Espandi menu
cerca
Il generale Della Rovere

Regia di Roberto Rossellini vedi scheda film

Recensioni

L'autore

GIMON 82

GIMON 82

Iscritto dal 7 marzo 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 106
  • Post -
  • Recensioni 430
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Il generale Della Rovere

di GIMON 82
10 stelle

Dopo il pessimismo lacerante di "Germania anno zero"(1948) Rossellini ritorna sui luoghi devastati della guerra,ma se nel periodo neorealistico  poneva l'accento sulla disastrata parentesi sociale  della Roma (e non) in piena guerra,qui si esaltano i contenuti umani dell "homo italicus",dunque un affresco  su vizi,bassezze,e virtu' del nostro popolo."Il generale Della Rovere" si annovera tra quelle pellicole  che avviarono il dorato filone della "commedia all'italiana" (qui c'è pero' ben poco di comico e molto di tragico),l'assonanza con i temi trattati da Monicelli o Risi non è nell'ironia ma nell' amarezza e i toni da tragedia greca,quindi la verosimiglianza con il film "LA GRANDE GUERRA" (con cui condivide la vittoria ex aequo al Festival di Venezia) è data non dalla struttura generale  (nonostante l'ambientazione sia simile seppur in periodi diversi) ma dal finale  tragico di uomini che hanno "speso" male la vita "guadagnando" bene la morte.

 

 

Rossellini snoda una vicenda amara (con punte grottesche) ambientata in un imprecisata cittadina del nord'Italia esaltata da un eccellente fotografia in bianco e nero, qui vediamo un uomo:Emanuele Bardone alias colonello-ing.Grimaldi,un truffaldino che campa sulle sventure altrui  (s)vendendo patacche,quest'uomo promette alle famiglie dei prigionieri di guerra eventuali liberazioni dei propri  cari in cambio di denaro che poi sperpera al gioco.Per facilitare lo squallido meccanismo Bardone si finge intermediario con la complicita' 

di un suo (falso) amico che è un gerarca nazista.

 

Il personaggio centrale è "tutto" questo: un uomo volgare e meschino stagliato da Rossellini  con maestria nel contesto visivo (e filmico) consono al desolante animo del protagonista,servendosi anche di documenti di repertorio le immagini acquisiscono un impianto realistico imponente.La prima parte  è dedicata alla cura di un ambiente lacerato dalla guerra sublimato dalla psicologia dei personaggi centrali (interpretati maestosamente da De Sica e Messemer) .Il ritratto  emergente è quello  dell'italiano che "tiracchia" a campare che poi rivedremo in  altre pellicole con fondi piu' ironici e leggeri.Qui  la prima parte è un ritratto pietoso di un uomo qualunque,la seconda assume invece dei toni didascalici che toccano vette di puro "neorealismo":Bardone dopo essere stato smascherato dalla moglie di un prigioniero  riesce ad evitare una dura condanna scendendo ad un meschino compromesso: diventa una sorta di "spia" al soldo dei nazisti al fine di smascherare eventuali sovversivi all'interno del carcere,"assume" cosi' l'identita' di un generale della resistenza:tale Della Rovere erroneamente assassinato da un commando tedesco.Il momento topico del film è proprio questo:l'ingresso di Bardone-Della Rovere all'interno di S.Vittore,qui la fotografia e i toni si fanno cupi esaltandone la drammaticita' della situazione,assumendo le sembianze del capo-partigiano Bardone si (ri)appropria di un umanita' che sembrava non appartenergli,avviandosi ad un percorso di umana ed eroica redenzione;la vicinanza con i partigiani condannati a morte che lo trattano con riverenza smuove la coscienza di un uomo sempre dall'altra parte della barricata. Assistiamo a un susseguirsi di connivenze umane e tragiche dove  Bardone si ritrova coinvolto,  ribellandosi allo sporco meccanismo delatorio perpetratogli dai nazisti, riappropriandosi' cosi' di un eroica  dignita' ed  avviandosi alla fine.....

Una vicenda epistolare resa da Rossellini pura accademia da "postneorealismo",tratto dall'omonimo libro di Indro Montanelli,uomo arguto che conosceva benissimo vizi e virtu' italiche avendole vissute in prima persona nei drammi della guerra,questo capolavoro è il perfetto ritratto dell'italiano,un documento struggente da divulgare  all'estero,dove agli occhi di tutti veniamo "stereotipati" come cialtroni,in parte è verita',ma film cosi' (o "La grande guerra") mostrano un altro lato di noi,quello del (gran) cuore e delle virtu' che rompono qualunque barriera  ideologica,umana e sociologica....e tutto cio' non è solo semplice campanilismo.....

Roberto Rossellini

Regia magnifica ed epistolare,costruisce un opera tragica che vive nelle sembianze di un uomo comune che diventa eroe,un film ingiustamente poco ricordato che merita una rivalutazione per la grandezza e le emozioni che trasmette......GRANDIOSO.

Vittorio De Sica

Una prova maestosa,(forse) la migliore della sua carriera,con classe e malinconia il grande Vittorio ci offre il ritratto di un uomo affabulatore e meschino che il contatto con il cuore e la sofferenza trasformano in eroe......MAGNIFICO.

Hannes Messemer

Alla pari di De Sica offre una prova maiuscola e calibrata,quella di un ufficiale nazista dal volto umano,che nel finale dimostra pero' un certo cinismo.....OTTIMO.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati