Espandi menu
cerca

Trama

A Roma, vicino a uno dei primi centri commerciali della capitale, quattromila lavoratori precari hanno istituito una fabbrica di occupazione in un'anonima palazzina. Alcuni operatori telefonici organizzano scioperi, manifestazioni e scrivono un giornale per presentare un esposto all'Ufficio del Lavoro. Dopo essersi autorganizzati però hanno perso il lavoro. Qualcuno, tra di loro, avrebbe potuto salvarsi accettando un lavoro sottopagato.  

Note

Il documentario di Celestini affronta solo marginalmente le colpe della politica, le mancanze del sindacato e lo schifo dello strapotere aziendale. Lieve e pacato, l’etereo folletto col cielo nel nome corre con passo leggero sulla superficie delle cose: sui volti, le malinconie e le ironie di questi ragazzi, sui racconti e sui sorrisi. E dietro le loro “parole sante” (sante perché giuste) si intravede la realtà agghiacciante dello sfruttamento e l’angoscia di chi è stato derubato del proprio futuro.

Commenti (1) vedi tutti

  • E' un documentario. Inutile commentare. Attraverso le testimonianze dei lavoratori ci si fa immediatamente un'idea. Anche perchè i documentari a questo servono.

    commento di slim spaccabecco
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

marcopolo30 di marcopolo30
9 stelle

In un periodo in cui l'Italia del cinema riesce ad eccellere (quasi) esclusivamente nei documentari, ecco un altro ottimo prodotto, realizzato da Ascanio Celestini sul tema della precarietà (chiamiamola pure schiavitù legalizzata...) nel mondo del lavoro nel (sedicente) Bel Paese. Molto bella la metafora della goccia d'acqua nel monologo dell'autore all'inzio e alla fine del film.… leggi tutto

6 recensioni positive

2021
2021
locandina
Foto
2016
2016

Recensione

uccio di uccio
7 stelle

Il genere documentario, specie se di attualità, non andrebbe di regola guardato con così tanto ritardo rispetto alla data d'uscita nelle sale. Non che il documentario abbia impressa sopra una data di scadenza passata la quale il problema o la vicenda di cui si parla non esistono più. Magari. Le cose però si evolvono, cambiano, e potrebbe capitare di provare una strana…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2011
2011

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
9 stelle

In un periodo in cui l'Italia del cinema riesce ad eccellere (quasi) esclusivamente nei documentari, ecco un altro ottimo prodotto, realizzato da Ascanio Celestini sul tema della precarietà (chiamiamola pure schiavitù legalizzata...) nel mondo del lavoro nel (sedicente) Bel Paese. Molto bella la metafora della goccia d'acqua nel monologo dell'autore all'inzio e alla fine del film.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

satura di satura
8 stelle

Non conosco bene lo stile di Celestini, quindi non sapevo cosa aspettarmi da questo lavoro e, probabilmente, mi ha stupito perché assai diverso da quello che potevo immaginare. Benché poeticissimo e delicato riesce comunque a farci capire che no, non è così che deve andare il mondo per nessuno.

leggi tutto
Recensione
2010
2010

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

La fraudolenta applicazione della legge 30/2003 ha creato, nel cuore della capitale, una nicchia di sfruttamento degna della prima era industriale: lavoro a cottimo, stipendio da fame, assenza di garanzie e di diritti, niente ferie, malattia, maternità. Gli schiavi, “incatenati” alla postazione di un call center operante per conto di una nota compagnia telefonica, in…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2009
2009

Roma

Redazione di Redazione

Difficile dire cosa sia stata Roma per il cinema - e non solo per quello italiano - senza cadere nella retorica e nei luoghi comuni. Solo poche città al mondo (Parigi, New York, forse Londra) hanno saputo occupare lo…

leggi tutto
Playlist

Disoccupazione

Redazione di Redazione

Una taglist dolente, che parla di disoccupazione, di lavoro che non c'è, di precariato. Temi duri, difficili, che di recente hanno attraversato il cinema italiano trasversalmente ai generi: dal documentario sino alla…

leggi tutto
Playlist
2008
2008

Recensione

barabbovich di barabbovich
10 stelle

A Cinecittà, a due passi dal Grande Raccordo Anulare, c'è un edificio enorme, espressione della Roma palazzinara e ingorda degli anni '50 e '60. È la sede dell'Atesia, il più grande call center italiano, uno dei più grandi d'Europa, una macchina da 300mila telefonate al giorno e 4000 impiegati che con cornetta, mouse e tastiera rispondono ai clienti Tim. Questi…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

Ascanio Celestini, teatrante e documentarista, atterra in una landa desolata vicino al raccordo anulare di Roma: tra un centro commerciale e una colata di cemento sorge il palazzo di Atesia, il primo call center italiano. Quattromila dipendenti, trecentomila telefonate al giorno. Così si va a conoscere i ragazzi che ci lavorano: nel 2000 alcuni tra loro hanno organizzato scioperi,…

leggi tutto
Recensione
Uscito nelle sale italiane il 28 gennaio 2008
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito