Espandi menu
cerca
Disastro a Hollywood

Regia di Barry Levinson vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bradipo68

bradipo68

Iscritto dal 1 settembre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 264
  • Post 30
  • Recensioni 4749
  • Playlist 174
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Disastro a Hollywood

di bradipo68
6 stelle

Di solito quando Hollywood parla di se stessa guardandosi allo specchio raramente è caustica,indugia sempre in pericolosi intenti autoassolutori.Poche volte abbiamo visto su schermo tutto il marcio che si nasconde dietro le quinte dell'industria dello spettacolo,raramente ci viene ricordato quanto possano essere ingiustificabili alcuni atteggiamenti che i cosiddetti(molto spesso presunti) divi hanno verso il resto del mondo.Levinson ci prova con De Niro e con la complicità di tanti altre stelle di prima grandezza del firmamento hollywoodiano e il risultato non dispiace.Certo,nulla di tellurico,di destabilizzante,vediamo almeno un film che racconta alcune cose non propriamente gradevoli.Il protagonista ,Bob,è un produttore intento a fronteggiare la sua agenda che gli propina un incontro sgradevole dietro l'altro.Inoltre ha un divorzio non metabolizzato del tutto e un rapporto con l'industria non propriamente idilliaco.Forse il merito principale di questo film(non nuovo od originale) è quello di farci vedere il confine tra industria ed espressione artistica,dove finisce l'una comincia l'altra,ci fa vedere che in questo caso l'opera dell'artista nasce sempre da un progetto economico che ha importanza preponderante.E ne ha anche per il pubblico dele proiezioni di prova che si indigna ipocritamente quando vede un cane ucciso in primo piano mentre è totalmente indifferente quando il suo padrone viene giustiziato con una gragnuola di pallottole.Levinson è complice dei divi che recitano nei panni di se stessi(che un pò sputano anche nel piatto in cui stanno mangiando da lungo tempo) e di un De Niro finalmente lontano da una di quelle recitazioni piattamente alimentari che hanno caratterizzato l'ultima parte della sua carriera.Ma il film non può dirsi del tutto riuscito,a volte è ripetitivo e poi affiora in qualche occasione il sapore acre del deja vù.Cattivello,gustoso soprattutto per le caratterizzazioni grottesche di personaggi secondari(Tucci e Turturro) ma non incisivo come si dovrebbe....

Su Barry Levinson

non ai suoi livelli migliori

Su Robert De Niro

un pelino meglio che nelle ultime prove

Su Bruce Willis

caricaturale

Su Sean Penn

se stesso senza troppo sforzarsi

Su Stanley Tucci

ottimo

Su John Turturro

esilarante

Su Michael Wincott

regista totalmente fuori di testa

Su Kristen Stewart

particina

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati