Espandi menu
cerca
A mezzanotte va la ronda del piacere

Regia di Marcello Fondato vedi scheda film

Recensioni

L'autore

LorCio

LorCio

Iscritto dal 3 giugno 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 144
  • Post 34
  • Recensioni 1625
  • Playlist 251
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su A mezzanotte va la ronda del piacere

di LorCio
6 stelle

Il tango delle capinere: fa già ridere di per sé il titolo di quella vecchia canzone, un cui verso dà il titolo a questo film. A mezzanotte va la ronda del piacere è quasi un fumetto pop di scanzonata e buffa eleganza. Sgargiante nel suo aspetto formale di ricercata sinuosità cromatica nei costumi e negli arredamenti, si basa su una storia il cui sviluppo è connotato di una indubbia leggerezza. Non è una parodia del genere legale, ma una divertita (e anche divertente, nonostante una qualche prolissità di troppo) visione, impregnata di ironia non solo sulla giustizia (giustizia ufficiale affidata a svogliati giudicanti e giustizia privata in cui riescono solo i furbi e non i fessi o i puri), essendo una commedia sull’infedeltà coniugale e sulle bugie della coppia, sul menage matrimoniale e sull’impossibilità di uccidere un innamorato.

 

Marcello Fondato non è mai stato un grande regista, ma aveva un certo gusto beffardo (nel film regna sovrano lo schiaffo come gesto d’amore e d’odio) e sapeva dirigere gli attori che schierava in campo: la migliore è Monica Vitti, che spiccava il volo quando le si offriva un ruolo surreale, ma anche Claudia Cardinale ha un suo candore notevole. Il tango di Vitti e Giannini è sublime. Il finale offre più possibilità. Ma in realtà ce ne frega fino ad un certo punto (anche se il personaggio di Gassman, potenziale incubo di Di Pietro e Visco, lo butterei volentieri dal palazzo in costruzione): non sarà un capolavoro, ma è piacevole.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati