Espandi menu
cerca
I Wish

Regia di Hirokazu Koreeda vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bradipo68

bradipo68

Iscritto dal 1 settembre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 263
  • Post 30
  • Recensioni 4749
  • Playlist 174
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su I Wish

di bradipo68
10 stelle

C'è un posto e c'è un momento in cui tutti, ma proprio tutti i sogni potranno essere realizzati.
Kiseki( titolo internazionale I Wish ma la traduzione letterale è miracolo,concetto che evoca connotazioni religiose però del tutto assenti in questo film) è la storia della ricerca di quel posto e di quel momento da parte di due fratelli, Koichi,il maggiore e Ryunosuke che scontano l'indifferenza tra i loro genitori che hanno diviso le loro strade e si sono divisi anche i figli.
Per riavere indietro il loro sogno i due fratellini sono disposti a imbarcarsi per l'impresa di vedere incrociare per la prima volta su un  tratto ferroviario appena inaugurato due treni ad alta velocità,vanto delle ferrovie giapponesi.
Calcolate le distanze e le velocità i due fratellini assieme ad alcuni amici si ritroveranno per questo fondamentale appuntamento ognuno con il proprio sogno da tirar fuori dal cassetto.
Un film di bambini, treni , memorie e sogni.
E' stupefacente come Koreeda riesca sempre a trasformare il proprio cinema trattando sempre le stesse tematiche.
Dopo il sogno e il percorso formativo di Air Doll ,il grande autore giapponese torna a parlare di bambini ma fortunatamente in maniera meno pessimista di quanto accaduto nel bellissimo Nobody Knows.
La sua cinepresa si sofferma delicatamente su un gruppo di bambini catturati nel loro cammino verso la crescita, sui loro occhi vigili che avidi vogliono scoprire il mondo, che cosa c'è lì fuori.
Ma non solo.
Kiseki è anche un intenso e commovente affresco intergenerazionale in cui il Giappone viene impietosamente messo a nudo, tra vecchi ancora capaci di sognare e una generazione di mezzo affetta dalla solitudine e dall'alienazione, malattie contagiose nella società nipponica moderna.
E' angoscioso vedere persone anziane che probabilmente non hanno più nulla da chiedere alla loro permanenza terrena avere ancora la forza di lasciarsi cullare dalla fantasia mentre i figli sono afflitti da quell'inquietudine sottile ma profonda che ti impedisce anche di sognare.
Per fortuna che ci sono i nipoti che riescono a credere alle leggende che parlano di miracoli.
Anche quando nella realtà  a loro basterebbe una famiglia, come quella che Koichi vede allontanarsi attraverso il vetro di una stazione.
Il suo sogno che è quello di un'eruzione da lui raffigurata color pastello che copra(nasconda) tutto lascia spazio al silenzio: alla scelta della famiglia come ha fatto Ryunosuke.
C'è spazio per tutti ,ognuno col proprio pezzetto di sogno da conservare gelosamente,sia esso un conforto per una madre che ha fallito nella carriera d'attrice,sia esso una memoria di anni e anni passati con un cagnolino affettuoso venuto a mancare proprio il giorno prima del viaggio.

" Spero che a papà vada tutto bene!"

" Vorrei saper disegnare meglio!"

" Vorrei diventare un'attrice!"

" Vorrei poter correre più velocemente!"

" Vorrei che mio padre smettesse di giocare d'azzardo!"

" Vorrei far rivivere Marble!"
Koreeda riesce come al solito a far sgorgare poesia dai piccoli gesti quotidiani dei suoi protagonisti, il suo magnifico cinema introspettivo regala come sempre suggestioni e pensieri che non terminano con i titoli di coda del film.
Il tutto racchiuso nello sguardo e nella risata di un bambino, nel dolcetto fatto dal nonno perennemente insoddisfatto, nei movimenti delle mani della nonna a disegnare figure strane e meravigliose, nel pensiero continuo a un figlio che per capricci del destino e dell'amore è costretto a stare lontano.
Koreeda continua a regalarci interni familiari sfumati ravvivati da facce conosciute ed esterni che nella loro apparente banalità acquistano una  bellezza particolare dovuta alla moltitudine di colori che li anima.
Koreeda continua a realizzare grandi film che vengono puntualmente ignorati in occidente, se non fosse per qualche comparsata in alcuni Festival come quello di San Sebastian.
Il suo è cinema che continua a contemplare quale magnifico gioco è la vita , anche parlando di morte.
Perchè si sa,il concetto di morte è insito in quello di vita.
E Hirokazu Koreeda lo racconta nel migliore dei modi.

Su Hirokazu Koreeda

regia come al solito magnifica

Su Koki Maeda

eccellente

Su Ohshirô Maeda

bravissimo

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati