanistan e Pakistan, un percorso popolato da produttori e spacciatori di oppio ed eroina. Per riuscire ad evitare i pericoli che potevano provenire dalle zone del Nepal, Kashmir, Pakistan e Tibet, la troupe ha potuto contare sul supporto dell'esercito francese, presente a Dushanbe, capitale del Tagikistan. 

 

 

 

 

LO SHOCK DELLA FORMAZIONE MILITARE

Prima di iniziare le riprese, tutti gli attori, ad eccezione della protagonista Diane Kruger, hanno seguito un intenso corso di addestramento presso il commando di marines di Lorient in Bretagna, al cospetto dell'istruttore Marius che li ha aiutati a integrarsi con i veri membri delle Forze Speciali e a capire lo spirito di solidarietà che sta alla base del lavoro di squadra. A insaputa degli attori, il regista ha chiesto a 20 soldati, coperti di caschi e cappucci, di far irruzione nella stanza dove gli attori dormivano simulando una retata con tecniche militari, durante la quale il cast si è trovato alle prese con tecniche di combattimento, granate e lacrimogeni che ha ridotto ognuno sotto shock. Questo era l'unico modo per Rybojad di mostrare ai suoi protagonista di cosa sono capaci di fare le Forze Speciali e per ricordare loro che dietro la cordiale apparenza di giovani ragazzotti si tratta di esperti combattenti pronti a tutto per raggiungere lo scopo della loro missione.

A far da consulente sul set è arrivato anche il colonnello Jackie Fouquereau, inviato dal Ministero della Difesa con lo scopo di rendere verosimile ogni sequenza in modo da omaggiare l'intero operato delle forze armate e di garantire la sicurezza. Coordinando i contatti tra le ambasciate francese e afghana, i servizi segreti e gli agenti della polizia locale, Fouquereau è rimasto sempre vigile su nuovi rischi e pericoli che potevano profilarsi all'orizzonte, soprattutto dopo che, proprio il primo giorno di riprese, 25 pericoli talebani erano evasi da un carcere tagiko. 

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Il debuttante Rybojad sfodera un gusto tipicamente transalpino per la narrazione ellittica, prediligendo sempre la storia alle (pur presenti) emozioni, condite da veniali peccati retorici. Riesce anche a obbedire ai nuovi, spersonalizza(n)ti standard di genere, mettendo in quadro azioni militari con un’elevata aderenza grafica e ritmica al reale, grazie a inquadrature in continuo movimento e a un montaggio frammentario e serrato che ben restituisce l’angoscia schizoide delle incursioni. Operazione riuscita: in Francia i generi sono ancora possibili, vitali e onesti.

Commenti (7) vedi tutti

  • Completamente ridicolo.

    leggi la recensione completa di Gattomammone
  • Una scemenza inverosimile.

    commento di corradop
  • Bel film d'azione, molto all'americana, ma con la sorpresa che è del vecchio continente... Non sfigura nelle scenografie, scene d'azione e recitazione... Peccato per la trama poco più di un pretesto per girare il film.

    commento di gac
  • Allineato alle peggiori boiate americane. Zero trama, zero pathos, zero suspance, zero adrenalina, una vagonata di luoghi comuni dei migliori buoni contro i peggiori cattivi.

    commento di Oss
  • Azione e avventura in territorio ostico e adrenalina quasi a mille. E la sorpresa è che non si tratta di un film americano…e purtroppo neanche italiano…!!! Gran bello spettacolo!

    commento di slim spaccabecco
  • Un Act of Valor in versione francese ma meno interessante e più drammatico (con tanti momenti di guerra) ma la trama finisce dopo appena 20 minuti. Il resto è solo la fuga. Ritmo elevato

    commento di XANDER
  • Trama insulsa ma buon ritmo, ottimi attori, realismo notevole e scenografie semplicemente sensazionali.Ideologicamente assurdo ma tecnicamente delizioso.

    commento di chiesaman
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

braddock di braddock
10 stelle

Già da di diversi anni è ormai evidente che, in ambito europeo, il cinema francese goda di numerose marce in più riguardo a ogni genere. Questo SPECIAL FORCE segue lo stile bellico di stampo realistico dell' ottimo ACT OF VALOR di Mike McCoy attribuendo però un' importanza minore alle strategie di tattica militare e concentrandosi maggiormente sugli scontri a fuoco e i rappotti umani tra… leggi tutto

5 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Stuntman Miglio di Stuntman Miglio
6 stelle

Ancora lotta al terrorismo ma meno videogame. Qui abbiamo una giornalista francese rapita dai talebani e una squadra di forze speciali incaricata di recuperarla ad ogni costo. Siamo sempre nei confini dell'elementare ma l'approccio al "fare" cinema è sicuramente migliore. Sarà perché i vicini d'oltralpe hanno una cognizione del genere meno caciarona, sarà perché il soggetto s'arricchisce di… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Winnie dei pooh di Winnie dei pooh
2 stelle

Io non adoro quello che voi adorate nè voi adorate quello che io adoro io non venero quello che voi venerate nè voi venerate quello che io venero   Filmaccio di propaganda al coq au vin come non ne vedevo dai tempi in cui al cinema ancora si fumava; adrenalinico (comme il faut), stereotipato ai limiti del ridicolo e, se non bastasse, ulteriormente immiserito da una sostanziale mediocrità… leggi tutto

3 recensioni negative

2020
2020
Trasmesso il 19 dicembre 2020 su Iris
Trasmesso il 17 dicembre 2020 su Iris
Trasmesso il 12 dicembre 2020 su Iris
Trasmesso il 10 dicembre 2020 su Iris
2019
2019
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 5 maggio 2019 su Iris

Recensione

Gattomammone di Gattomammone
1 stelle

Ah, la grandeur dei francesi! Credevo fosse impossibile superare l'idiozia di certi film di guerra americani, grondanti retorica dall'inizio alla fine. Eppure questo film francese ci è riuscito in pieno. Già l'inizio del film dice tutto, con lo schieramento di elicotteri in volo, tanto per far vedere che Apocalypse now ai francesi gli fa un baffo. Al di là della retorica,…

leggi tutto
Recensione
Trasmesso il 4 maggio 2019 su Iris
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Trasmesso il 23 aprile 2019 su Rete 4
2018
2018
Trasmesso l'11 maggio 2018 su Iris
Trasmesso il 2 maggio 2018 su Rsi La2
Trasmesso il 27 aprile 2018 su Iris
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 20 febbraio 2018 su Rete 4
2017
2017
Trasmesso il 17 settembre 2017 su Rsi La1
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
2016
2016
Trasmesso il 23 dicembre 2016 su Iris
Trasmesso il 16 dicembre 2016 su Iris
2015
2015
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito