Trama

Juliette e Romeo vivono la loro grande storia d’amore, si amano come se fosse ancora il primo giorno e la loro favola è diventata ancora più bella nel momento in cui hanno avuto il primo figlio, Adam. Ma il risveglio dal sogno sarà traumatico, tutto si trasformerà in incubo e caos, in una guerra impari contro la malattia che affliggerà il bambino. I due giovani dovranno imparare a sostenersi, con tutta la forza e il coraggio di cui sono capaci. Diventeranno adulti in fretta, nei loro corpi di giovinezza devastata.

Approfondimento

 

UNA STORIA PERSONALE

Per scrivere la sceneggiatura di Dichiarazione di guerra, Valérie Donzelli non ha avuto bisogno di ricorrere alla fantasia o di volare lontano con la mente. La storia portata sullo schermo appartiene infatti alla vita privata della regista/attrice che,  per la prima volta, insieme al compagno Jérémie Elkaïm si è messa a nudo, raccontando le vicissitudini del loro amore giovane, quello di due moderni Romeo e Giulietta che, lacerati dal dolore, sfidano la morte, con la peggiore delle prove richieste a una coppia di genitori, uscendone distrutti ma solidi. Mettendo da parte la felicità spensierata tipica della loro età, i due protagonisti sono stati infatti costretti a confrontarsi con l'inaspettata e terribile malattia del figlio Adam, divenendo in tutta fretta adulti responsabili e in grado di scoprire il loro nascosto eroismo. Riportando la loro esperienza personale al cinema, ne hanno subito anche dei benefici psicologici: trasmigrando la realtà nello schermo, hanno avuto l'opportunità di scrollarsi di dosso tutta la sofferenza vissuta, come se fossero divenuti spettatori di una situazione che ormai sembrava non appartener più loro.

TRA DRAMMA E COMMEDIA

Nonostante il tema sia tragico e l'argomento da trattare molto difficile da tener sotto controllo, hanno cercato di mantenere il film - che ricorda spesso le opere di François Truffaut per l'uso della voce fuori campo, il desiderio di raccontare i giovani contemporanei e le musiche di Vivaldi - in bilico tra la commedia e il drammatico, una scelta dettata dal fatto che la regista considera il suo lavoro come qualcosa di vivo, capace di far evolvere le situazioni come accade nella vita di tutti i giorni, tanto che le prime intenzioni erano quelle di fare un film western o d'azione (di questa volontà, poi cassata, è rimasto come indice proprio il titolo), in cui una giovane coppia si ritrovava improvvisamente ad affrontare insieme una pericolosa avventura, evitando di correre il rischio di passare per qualcuno vuole necessariamente intenerire lo spettatore.

In quest'ottica, un ruolo importante all'interno della storia è riservato a quanto avviene dentro strutture mediche e ospedaliere, di solito topoi dominati da atmosfere sofferenti e lugubri. Per dare maggiore risalto alla realtà della vicenda, le riprese sono state effettuate nell'ospedale in cui è stato realmente curato il figlio della regista ma, a smorzare i toni prevedibilmente disperati, interviene spesso la figura di una pediatra che, nonostante sia portatrice di cattive notizie, ha sempre qualcosa di comico che la contraddistingue, a partire dagli occhiali con spesse lenti che indossa o la disordinata scrivania in cui si trova di tutto. 

 

 

 

 

SPERANZA E IDEALI PER LA VITTORIA

Pur essendo nello specifico la storia della malattia di un bambino, il messaggio veicolato vorrebbe coinvolgere tutti coloro che si ritrovano a affrontare un dolore come prova per superare indenni un legame di coppia. I protagonisti sono nella fattispecie due giovani per nulla preparati all'evenienza, figli di una generazione viziata e incapace di affrontare piccole e grandi traversie. Questa è la ragione principale per cui la malattia è intesa come guerra che irrompe all'improvviso e richiede coraggio per essere affrontata e/o superata.

Il piccolo Adam, a soli 18 mesi, ha un tumore al cervello e il fatto stesso che i genitori non abbiano mai provato le conseguenze del male sulla loro pelle li rende impotenti: non sanno minimamente come reagire e l'unica cosa che possono fare è accompagnare il bambino dai medici.  Si ritrovano quindi con le mani legate e, come in un sistema infernale, non riescono a liberarsi dall'idea che il bambino sia un essere umano a sé stante e non una loro estensione. Tutto ciò, però, non è mai motivo di disperazione: affrancandosi da tutti gli elementi negativi, la Donzelli sottolinea intenzionalmente ciò che di buono la malattia porta nella vita dei genitori. Con due protagonisti mai afflitti per se stessi e il loro destino ma semmai costantemente impegnati a tenere testa alla guerra che hanno intrapreso, le questioni banali della vita cessano di esistere e ogni sforzo e ogni respiro sono mirati a sconfiggere un solo grande nemico, non perdendo mai di vista speranza ed ideali.

Curiosa la scelta poi di assegnare ai protagonisti nomi con una risonanza universale e mitica. Nel chiamare gli innamorati Romeo e Juliette, con riferimento alla celebre opera di Shakespeare, sono chiari già i connotati della tragedia ma, scegliendo Adam come nome del figlio, si riequilibrano anche gli intenti, citando l'Adamo biblico, primo uomo sulla Terra chiamato ad affrontare con successo una sfida più grande di sé. 

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Valérie Donzelli mette in scena un caleidoscopio filmico stupefacente. Il film trascolora con una leggerezza indicibile attraverso soluzioni narrative e visive tipicamente Nouvelle Vague. La regista, attraverso questo vertiginoso delirio truffautiano che è La guerra è dichiarata, dichiara, in forme spericolate e liberissime, che il gesto del fare cinema è già in sé un pensare il mondo come possibilità di libertà. Da notare, infine, le prestazioni straordinarie della garrelliana Brigitte Sy, di Elina Löwensohn (ex musa di Hal Hartley) e del sempre sorprendente Frédéric Pierrot.

Commenti (9) vedi tutti

  • "GENITORI E FIGLI" è il tema in cui rientrano cinque film scelti su Rai Play, visibili senza sottostare ad alcuna formalità. Questo è il secondo e tratta di un fatto vero che sconvolge una giovane coppia: grave malattia del figlio di due anni. Se vi dico già che c'è il lieto fine vuol dire che la visione non ne soffre. Ottimismo utile.

    leggi la recensione completa di cherubino
  • ........................."e ’l conoscer chiaramente/ che quanto piace al mondo è breve sogno"

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Un cinema verita' da non perdere.

    leggi la recensione completa di ezio
  • Argomento delicatissimo affrontato senza alcuna retorica, banalizzazione ne superficialità. Bello sia nella forma che nella sostanza, commovente.

    commento di alteax
  • 7.5voto

    commento di paolofefe
  • Per fare un film, bisogna sognare. E per vederlo, accettare la sospensione dell'incredulità. Se ci riesci, tu sei il regista di te stesso e se vuoi provarci, puoi semplicemente vedere come fa Valerie Donzelli. Si sacrifica, si mette a nudo ma non smette di vivere. Perché continua a sognare. E a fare film. Capolavoro.

    commento di maurri 63
  • Film interessante in chiave Romantico/Drammatico e anche Musicale !

    leggi la recensione completa di chribio1
  • Voto al Film :  7

    commento di ripley77
  • Più il dolore è grande più il regista si affatica nella rincorsa. Tanto più si avvicina tanto più il divario stride.

    commento di michel
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bradipo68 di bradipo68
8 stelle

Il rumore dell'apparecchio della risonanza magnetica riesce a coprire tutto. Anche i pensieri. Il flusso di ricordi di Juliette si infrange su quel gracchiare fastidioso eppure è dolce cullarsi nella memoria di quel giorno in cui in un locale superaffollato incontrò Romeo, il suo Romeo, quasi volessero diventare una coppia letteraria a furor di nomen omen. La passione al primo sguardo, la… leggi tutto

16 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

bufera di bufera
6 stelle

Riportare  in cinema come protagonisti, sceneggiatori e registi da parte degli stessi individui che hanno vissuto la storia sulla loro pelle, Valérie Donzelli e Jérémie Elkaim, è stata una azione tanto coraggiosa e positiva, perchè regala un film valido, quanto discutibile dal punto di vista umano. Il film è estroso, pasticciato un po' alla Truffaut un po' ad una nouvelle vague che non si… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

PompiereFI di PompiereFI
4 stelle

Juliette e Roméo (Valérie Donzelli e Jérémie Elkaïm) si innamorano al primo sguardo. Tra jogging, giri in bicicletta e baci sulle panchine del parco, la loro giovane unione genera un bimbo di nome Adam. I genitori guadagnano abbastanza per tirare avanti, ognuno con i propri sogni nel cassetto: la prima vorrebbe diventare una grande artista nel settore dell’abbigliamento e l’altro… leggi tutto

2 recensioni negative

2020
2020

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

    Questo film ci racconta la storia della regista Valérie Donzelli e dell’allora marito Jérémie Elkaïm cosi come l’avevano vissuta. All’inizio una bella storia d’amore, accesa da un’ improvvisa scintilla una sera, in un locale.  Era nata così la bella coppia…

leggi tutto

Recensione

cherubino di cherubino
7 stelle

    Una bella foto b/n di Valérie Donzelli, regista, sceneggiatrice (insieme con il marito Jérémie Elkaïm), protagonista (e come lui anche personaggio) del film, autobiografia dedicata in primis al figlio Gabriel.   LA GUERRA È DICHIARATA (2011) Se interessa vederlo cliccate qui              …

leggi tutto
2019
2019
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2018
2018
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti
Trasmesso il 7 ottobre 2018 su Rai 5
Trasmesso il 2 ottobre 2018 su Rai 5

Recensione

barabbovich di barabbovich
5 stelle

Capolavoro o boiata pazzesca? Difficile dirlo, a partire dallo spunto iniziale: la regista (e interprete) Valerie Donzelli ha chiamato sul set il suo ex marito (Elkaïm), col quale ha vissuto gli anni di un'odissea tragica fatta di ospedali, paure, difficoltà di ogni genere. Tutto legato alla malattia - un tumore al cervello manifestatosi in maniera precocissima - del figlio Adam. Il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2017
2017
Trasmesso il 16 luglio 2017 su Rsi La1

Recensione

ethan di ethan
7 stelle

Roméo (Jeremie ElkaÏm) e Juliette (Valerie Donzelli) si conoscono a un party e scocca la scintilla: hanno ben presto un figlio maschio, Adam, che però inizia quasi da subito ad avere degli scompensi a livello di salute. Incomincai il giro dei medici e la diagnosi è spietata, ma i giovani non si perdono d'animo, perchè La guerra è dichiarata alla…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti
2016
2016
Trasmesso il 21 marzo 2016 su Rsi La1

Recensione

chribio1 di chribio1
8 stelle

Piccolo ed abbastanza curioso Film Francese che si rifa' ad una certa corrente Cinematografica appunto TransAlpina retro' della "Nauvelle Vague",risulta essere un mix di velato o piu' pronunciato Romanticismo  giovanile con una Drammaticita' personale messa in visione dalla stessa Regista/Attrice Valerie Donzelli per quanto effettivamente nella Vita reale Le e' accaduto ! Per il resto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2015
2015

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

 “La guerre est déclarée” è una delle opere più fresche che ho potuto vedere negli ultimi anni ed in più riesce ad esserlo affrontando un tema a forte rischio demagocia, quale è quello della malattia (tanto più se) infantile, e tutto è ancora più vissuto dato che è frutto diretto dell’esperienza in prima…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti
2014
2014
Trasmesso il 18 aprile 2014 su Rsi La1
2013
2013
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

ezio di ezio
8 stelle

La regista Donzelli mette in scena un fatto autobiografico su una malattia grave avvenuta al figlio.Senza autocompiacimenti, quasi in toni da commedia ma con il dramma sempre presente,con una didascalia precisa fino alla fine del percorso drammatico ,che l'ha portata anche alla separazione dal marito.Un cinema-verita' fatto in modo esemplare,da vedere assolutamente,senza spargimento di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

GARIBALDI1975 di GARIBALDI1975
10 stelle

Un vero Capolavoro ... semplice, universale, sublime, umano ... dopo aver visto questo film sono molto emozionato, tanto da trovare difficile descrivere la sua bellezza. Mi sento di aggiungere che sarà tra i miei preferiti di sempre e che è stato formato anche grazie alla ottima regia di questa giovane regista Valérie Donzelli, che di sicuro in futuro farà parlare ancora molto di se e che è…

leggi tutto
Recensione
2012
2012
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

fefy di fefy
8 stelle

Struggente, potente e nello stesso tempo poetico,"La guerra è dichiarata" è un'interessantissima operazione cinematografica. E' una storia vera, quella della protagonista che è anche regista del film.  Tutti sono veri, anche il marito. Solo i nomi cambiano, nel film sono Romeo e Juliette. Si incontrano ad una festa in un locale, si innamorano e concepiscono un figlio bellissimo, Adam, che a…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito