Espandi menu
cerca
Il Divo

Regia di Paolo Sorrentino vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Baliverna

Baliverna

Iscritto dal 10 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 97
  • Post 4
  • Recensioni 1984
  • Playlist 26
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il Divo

di Baliverna
6 stelle

Un frullato di alcuni decenni di storia italiana, coaugulato attorno alla figura del principale rappresentante di quel periodo.

Sorrentino è certamente uno dei pochi, veri registi che abbiamo oggi in Italia, e lo si vede in ogni scena del film: movimenti di macchina, invenzioni visive, inquadrature....

Tuttavia, secondo me ci sono alcuni problemini. Uno è proprio Toni Servillo, con la sua resa del protagonista. A mio modo di vedere, Servillo interpreta un Andreotti troppo statico e bolso, imperturbabile, quasi mummificato. Come gobba e postura ci siamo, ma io mi ricordo bene la sua loquela variegata (oltre che romanesca), il suo sorriso sornione e indecifrabile, il suo gesticolare più ampio, e il suo sguardo mobile. i suoi risolini, il suo senso dell'umorismo. Quello che ho visto nel film, invece, mi è sembrata una caricatura, e una caricatura al ribasso e verso il minimalismo.

Anche Totò Riina, per come viene rappresentato, mi è sembrata una caricatura che tende al patetico e al beffardo, quando tutti ricordiamo il tronfio orgoglio del personaggio, e il suo muso duro.

E poi, la struttura a-narrativa del film mi ha disturbato un po', specie nella prima parte. Perché non raccontare una storia? - mi sono chiesto.

Un episodio molto riuscito, invece, mi è sembrato il colloquio tra il protagonista e Eugenio Scalfari, questo sì un gran pezzo di cinema, anche grazie all'attore che interpreta il fondatore de La Repubblica. Più anonimi, invece, gli interpreti di Cossiga e Vittorio Sbardella.

In generale, Sorrentino dà la sua lettura di una fetta di storia d'Italia, incarnata in un unico personaggio ambiguo e opaco, che ha sempre avuto pochi sostenitori senza riserve, e molti che lo supportavano “a conti fatti”. Però era intelligente, sapeva muoversi come pochi, sapeva sfruttare le circostanze, gli amici e gli avversari. Seppe anche mettere nel sacco una parte della Chiesa (alla quale Sorrentino non risparmia pizzicotti), perché aveva posto la sua firma alla legge sull'aborto senza perdere i suoi amici cardinali. A me non piaceva, e perdipiù mi sembra un personaggio per certi aspetti indecifrabile.

Personalmente, preferisco il Sorrentino e il Servillo di altre pellicole; forse è proprio la tentazione della caricatura quella in cui entrambi sono caduti nel realizzare quest'opera.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati